Toscana Calcio

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su Toscana Calcio

Il ciclista professionista Emmanuel Buchmann punta al podio al Giro: “So che ce la posso fare”


Il tour è più breve e il compito non è meno impegnativo. Emmanuel Buchmann, quarto al Tour de France 2019, vuole essere tra i primi tre dell’attuale Giro d’Italia. “La piattaforma è l’obiettivo. So di poterlo fare. Non vuoi venderti per meno”, ha detto uno specialista di arrampicata del Lago di Costanza, prima dell’inizio del tour sabato.

Mostrare


Ha scelto il Giro d’Italia perché il Tour de France ha in serbo molti chilometri di prova quest’anno. Questa non è la sua specialità. Questo era evidente anche all’inizio del Giro. In una prova unica di 8,6 chilometri su Torino, Buchmann era solo 104 °, perdendo quasi un minuto contro il vincitore Filippo Jana. Quel che è peggio per lui è che ha perso tempo anche sulla maggior parte dei diretti concorrenti, 36 secondi sull’eccezionale talento belga Rimco Evinbuell, 17 secondi sul britannico Simon Yates, che aveva già vinto alla Vuelta e dopo una vittoria convincente all’Alpine Tour. È il favorito del Giro ad aprile. “Non mi sentivo molto bene, ma non mi sentivo nemmeno molto male”, il risultato misto di Buchmann dopo una partenza mista è stato altrettanto.


Buchmann è ancora calmo: “Il giroscopio deciderà nella terza settimana”.


Tuttavia, non deve ancora gettare la bici nel fosso. “Il Giro d’Italia si deciderà nella terza settimana. Potrebbero esserci ancora tempi molto lunghi”, ha detto Buchmann. Negli ultimi anni, gli uomini spesso hanno vinto una gara giroscopica arrivando con diversi minuti di ritardo negli ultimi tre o quattro giorni prima della fine. Nel 2020, il britannico Tao ha sconfitto Geoje Jean Hart, nonostante fosse in ritardo di quasi tre minuti quattro giorni prima della fine. Chris Fromm ha trascorso quasi quattro minuti nel 2018, Vincenzo Nepalese oltre quattro minuti e mezzo nel 2016.

READ  Germania in esame individuale: risultati Mondiali contro la Lettonia


Anche il piano di formazione di Buchmann è orientato verso tali scenari. Vuole essere forte soprattutto nella terza settimana. Tuttavia, questo vale anche per i suoi concorrenti. Possono anche leggere le statistiche e vedere che la decisione verrà presa in montagna la scorsa settimana. Buchmann ora soffre dello svantaggio di essere dietro ai concorrenti. Non sopporta di commettere altri errori e deve considerare l’opportunità di sfruttare le opportunità che le situazioni di gara gli offrono.


La quarta tappa di martedì con una discesa breve ma quasi del dieci per cento a Sistula fa una prima impressione della forma di montagna dei corridori della classifica. Due giorni dopo, è arrivato il momento di salire i 15 chilometri a San Giacomo, quindi Buchmann non dovrebbe fare troppo affidamento sull’ultima settimana, ma dovrebbe dimostrare la sua prima settimana di attività di arrampicata.


In questo Giro viene determinato l’ulteriore percorso di carriera di Bushman


Per il 28enne Ravensburger, un ulteriore percorso di carriera sarà determinato in questo giroscopio. Dice: “A ventotto anni sei nel pieno dell’età di un automobilista turistico”. Ora si tratta di raccogliere i frutti di anni di formazione. Questo è stato caratterizzato dalla disciplina nelle unità di resistenza, ma anche nel mangiare ed evitare le malattie. Il Tour de France dell’anno scorso ha fatto tornare Buchmann alla rimonta. L’aspetto era gravato da ferite da caduta, niente in confronto al Premium Tour 2019. All’epoca, non si trattava solo della piattaforma che annusava. Si è anche rivelato un leader forte. Se è salito sul podio al suo debutto al Giro, dovrebbero esserci più ruoli di capitano nei prossimi anni. Se fallisce, minaccia di essere retrocesso a un posto nella squadra corse di Bora-hansgrohe piena di corridori.

READ  Auto sportive usate: BMW M3 / M4 | Auto e guida sportiva


Lui stesso sta manipolando più di un semplice punto sul palco. “Se puoi portare al podio, la vittoria generale di solito non è così lontana”, ha detto. Inoltre, il modello dovrebbe essere migliore di “Non proprio buono, ma non troppo cattivo” per i prossimi giorni.


La terza tappa è stata vinta da Taco van der Horn


Taco van der Hoen ha vinto la terza tappa lunedì. Si è ricompensato per un coraggioso attacco. Dopo 190 chilometri da Biella a Canal, il 27enne ha risparmiato un vantaggio di quattro secondi dall’avvicinarsi al campo, che Van der Hoen non ha potuto fermare. L’italiano David Cimulay ha conquistato il secondo posto, davanti allo slovacco Peter Sagan del team tedesco Bora Hansgrohe. Van der Hoen faceva parte di un gruppo scheggiato ed è stato separato solo dai suoi compagni rimasti negli ultimi chilometri. Buchmann ha tagliato il traguardo con il Peloton.


Il campione del mondo italiano Filippo Gana indossa ancora la maglia rosa del primo anno. Il suo stalker più vicino è il norvegese Tobias Voss di Jumbo-Visma, con 16 secondi di ritardo.