Toscana Calcio

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su Toscana Calcio

Hai paura di Anna? Cosa pensano davvero le aziende del nero e del verde

Campagna economica ed elettorale
Hai paura di Anna? Cosa pensano davvero le aziende del nero e del verde

Baerbock e i dieci divieti: l’idea pubblicitaria dell’organizzazione della lobby “Initiative Neue Soziale Marktwirtschaft”

La cancelliera Analina Barbock e il suo partito dei Verdi sono stati attaccati come nemici della libera economia durante la campagna elettorale. Tuttavia, un sondaggio mostra che molte aziende possono vedere molto bene nella prospettiva di un governo nero e verde.

Negli ultimi giorni, la campagna sugli abusi è stata oggetto di dibattito: negli annunci sui giornali a tutta pagina, Annalena Baerbock può essere vista come Mosè, che mostra i suoi dieci divieti su due tavolette di pietra. Il candidato verde a cancelliere vorrebbe, tra l’altro, vietare la guida a motore a combustione, l’aviazione, il buon vivere e il libero scambio.

Il libro di Photoshop Baerbock è stato finanziato dal mercato liberale “Initiative Neue Soziale Marktwirtschaft” (INSM), un’organizzazione di lobby per l’industria dei metalli e altre associazioni di datori di lavoro. A parte il grottesco simbolismo religioso, spesso criticato come infruttuoso o addirittura antisemita, il messaggio era chiaro: quando i Verdi salirono al potere, l’economia libera non aveva nulla da ridere.

Ricostruzione ritardata del paesaggio industriale

Tuttavia, l’economia stessa è meno critica nei confronti del coinvolgimento del governo verde. Un recente sondaggio è stato condotto da banca tedesca Tra i decisori delle 200 aziende sembra che abbiano un punto di vista molto più differenziato rispetto alle lobby dell’INSM. Il 42 per cento degli intervistati ritiene che un governo nero e verde sarebbe “l’inizio di una tanto attesa ristrutturazione del panorama industriale tedesco”. Solo il 21% non è d’accordo e il resto è titubante.

Le aziende valutano anche il programma di investimenti del governo, come proposto dal Partito dei Verdi, per lo più positivamente. Il 39% ritiene che tali investimenti andranno a vantaggio anche delle imprese, mentre il 23% no. Allo stesso tempo, una maggioranza relativa vede le sfide sociali derivanti dall’espansione del welfare state finanziata dal debito.

Meno competitivo?

Le imprese sono divise sulla questione se il governo nero e verde indebolirà la posizione competitiva della Germania come località industriale: sì e qui non ci sono quasi risposte equilibrate. Ciò che è chiaro, tuttavia, è l’aspettativa di cambiamenti per le aziende nere e verdi: solo il 15% crede che lo status quo continuerà.

Il sondaggio mostra che “il settore aziendale tedesco non è un blocco omogeneo”, ha scritto Deutsche Bank. “Le opinioni e gli atteggiamenti qui espressi sono a volte più eterogenei di quanto suggeriscano i dati delle principali associazioni”. Potenziali vincitori e perdenti si possono trovare sia nel settore manifatturiero che in quello dei servizi. Inoltre, la percentuale relativamente alta di risposte non ancora determinate riflette ancora una grande incertezza su cosa significherà concretamente l’alleanza nero-verde a livello federale.

L'attuale stato d'animo politico può essere visto nella scala di tendenza RTL/NTV.

Un ruolo maggiore per lo Stato

Indipendentemente dalla questione di quali partiti costituiranno il prossimo governo federale, la maggior parte delle imprese sostiene un ruolo sempre più forte dello Stato nell’economia. Il 40% afferma che lo stato tedesco dovrebbe “comportarsi in modo più efficace e diretto” nel regime di concorrenza con altri paesi – il 24% si oppone. Il 42% pensa che dovrebbe essere disponibile un impegno più forte da parte dello Stato per garantire posti di lavoro e fondi corrispondenti – solo il 16% la vede diversamente.

Al contrario, una maggioranza relativa compresa tra il 41 e il 29% teme che un intervento statale eccessivo rallenti la capacità di innovare. Inoltre, il 37% teme distorsioni della concorrenza che indeboliranno l’economia e il 32% non vede questo rischio.

Politica climatica: la metà si aspetta inquinamento

Interessante è anche il punto di vista condiviso sui potenziali effetti della futura politica climatica sull’azienda privata, indipendentemente dal prossimo governo federale che rappresenterà: circa la metà delle aziende ritiene che la prossima politica climatica sarà un onere per la propria azienda. Qualche anno fa, però, l’altra metà non ci credeva esplicitamente.

I pessimisti temono l’aumento dei prezzi dell’energia e costosi investimenti che non ripagano nel breve termine, nonché un calo della competitività internazionale. Gli ottimisti, invece, non vedono rischi significativi in ​​termini di costi e posizione competitiva. Si aspettano che gli oneri economici saranno compensati da sussidi e che la domanda dei loro prodotti sarà rafforzata anche dalla politica climatica.

L’indagine si basa su interviste telefoniche con 200 decisori finanziari di aziende tedesche, la metà delle quali con un fatturato annuo superiore e inferiore a 25 milioni di euro. Le imprese provengono dai settori manifatturiero, dei servizi e del commercio.

READ  Le aziende sono attratte da queste offerte