Toscana Calcio

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su Toscana Calcio

I vaccini corona aprono la strada: la pratica della guarigione

Le vaccinazioni COVID stanno guidando la ricerca sul cancro

I vaccini mRNA contro SARS-CoV-2 sono stati ampiamente utilizzati per la prima volta nell’uomo. In effetti, la ricerca su tali vaccini è stata condotta molto prima della pandemia di Corona. L’attenzione globale su questo argomento ha dato alla tecnologia in quest’area un potente impulso. Ciò potrebbe anche portare a nuovi vaccini contro il cancro nel prossimo futuro. Esperto Dott. Guido Wollman spiega i dettagli.

Dott. Guido Wollmann è il capo del Laboratorio Christian Doppler per l’immunoterapia virale presso l’Università di Medicina di Innsbruck. La sua specialità si chiama virus oncolitici. Questo particolare tipo di virus agisce direttamente o indirettamente contro le cellule cancerose. Per più di un decennio, i ricercatori hanno cercato di utilizzare tali virus per curare o prevenire il cancro. Le conoscenze acquisite dai vaccini contro la corona possono ora fare un passo avanti fondamentale.

Intervista all’esperto con il ricercatore oncologico Guido Wollman

Sebbene la grande svolta debba ancora essere raggiunta, i risultati di decenni di ricerca sui vaccini contro il cancro hanno contribuito a garantire che i vaccini mRNA contro SARS-CoV-2 possano essere rilasciati così rapidamente. Il ricercatore sul cancro Woolman spiega perché la ricerca sul cancro sta ora beneficiando dei risultati delle vaccinazioni di massa contro la corona.

Qual è lo stato dei vaccini mRNA contro il cancro?

“I tre noti produttori di vaccini mRNA hanno un background molto forte nella vaccinazione contro il cancro che è cresciuto nel corso degli anni”, afferma Woolman. Uno dei motivi per cui lo sviluppo del vaccino Corona è stato così rapido è che queste tecnologie vaccinali sono già avanzate nel trattamento del cancro. Secondo Wollmann, queste piattaforme di RNA, che possono quindi essere equipaggiate individualmente con estratti di RNA da coronavirus o mutanti tumorali, sono state ben caratterizzate negli studi clinici su migliaia di malati di cancro per molti anni.

In che modo i principi di lavoro differiscono nel cancro e nel corona?

“In un vaccino mRNA, inserisci informazioni genetiche di breve durata e le tue cellule del corpo le usano per produrre una proteina”, spiega l’esperto. Queste possono essere informazioni su una proteina virale, ad esempio, ma anche informazioni su un componente modificato di una proteina endogena, ad esempio una mutazione in un tumore. Pertanto il vaccino mRNA può codificare specificamente le regioni della mutazione contro il cancro. “Si tratta di componenti tumorali che solo il sistema immunitario percepisce, ma che non hanno più alcuna funzione”, conferma il direttore del laboratorio.

READ  Più vaccini a causa del più alto tasso di infezione? Landkreis sta cercando di ottenere ulteriori spedizioni

Iniettare virus oncolitici nel tumore

Oltre ai vaccini mRNA, esistono anche i cosiddetti vaccini vettoriali contro SARS-CoV-2, il cui principio è diverso. “Per l’uso in un vaccino COVID, alcuni virus vengono quasi completamente distrutti, riempiti con una piccola parte delle informazioni genetiche del virus COVID – qui come un pezzo di DNA anziché RNA – e usati come una frase”, spiega Woolman. Il corpo riconosce ancora il virus debellato come un virus e genera una risposta immunitaria.

“È diverso con i virus oncolitici, che sono killer del cancro”, afferma il ricercatore sul cancro. Non può essere divorato perché deve solo moltiplicarsi nel tumore. Nella ricerca sul cancro si stanno sviluppando terapie in cui i virus oncolitici vengono iniettati direttamente nel tumore. Lì attaccano specificamente le cellule tumorali e rilasciano anche l’infiammazione che attira l’attenzione del sistema immunitario sul tumore.

I vaccini contro il COVID faranno avanzare la ricerca sul cancro?

“Sì, beh”, conferma Wolman. All die sehr wichtigen, aber auch strengen, Regulatorischen Prozesse stellen dem Experten zufolge für die großen Firmen im Prozess der klinischen Testphasen und der Zulassung eine Hauptlast dar. Da helfe es, wenn man auf die Erfahrungen von millionenfacher Anwendung dieser neuartigen biologischen Therapie-Plattformen zurückgreifen can.

“Ora hai ulteriori argomenti in termini di profilo di sicurezza”, afferma Woolman. Questa vaccinazione di massa allevia molte preoccupazioni su questi nuovi trattamenti. La pandemia di corona ha anche portato a un importante vantaggio nel processo di upscaling, ovvero quando si aggiornano le strutture operative per produrre in serie un vaccino. Questo è un importante bonus futuro per lo sviluppo di vaccini contro il cancro.

In che modo la ricerca sul cancro beneficia a livello tecnico?

“La ricerca sulle terapie antitumorali basate su vettori, ovvero vaccini antitumorali e virus oncolitici, in particolare può apprendere dalle interazioni immunitarie tra la risposta immunitaria contro un antigene bersaglio, ad esempio corona o proteina tumorale, e la risposta immunitaria al controllo del vettore”, dice Wollmann.

READ  Incidenza inferiore a 50: perché il numero di casi sta diminuendo così rapidamente ora

L’esperto continua: “Un altro argomento strettamente correlato è l’uso ormai massiccio dei vaccini misti COVID”. Questo principio è stato seguito nel trattamento sperimentale del cancro per più di dieci anni e gli studi in corso su questo approccio in tutto il mondo incoraggeranno sicuramente anche l’uso misto dei vaccini contro il cancro. Ottieni dati clinici sulla reazione dell’organismo alle formulazioni dei vaccini e puoi fare dei paralleli.

Come reagisce il sistema immunitario agli adenovirus?

Gli adenovirus sono utilizzati nei vaccini vettoriali COVID-19, che vengono utilizzati anche per i virus oncolitici. “Tutti sono costantemente esposti agli adenovirus – questi sono i classici virus del raffreddore lieve”, spiega lo scienziato. L’adenovirus genera un’immunità molto forte, ma non di lunga durata. Tuttavia, ci sono molti sottotipi di adenovirus. I quattro vaccini a base di adenovirus COVID attualmente approvati in diverse parti del mondo si basano in parte su diversi sottotipi di adenovirus che si verificano raramente o per niente nell’uomo. In questo modo si aggira un’immunità esistente.

“Nel trattamento dei tumori, è stato dimostrato che la somministrazione endovenosa di adenovirus oncolitici suscita raramente le reazioni desiderate nei tessuti tumorali, che sono in gran parte dovute a questa particolare preimmunità contro alcuni adenovirus”, spiega l’esperto. A causa dell’elevato potenziale di immunità, secondo Wollmann, gli adenovirus e altri virus oncogeni umani vengono iniettati direttamente nel tumore.

Quali sono gli effetti collaterali della vaccinazione contro il cancro?

“In generale, rispetto alla chemioterapia, gli effetti collaterali dei vaccini contro il cancro o dei virus oncolitici sono molto inferiori”, sottolinea Woolman. Hai reazioni terapeutiche che fanno parte della risposta immunitaria che viene stimolata nel corpo. Questi sono per lo più sintomi simil-influenzali.

“Con le applicazioni RNA, sono generalmente considerate molto sicure”, afferma Woolman. Forti reazioni allergiche, raramente descritte, possono essere attribuite al guscio delle nanoparticelle, la bolla protettiva in cui si trova l’RNA. Dopo un attento esame di questi casi, è stato riscontrato che questa reazione allergica colpisce solo le persone con una storia di allergia a uno dei componenti di queste nanoparticelle, lo stabilizzatore polietilenglicole (PEG). “Le persone colpite hanno già mostrato anticorpi contro questo componente”, spiega Wollman. Se il PEG viene iniettato con la vaccinazione, può causare una reazione allergica.

READ  L'effetto dell'età biologica: suggerimenti per rallentare il processo di invecchiamento

Esistono trattamenti approvati per i tumori virali?

“Una pietra miliare è stata raggiunta nel 2015 quando il primo virus oncolitico è stato approvato per il trattamento del melanoma negli Stati Uniti e in Europa”, afferma Woolman. “T-Vec”, che si basa su un virus dell’herpes modificato, ottiene ottimi risultati di trattamento per un certo numero di persone infette. Il tasso di risposta è all’incirca nell’intervallo in cui gli inibitori del checkpoint (la forma di immunoterapia, NB) hanno rivoluzionato il trattamento del cancro.

“In molti casi, risposta significa non solo sopravvivenza prolungata, ma anche controllo a lungo termine del tumore fino alla guarigione”, sottolinea il ricercatore sul cancro. Da un lato, i virus infettano le cellule tumorali nei tumori trattati in un modo molto specifico e le distruggono. D’altra parte, i virus innescano anche una risposta immunitaria molto forte contro il tumore e quindi impediscono che ritorni in altre parti del corpo, cioè la formazione di metastasi.

“Questa è la grande promessa di questi virus oncogeni”, riassume il capo del Laboratorio Christian Doppler per l’immunoterapia virale. Quasi tutti gli studi clinici sui virus oncolitici sono ora combinati con l’immunoterapia. (FP)

Informazioni sull’autore e sulla fonte

Questo testo è conforme ai requisiti della letteratura medica specializzata, delle linee guida cliniche e degli studi attuali ed è stato esaminato da professionisti medici.

autore:

Diplomi Editor (FH) Volker Plasic

gonfiare:

  • Università di Medicina di Innsbruck: “La vaccinazione contro il COVID stimola la ricerca sul cancro” (data di pubblicazione: 06.06.2021), Sono med.ac.at
  • Centro federale per l’educazione sanitaria (BZgA): tutte le informazioni importanti sui vaccini mRNA (al 28 maggio 2021), infoktionsschutz.de
  • Christian Doppler Forschungsgesellschaft (CDG): CD di laboratorio per l’immunoterapia del cancro virale (consultato il 18 giugno 2021), cdg.ac.at

nota importante:
Questo articolo è solo a scopo di orientamento generale e non è destinato all’uso per l’autodiagnosi o l’autotrattamento. Non può sostituire una visita dal medico.