Toscana Calcio

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su Toscana Calcio

I test dell’antigene rilevano solo il 56,3% delle infezioni da COVID-19

Max Mosterman ha bisogno di un nuovo taglio di capelli. Per fare ciò, esegue un test rapido dell’antigene, che risulta essere negativo. Con la guida va dal parrucchiere. Max aveva già previsto il risultato negativo, dopotutto non aveva segni di malattia. Ma l’ha fatto ieri con Corona Ferito. Dopodomani sarà con lui Voglia Stendersi sul letto. Ma ancora oggi non ne sa niente.

Al momento del test, la carica virale, cioè la quantità di virus attivi nel suo corpo, era ancora bassa. Il test di reazione a catena della polimerasi che rileva anche le più piccole quantità di virus sarebbe stato eseguito quel giorno e avrebbe dato un risultato positivo del test. Il test rapido dell’antigene non ha rivelato una bassa carica virale. Il giorno successivo, quando i virus si stanno moltiplicando nel corpo di Max, anche il test rapido mostrerà un risultato positivo.

Il rischio di infettare gli altri nel parrucchiere di Max è basso (a causa della bassa carica virale), ma non è pari a zero. Max è stato probabilmente più trascurato quel giorno perché ha ricevuto un risultato negativo e si presume che sia in buona salute. Oggi non prende molto sul serio quando si tratta di lavarsi le mani e stare a distanza. E la sua maschera è relativamente sciolta quando si taglia i capelli perché è più comoda.

Vuoi una comprensione più profonda?

Ben informato sulla crisi con la nostra guida Corona: gli esperti spiegano cosa stai facendo ora Covid-19 Bisogno di sapere.

Un risultato negativo del test dell’antigene non esclude l’infezione da SARS-CoV-2

Poiché i test rapidi sono meno sensibili, conoscono la possibilità di infezione solo se ci sono molti virus nel campione. Il test non rileva un’infezione precoce con una bassa carica virale. Anche il virologo Christian Drosten ha affrontato questo problema nel suo libro NDR-Podcast È già stato indicato. Esiste un “gap di rilevamento” nella fase iniziale del test dell’antigene e quindi c’è una falsa sicurezza durante questo periodo.

READ  Crisi climatica: Net Zero Target - Il problema con zero max

“I test rapidi possono essere meno affidabili del previsto”, afferma Drosten. Si stima che tra il 40 e il 60 percento degli infortuni venga ignorato nei test rapidi.

Quanto sono importanti i test rapidi, allora? Infine, oltre al “gap di rilevamento”, esiste un certo rischio che i test siano falsi positivi o falsi negativi. I produttori indicano sensibilità o specificità a questo:

  • Il sensibilità Mostra la frequenza con cui il test rileva correttamente l’infezione. Maggiore è la sensibilità del test, più affidabile è in grado di rilevare una malattia con un risultato positivo.
  • Il Qualità Indica la probabilità che una persona sana venga riconosciuta come tale. Quindi il risultato è negativo.

I produttori non promettono la sicurezza al 100%. La sensibilità della maggior parte dei test è compresa tra il 92,2% e il 97,3%.

FOCUS Online Calcola

Supponiamo che la persona con i sintomi sia contagiosa per dieci giorni. Inoltre, un paziente che non ha sintomi è contagioso, ma secondo le attuali conoscenze per un periodo più breve, circa sette giorni. Entrambi sono contagiosi tre giorni prima del primo giorno in cui compaiono i sintomi, mentre la carica virale nei loro corpi è ancora molto bassa.

Il test rapido verrà quindi eseguito per sette giorni su dieci nel primo caso e quattro giorni su sette nel secondo caso. Il Robert Koch Institute sospetta che ci siano sei volte più persone asintomatiche che asintomatiche.

Per scoprire la possibilità di un test rapido dell’antigene per rilevare l’infezione, il calcolo è il seguente: (7/10 * 1 + 4/7 * 6) / 7 = 0,59

Ciò significa che un test rapido dell’antigene può rilevare l’infezione solo nel 59% dei casi, a condizione che la sensibilità del test sia del 100%. Nel caso di un test la cui sensibilità è del 95,4 percento, ad esempio, alla fine è solo quello 56,3 per cento di tutti i casi. È solo poco più della metà.

  • Suggerimento di lettura: Uno studio della “Cochrane Collaboration” è giunto a una conclusione simile: che i test antigeni rileverebbero solo il 58% delle persone infette. Ulteriori informazioni sullo studio qui.
READ  I numeri Corona in Germania: 23.700 nuove infezioni e meno pazienti in terapia intensiva

I test rapidi hanno ancora senso

Katarina Schuller, statistica e focus su Internet, ha chiesto l’uso di test rapidi dell’antigene: ne confermano i benefici. Un altro ospite su FOCUS Online, Perché riconoscono in modo affidabile le persone infette che rappresentano un rischio particolarmente elevato per gli altri perché sono portatori di molti virus attivi.

Schuller scrive: “Nel campo della diagnostica medica, un alto livello di sensibilità è particolarmente importante, motivo per cui i test PCR vengono utilizzati per la diagnosi medica individuale della malattia”. “In campo non medico, è più legato al contenimento dell’epidemia che alla ripresa della vita sociale. Pertanto, fattori come la velocità del risultato del test, la facilità d’uso e l’alta disponibilità sono fattori cruciali. La domanda diagnostica ‘Do I have Corona? “Si può rispondere in modo affidabile solo con” Sì. Con un test PCR, Schuller continua: “La domanda è: sono un pericolo per gli altri?” No si può anche rispondere con un alto grado di certezza utilizzando un test rapido.

Lo statistico consiglia di eseguire test rapidi da parte di personale addestrato, se possibile, per evitare errori dell’applicazione. D’altronde bisogna stare più attenti agli autotest condotti recentemente da qualche avversario, anche se sono anche test antigenici. Sulla carta sono praticamente sensibili e specifici come i test rapidi nei centri privati ​​o in futuro. anche da medici e farmacisti Forse da organizzazioni umanitarie. Ma se usato in modo errato c’è un rischio maggiore che produca risultati errati “.