Toscana Calcio

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su Toscana Calcio

I russi hanno lasciato molte tracce: i giornalisti smascherano gli autori di Bucha

Le micidiali forze russe a Bucha non sono più autori non identificati. I giornalisti di Reuters perquisiscono il sobborgo di Kiev e trovano numerosi riferimenti a singoli soldati, alle loro unità e ai comandanti responsabili.

Le atrocità di Butcha hanno scioccato il mondo. Centinaia di civili sono stati trovati morti nella città, 25 km a nord-ovest di Kiev, dopo il ritiro delle forze russe. Molti di loro giacevano in strada, legati e fucilati. ReutersI giornalisti hanno trascorso tre settimane sul sito alla ricerca degli autori e dei responsabili dei soldati assassini. Hanno intervistato quasi 100 residenti, visitato scene del crimine e visualizzato prove fotografiche, video e documenti lasciati dagli aggressori.

Forze speciali, Forze aviotrasportate, Cecenia

La carta d’identità ritrovata prova l’esistenza dell’unità speciale Vietgas, che è sotto il comando della Guardia nazionale russa Rosgvardia. Il suo capo è Viktor Vasilievich Solotov, che in precedenza era il capo dei servizi di sicurezza di Putin e riporta direttamente al presidente.

Anche la 76a divisione aviotrasportata delle guardie di Pskov, nella Russia nord-occidentale, sembra essere stata coinvolta nei massacri. Secondo Reuters, tra gli altri documenti è stata trovata una lettera d’amore a uno dei membri della band lasciati durante la frettolosa partenza. La forza deve rendere conto al ministro della Difesa Sergei Shoigu ed è stata coinvolta nelle ostilità nell’Ucraina orientale già nel 2014. È anche nota in Russia per la sua lotta contro i ribelli ceceni, durante la quale ha perso centinaia di uomini due anni fa.

Mentre le prove indicavano queste due unità militari, i giornalisti della Reuters hanno scoperto che probabilmente erano coinvolte anche tre delle unità del leader ceceno. Ramzan Kadyrov coinvolti in massacri. Kadyrov è particolarmente brutale, senza scrupoli e famigerato per le atrocità dietro le linee del fronte. Lo storico e giornalista indipendente Kamel Galif definisce i suoi soldati “terroristi e forze di pubbliche relazioni” che non combattono ma controllano e torturano.

Ossa rotte, urla e proiettili

Una delle vittime intervistate dai giornalisti di Reuters è Vitaly Zivotovsky, che viveva a pochi passi dalla strada famosa per la scoperta dei corpi. Il 3 marzo, ha detto ai giornalisti, la sua casa e le case vicine erano occupate dalle forze russe.

Vitalii Schiwotowskij nella sua casa quasi completamente distrutta.

(Foto: Reuters)

Il 50enne ha detto che mentre si trovava in una stanza nel seminterrato con sua figlia, 30 soldati vivevano sopra di lui e portavano ripetutamente prigionieri con borse sopra la testa in altre stanze al piano di sotto per essere interrogati. Un giorno vide quattro soldati trascinare un uomo e farlo inginocchiare su una staccionata dietro casa.

READ  Booster vs alternativa di Johnson - Lo studio offre una grande sorpresa

Apparentemente, lo hanno riconosciuto come combattente della resistenza nell’Ucraina orientale. Zivotovsky ha detto ai giornalisti di aver sentito urla, “molte urla” e suoni di colpi, ossa rotte e successivamente spari. I giornalisti hanno trovato fori di proiettile nella recinzione.

“Sono fiero di te!”

Zivotovsky riuscì a scappare una settimana dopo. Quando è tornato a casa sua, che era stata in gran parte bruciata, dopo che gli occupanti se ne erano andati, ha scoperto nel suo soggiorno una pila di carte d’identità di ucraini che venivano interrogati o detenuti in casa. Tra i documenti trovati c’era la suddetta lettera d’amore, che prova l’esistenza della 76a divisione aviotrasportata delle guardie.

La lettera dell’amico del soldato Alexander Logvinenko, identificato dai giornalisti come un paracadutista di Pskov. “Come stai?” “Sono fiero di te!” I giornalisti di Reuters hanno contattato la ragazza, che inizialmente ha confermato la sua relazione con Logvinenko. Tuttavia, in seguito ha negato questo e ha smesso di rispondere ai messaggi dei giornalisti.

stupido orgoglio di instagram

Un altro soldato si è comportato in modo particolarmente stupido spruzzando “Wolf_68” sul muro di una camera da letto nella casa di Zhivotovsky della porta accanto. Non è stato un problema per i giornalisti capire chi fosse l’idiota perché la sua “scrittura” è il suo nome utente Instagram. Dal momento che il 68 è anche sulle targhe delle auto della regione di Tambov a sud di Mosca, è chiaro che “Wolf_68” è Kirill Kryuchkov.

Il soldato è originario di Tambov e ora vive a Pskov. Due dei conoscenti di Kryuchkov contattati da Reuters hanno detto che ha prestato servizio nel 234 ° reggimento d’assalto aereo assegnato alla 76a divisione aviotrasportata delle guardie. Uno di loro ha anche confermato che Kryuchkov è in Ucraina.

READ  I turisti raramente si nutrono: scimmie balinesi affamate invadono le case

Guida rivelatrice

Un’altra prova dell’esistenza dei paracadutisti di Pskov è un certificato di prova che uno dei residenti ha trovato in una scatola di mortaio vuota. Proviene dagli ufficiali dell’Unità 74268, con sede a Pskov allo stesso indirizzo della 76a Divisione aviotrasportata della Guardia.

Un altro residente di Bucha ha fornito ai giornalisti un elenco di segnali di chiamata radio su Main Street. Appartengono al 104° reggimento aviotrasportato, che fa anche parte della 76a divisione aviotrasportata delle guardie, secondo il sito web del ministero della Difesa di Mosca.

I conoscenti confermano un “viaggio di lavoro”

I soldati ucraini, che stavano evacuando l’ex quartier generale delle forze russe mentre i giornalisti della Reuters erano a Bucha, hanno consegnato loro una mappa che avevano appena trovato. Testimonia che un caporale di nome Konstantin Vladimirovich Korshunov ha completato un corso di formazione sull’uso delle apparecchiature di telecomunicazione. Anche la sua unità militare n. 3179, menzionata, appartiene all’unità speciale Vityaz della Guardia nazionale russa Rosgvardia.

Un confronto del documento con i social network e i database disponibili pubblicamente ha rivelato che Korshunov è un uomo di 23 anni di Penza, 625 chilometri a sud-est di Mosca. Due residenti della città che conoscono il soldato hanno confermato ai giornalisti che presta servizio nella Guardia Nazionale e uno di loro ha anche menzionato l’unità 3179. Conoscenti hanno detto che Korshunov era in viaggio d’affari.

Chi è alto?

Diversi residenti di Bucha hanno raccontato ai giornalisti di un ufficiale che sembrava essere il comandante delle forze russe in città. Arrivò a metà marzo e prese possesso di una delle case più belle.

READ  Lampedusa: Più di 2.000 immigrati arrivano su un'isola in Italia

L’uomo, soprannominato “The Tall Man” dalla gente del posto per il suo aspetto alto e snello, a quanto pare non voleva essere riconosciuto in nessuna circostanza. Dissero che si sarebbe sempre voltato quando si fosse avvicinato a lui e avrebbe minacciato di uccidere le sue guardie se lo avessero guardato. C’era estrema violenza sotto il suo comando e ha proibito la sepoltura dei cadaveri, secondo i testimoni. La Reuters non è stata ancora in grado di determinare la sua identità.

Dokashev.jpg

In questo video pubblicato da Ramzan Kadyrov, spicca il suo leader Ryan Dukashev.

(Foto: screenshot di Telegram)

Com’era la loro reputazione, i combattenti ceceni di Kadyrov non hanno fatto alcuno sforzo per nascondere la loro identità. Al contrario, appena fuori Bucha, nel villaggio di Lublyanka, hanno scritto sulla porta: “Akhmat la nostra forza!” Akhmad Kadyrov, ex leader ceceno e padre di Ramzan Kadyrov. Uno dei ceceni ricorda le loro “belle uniformi”, alcuni di loro hanno la faccia di Kadyrov sul petto. Altri li hanno notati per la barba e le bandiere cecene sotto forma di macchie.

I leader di Kadyrov dimostrano

E poiché le forze di Kadyrov amano particolarmente la fotografia, ci sono anche due video dei comandanti Husein Majidov e Anzor Besayev. Ad esempio, i giornalisti di Reuters si sono resi conto dai segnali stradali che il film è stato girato a Hostomel, a circa tre miglia a nord di Posha. L’altro confronto, un confronto dell’orizzonte, ha rivelato che è stato preso a Borodianka, a 25 chilometri da Bucha.

Anche il terzo comandante, Ryan Dukashev, era a Borodianka, secondo un video pubblicato da Ramzan Kadyrov su Telegram. I giornalisti hanno riconosciuto sullo sfondo la via Lenin della città.

Reuters non ha prove simili che i ceceni fossero anche a Bucha. Lo hanno confermato cinque testimoni oculari. Un testimone ha riferito che soldati con uniformi color sabbia e costosi stivali di pelle nabuk hanno dato fuoco alla sua casa e hanno sparato alla testa del marito. Riuscì a salvarlo e seppellirlo solo dopo il ritiro delle truppe russe.