Toscana Calcio

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su Toscana Calcio

‘Grande balzo indietro’: la Cina chiude

“Grande salto indietro”
La Cina sta chiudendo

Scritto da Marcel Gerzana

Ufficialmente, il governo cinese assume l’atteggiamento di aprirsi al mondo. In effetti, si sta allontanando sempre più dal resto del mondo. Un effetto collaterale pericoloso e desiderato è il nazionalismo sempre crescente.

L’Accademia cinese della ricerca storica (CAHR) ha provocato una vera polemica a fine agosto. Ha distribuito un post sui social media sulla politica estera delle dinastie Ming e Qing. A quel tempo, gli imperatori cinesi avevano deciso per diversi secoli una distanza politica, economica e culturale dai paesi stranieri del loro impero, conferendo alla Cina lo status di “paese chiuso”.

Pochi lettori non si sono resi conto immediatamente dell’equivalente del 2022, più di 100 anni dopo la fine della dinastia Qing. Le massicce restrizioni di viaggio senza prospettive di cambiamento nel prossimo futuro hanno tenuto i residenti cinesi intrappolati nel proprio paese per più di due anni e mezzo. Riguarda la pandemia di Corona. Ma allo stesso tempo, lo sviluppo del cosiddetto ciclo economico duale è in pieno svolgimento. Dovrebbe ridurre le dipendenze esterne al minimo assoluto nel lungo periodo.

Per l’economia: “Compra cinese”

Le società quotate in borsa stanno tornando – in qualche modo volontariamente – nei centri finanziari cinesi perché le autorità di regolamentazione cinesi stanno esercitando pressioni su di loro. L’industria tecnologica, in particolare, vuole tenere Pechino lontana dalla possibilità di farsi coinvolgere da capitali stranieri. Il governo ha anche inasprito le quote di nazionalizzazione per le società statali lo scorso anno. Nel caso degli appalti pubblici, i candidati devono mostrare sempre più componenti che provengono al 100 per cento dalla Cina: “Compra cinese” come ordine per la loro economia. Anche in termini di personale, le aziende estere sono sempre più costrette ad assumere manager cinesi.

Gli autori dell’articolo, intitolato A New Examination of the ‘Closed State Question’, sostengono che l’alienazione dell’ex impero fosse una necessità per mantenere la sicurezza regionale e culturale della Cina e, invece di ‘preclusione’, descrivono la politica come ‘restrizione’.

Le reazioni di alcuni lettori sono state molto critiche e hanno spinto i censori a intervenire nel dibattito, secondo il quotidiano in lingua cinese Lianhe Zaobao di Singapore. Alcuni commentatori hanno accusato gli storici, in quanto mezzi di propaganda del governo, di fornire una giustificazione storica per la tendenza attuale.

I governanti temono di perdere il potere

In effetti, la forma moderna di “restrizione” appare a molti cinesi come isolamento. Un utente ha risposto al post con il proprio articolo tramite un account WeChat privato. Punto critico principale: non si tratta della sicurezza nazionale, promossa dagli imperatori Ming e Qing, ma della paura dei governanti di perdere il potere. “Chiunque abbia un po’ di buon senso può dire la differenza”, ha scritto l’autore. La commedia è stata letta 100.000 volte in un giorno prima che i censori intervenissero e bandissero la sceneggiatura dallo spazio digitale.

L’unico Partito Comunista al governo respinge categoricamente l’accusa di secessione. Secondo la linea ufficiale, la Cina è in un continuo processo di apertura all’estero. Ma in verità, la politica di Pechino smentisce questa affermazione. I requisiti aziendali e del settore sono solo un lato della medaglia. Interventi massicci nelle opportunità educative per bambini, giovani e adulti che vogliono imparare un inglese migliore sono ugualmente riflessivi.

Shi invece dell’inglese

L’anno scorso, le autorità di Shanghai, la più grande città internazionale della Cina, hanno deciso di sospendere gli esami di lingua inglese nelle scuole primarie locali. Invece, una nuova aggiunta al curriculum junior è “I pensieri di Xi Jinping sul socialismo con caratteristiche cinesi per una nuova era” – un libro contenente il flusso intellettuale del capo di stato che, attraverso il suo vasto marketing internazionale, ricordava il governo di Mao. Il clamore biblico negli anni Sessanta e Settanta del secolo scorso.

C’è stata anche una chiusura a livello nazionale di migliaia di opportunità educative private che per decenni hanno offerto alle persone nel paese l’opportunità di imparare le lingue straniere – in particolare l’inglese – al di fuori del sistema educativo statale. Alcune persone nel paese hanno commentato sarcasticamente l’attacco dicendo “Il grande balzo indietro della Cina”. Soprattutto perché la lingua inglese era ancora promossa dalla leadership statale all’inizio del secolo come chiave per l’ascesa economica della Cina.

“Quello a cui stiamo assistendo attualmente è una radicalizzazione ideologica del Paese a scapito della sua apertura economica, sociale e culturale”, afferma il giornalista e autore berlinese Chen Liuwen, il cui lavoro si occupa dello sviluppo politico in Cina. “È un effetto collaterale deliberato di questa politica nazionalista in continua crescita nel paese”.

Nazionalismo in aumento

A volte le manifestazioni di questo nazionalismo sono radicali, come ha recentemente rivelato l’esempio di una scuola a Liupanshui nella provincia di Guizhou. Come parte di un corso di addestramento militare presso la National Defense School, i ragazzi hanno cantato “Uccidi, uccidi, uccidi”. Allo stesso tempo, hanno giurato all’unisono di uccidere chiunque avesse osato sfidare il Partito Comunista, indipendentemente da dove fosse quella persona nel mondo.

Anche l’arresto a Suzhou di una donna cinese, che indossava un kimono giapponese per una foto, e quindi è stata interrogata per ore, ha suscitato scalpore. Successivamente, le autorità hanno indicato che tutti possono indossare quello che vogliono, ma hanno raccomandato sensibilità nella scelta dei vestiti per non provocare terzi.

Gli stranieri vengono sempre più allontanati quando vogliono fare il check-in negli hotel fuori dalle grandi città. Alcuni riferiscono che negli ultimi anni sono stati regolarmente coinvolti in discussioni sull’atteggiamento dell’Occidente nei confronti della Repubblica popolare cinese, che non vogliono avviare, per non parlare di guidare. Il crescente nazionalismo combinato con una rigorosa politica di non proliferazione sta spingendo molti stranieri a lasciare il Paese.

“Naturalmente, il nazionalismo è presente anche in altri paesi”, afferma l’editore Chen. “Sotto la dittatura, non c’è contrappeso sociale. Finché il nazionalismo sostiene la leadership cinese, la promuoverà e interromperà le voci rassicuranti. In un tale clima, il nazionalismo si moltiplica più velocemente a causa della generale mancanza di equilibrio”.

READ  Boris Johnson sotto pressione per la festa di Natale durante il blocco del coronavirus