Toscana Calcio

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su Toscana Calcio

I talebani festeggiano il ritorno del cofondatore: il prossimo presidente sarà il mullah? – Politica all’estero

Canto islamista dell’età della pietra, benvenuto da eroe a una delle loro figure di spicco:

Martedì, il mullah Abdul Ghani Baradar, una delle figure più importanti del movimento, è tornato in Afghanistan. Ha trascorso 20 anni in esilio in Qatar.

Arrivo vittorioso a Kandahar, l’ex capitale dei talebani. Lì è stato accolto con canti di vittoria, e gli islamisti hanno salutato la sua processione e lo hanno celebrato dal lato della strada.

Baradar è cresciuto anche a Kandahar, dove l’Unione Sovietica ha combattuto a fianco dei Mujaheddin negli anni ’80. Fino a poco tempo fa era a capo dell’ufficio politico dei talebani a Doha, la capitale del Qatar.

In questa posizione, ha guidato i negoziati con gli Stati Uniti nel febbraio 2020, ha firmato l’accordo di recesso degli Stati Uniti e ha parlato più volte con l’allora presidente degli Stati Uniti Donald Trump e ha anche incontrato il suo segretario di Stato Mike Pompeo.

Baradar, nato nel 1968 secondo l’Interpol, è uno dei fondatori del movimento talebano. Oggi è il vice capo del movimento estremista islamico. Sotto l’allora leadership talebana, il mullah Omar, il cui sostegno al leader di al-Qaeda Osama bin Laden ha portato all’invasione occidentale dell’Afghanistan dopo gli attacchi terroristici dell’11 settembre, era già un deputato.


Il Segretario di Stato USA e IT Mike Pompeo con il Mullah Abdul Ghani Baradar nel settembre 2020 a Doha (Qatar)Foto: picture alliance / AA

Baradar diventerà ora il capo dei talebani? Molto possibile. Gli islamisti stanno attualmente negoziando tra loro il loro governo. I circoli di intelligence presumono che Baradar sarà almeno un super ministro.

Ma ci sono altri candidati:

▶ ︎ anche Mullah Yacoub Il capo militare talebano e figlio del mullah Omar, fa parte della leadership del movimento, ma è ancora molto più giovane della maggior parte degli altri leader influenti. Ha anche un grande effetto Sirajuddin Haqqani che guida la potente rete Haqqani ed è strettamente legato al livello di gestione dell’organizzazione terroristica Al-Qaeda.

Dopo la morte del loro leader di lunga data Mullah Omar e del suo successore, si dice che siano sorti conflitti tra le varie fazioni talebane.Finalmente, nel 2016, è stato raggiunto un accordo sul prestigio di Allah Akhundsada come nuovo “Comandante dei fedeli “.

Achundsada è un insegnante di religione qualificato ed è stato il più alto giudice della Sharia durante il primo governo talebano (1996-2001). Baradar, di ritorno martedì, è il suo vice.

Cosa possono aspettarsi le persone sotto il dominio islamista?

L’ideologia dei talebani è emersa nei campi profughi in Pakistan negli anni ’80, quando migliaia di afgani trovarono rifugio dalla guerra con l’Unione Sovietica e dalla guerra civile che ne seguì. Gli islamisti pakistani vi costruirono scuole religiose e insegnarono un’interpretazione rigorosa dell’Islam.

I talebani (“studenti”) hanno occupato gran parte dell’Afghanistan a metà degli anni ’90. Il loro capo, il mullah Omar, si era autoproclamato “Capo dei credenti”, titolo riservato ai califfi islamici.

I subordinati di Omar gli hanno prestato giuramento di fedeltà e i leader dell’organizzazione terroristica Al-Qaeda hanno prestato giuramento di fedeltà al leader dei talebani.

Nell'”Emirato islamico dell’Afghanistan”, come i talebani chiamano il loro regime, si applica un’interpretazione rigorosa della sharia: le donne devono essere rigorosamente velate e indossare un burqa, sottoposte a un tutore maschio e non autorizzate a farlo senza un “importante motivo”. ” (come la visita di un medico) per uscire di casa.

L’adulterio è punibile con la morte, spesso con la lapidazione. Anche gli omosessuali vengono giustiziati. In caso di furto, le mani, le braccia o i piedi vengono tagliati. Il consumo di alcol è punibile con la fustigazione pubblica.


Haibatullah Akhundzada è il capo supremo dei talebani dal 2016

Haibatullah Akhundzada è il capo supremo dei talebani dal 2016Foto: Reuters

Dopo l’intervento degli Stati Uniti e dei suoi alleati all’indomani degli attacchi terroristici dell’11 settembre 2001, i talebani e al-Qaeda sono fuggiti ancora una volta nel vicino Pakistan. La leadership suprema dei talebani si trovava nella città di Quetta e il suo organo di governo, la Quetta Shura, prendeva il nome dalla città.

READ  Svezia: Reali scioccati dalla notizia della morte - "inimmaginabilmente tristi"