Toscana Calcio

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su Toscana Calcio

I fondi vengono utilizzati in modo errato

HÈ diventato raro che lo Stato privatizzi le sue proprietà. Il grande slancio si è verificato quando, decenni fa, Telekom, la Posta, la Postbank e i fornitori di energia sono entrati in borsa. È quindi sorprendente che pochi giorni fa la KfW (e per estensione lo Stato) abbia venduto azioni postali per un valore di circa 2 miliardi di euro, ponendo quindi più azioni in mani private.

Si tratta di cifre ben lontane dalle dimensioni delle precedenti IPO delle imprese statali, e anche in futuro la KfW rimarrà il maggiore azionista con una quota del 16,5%. Ma questo è un buon segno che il Paese sta facendo marcia indietro. Il suo impatto è raramente positivo per le aziende. Ulteriori azioni potrebbero essere vendute nelle prossime settimane.

Ciò che è meno positivo è che le azioni non sono state vendute per convinzione politica, ma per pura necessità di denaro. Questi miliardi sono destinati a colmare le lacune di bilancio in modo che le ferrovie abbiano abbastanza soldi per rinnovare la propria rete di linee. Ciò significa che il piano originale è stato tranquillamente sepolto.

Perché le azioni possedute dallo Stato, ma anche dalle poste e soprattutto dalla società di telecomunicazioni, dovrebbero andare a finire nel grande fondo che dovrebbe coprire la cosiddetta pensione azionaria. A tal fine lo Stato vuole investire denaro in borsa e utilizzare il ricavato per ridurre le lacune nell'assicurazione pensionistica obbligatoria derivanti dal crescente invecchiamento della Germania.

Le azioni del Post appena vendute risultano scomparse. Temiamo che anche il ricavato delle prossime vendite finisca nel budget, perché le lacune lì non diminuiscono. I piani pensionistici vengono sempre più indeboliti. Anche il previsto acquisto annuale di azioni per un valore di circa dieci miliardi di euro si trova su un terreno molto instabile. Ciò mette a rischio l’unica idea di riforma positiva nella disastrosa politica pensionistica.

READ  Opinione: aziende tedesche in Russia - collaboratori nella guerra? | Commenti | DW