Toscana Calcio

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su Toscana Calcio

Il COVID-19 è una possibile causa del morbo di Alzheimer? Pratica di guarigione

Effetti del COVID-19 sulla cognizione umana

Il COVID-19 sembra essere una possibile causa della demenza simil-Alzheimer. Nuove prove suggeriscono che SARS-CoV-2 può avere effetti duraturi sulla funzione cerebrale, richiedendo lo sviluppo di strategie terapeutiche per il deterioramento cognitivo associato a COVID-19.

Un nuovo studio condotto da ricercatori della Cleveland Clinic (USA) ha rivelato interazioni significative tra il morbo di Alzheimer e il virus COVID-19, concentrandosi sulla neuroinfiammazione e sul danno microvascolare. Lo studio è stato pubblicato sull’English Language Journal.Ricerca e cura della malattia di AlzheimerInserito.

Il COVID-19 si presenta spesso con sintomi neurologici

Le segnalazioni di complicanze neurologiche nelle persone con COVID-19, il cosiddetto COVID-19 prolungato, stanno diventando sempre più comuni, suggerendo che SARS-CoV-2 potrebbe avere effetti duraturi sulla funzione cerebrale. I risultati del nuovo studio ora indicano una sovrapposizione tra COVID-19 e Alzheimer Rapporto dei ricercatori.

L’autore dello studio, il dott. Feixiong Cheng della Cleveland Clinic. Tuttavia, identificare il legame tra COVID-19 e problemi neurologici sarà fondamentale per sviluppare strategie preventive e terapeutiche efficaci “per affrontare l’improvviso aumento del danno neurocognitivo che prevediamo nel prossimo futuro”.

Che ruolo giocano i fattori genetici?

Per lo studio attuale, gli esperti hanno utilizzato l’intelligenza artificiale utilizzando i set di dati esistenti di persone con malattia di Alzheimer e COVID-19. Hanno misurato la vicinanza tra i geni/proteine ​​dell’ospite SARS-CoV-2 e quelli associati a più malattie neurologiche, con una maggiore affinità che indica percorsi di malattia correlati o comuni. I ricercatori hanno anche analizzato i fattori genetici che consentono a SARS-CoV-2 di infettare il tessuto e le cellule cerebrali.

La relazione tra COVID-19 e neuroinfiammazione

Sebbene siano state trovate poche prove che il virus colpisca direttamente il cervello, i ricercatori hanno scoperto strette relazioni di rete tra il virus e i geni/proteine ​​associati a molte malattie neurodegenerative. Poiché ciò è particolarmente vero per il morbo di Alzheimer, è stato suggerito che il COVID-19 può portare a una demenza simile al morbo di Alzheimer. Per approfondire la questione, gli esperti hanno analizzato le possibili associazioni tra COVID-19 e la cosiddetta neuroinfiammazione e danno microvascolare cerebrale, entrambi segni distintivi dell’Alzheimer.

READ  Gli esperti avvertono dell'inquinamento della Terra: il rover Marte dovrebbe inviare campioni di suolo sulla Terra

L’autore dello studio, il dott. Cheng in uno comunicato stampa Abbazia della clinica di Cleveland.

Secondo il dott. Cheng osserva che il virus può influenzare più geni o percorsi di segnalazione coinvolti nella neuroinfiammazione e danni alla microcircolazione del cervello, causando un deterioramento cognitivo simile all’Alzheimer.

Più probabilità di contrarre il COVID-19?

Il gruppo di ricerca ha anche scoperto che le persone con il più alto fattore di rischio genetico per la malattia di Alzheimer (allele APOE E4/E4) avevano una ridotta espressione dei geni di difesa antivirale, il che potrebbe renderle più suscettibili al COVID-19.

ha aggiunto il dott. Cheng ha aggiunto. I ricercatori stanno attualmente lavorando sull’utilizzo delle più recenti tecnologie di medicina di rete e intelligenza artificiale per identificare biomarcatori utilizzabili e nuovi bersagli terapeutici per i problemi neurologici legati al COVID-19 nelle persone con conseguenze a lungo termine del COVID-19. (Ad esempio)

Informazioni sull’autore e sulla fonte

Questo testo è conforme ai requisiti della letteratura medica specializzata, delle linee guida cliniche e degli studi attuali ed è stato esaminato da professionisti medici.

gonfiare:

  • Yadi Zhou, Jielin Xu, Yuan Hou, James B. Leverenz, Asha Kallianpur et al. (veröffentlicht 09.06.2021), Ricerca e cura della malattia di Alzheimer
  • Cleveland Clinic: uno studio condotto dalla Cleveland Clinic determina la misura in cui il COVID-19 è associato al deterioramento cognitivo simile all’Alzheimer (veröffentlicht 10.06.2021), Clinica di Cleveland

nota importante:
Questo articolo è solo a scopo di orientamento generale e non è destinato all’uso per l’autodiagnosi o l’autotrattamento. Non può sostituire una visita dal medico.