Toscana Calcio

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su Toscana Calcio

Fuga dal dittatore Lukashenko: l’ostilità bielorussa sbarca in Polonia – Politica all’estero

Alle 20:19 è finalmente arrivato liberamente: la runner bielorussa Kristina Timanovskaya (24 anni) è atterrata nella capitale polacca Varsavia.

Fuga riuscita dal dittatore Lukashenko!


Kristina Timanovskaga è atterrata su questo aereo della compagnia aerea polacca LOT (r.) mercoledì sera nella capitale polacca Varsavia.Foto: Robert Jongul

Timanowskaja quella mattina era volata da Tokyo a Vienna e poi si era trasferita su un aereo per Varsavia. La Polonia aveva precedentemente concesso a lei ea suo marito un visto umanitario.

Bild era sul loro aereo per la libertà. Il coraggioso corridore bielorusso è stato portato sull’aereo a Vienna in un autobus VIP prima che gli altri passeggeri salissero a bordo. Timanowskaja era accompagnata da due guardie del corpo polacche.

La runner bielorussa era seduta in business class con una maschera nera, accompagnata da guardie del corpo (una di fronte a lei, l’altra proprio accanto a lei). Tutti i posti intorno a loro rimasero vuoti. L’aereo è decollato alle 19:05, diretto a Varsavia.


Timanowskaja (lunotto posteriore) dopo l'atterraggio a Varsavia - le forze di sicurezza al seguito hanno costantemente protetto il corridore da Vienna fino al suo arrivo in Polonia

Timanowskaja (finestra a destra) dopo l’atterraggio a Varsavia – le forze di sicurezza al seguito hanno costantemente protetto il corridore da Vienna fino al suo arrivo in PoloniaFoto: Robert Jongul

Sull’aereo, altri passeggeri non hanno notato che l’eroina bielorussa era a bordo. Dopo un pasto e un bicchiere di succo d’arancia, lei e una delle guardie di sicurezza hanno compilato il modulo di iscrizione e il modulo dell’aureola.

Su consiglio della sua guardia del corpo, BILD non è stata in grado di parlare con Timanovskaya direttamente sull’aereo. La runner ha scritto sul cellulare durante il volo e non sembrava nervosa, ma soprattutto era sollevata di aver ottenuto un visto in Polonia.

L’aereo è atterrato a Varsavia in un’area dell’aeroporto non visibile dall’edificio principale: due fotografi governativi si sono fermati di fronte all’aereo e hanno documentato l’arrivo di Tymanovskaya in Polonia.

Tutti gli altri passeggeri hanno dovuto lasciare la scena il più rapidamente possibile.

Pavel Latushka, politico dell’opposizione bielorusso e capo dell’amministrazione nazionale anticrisi, ha salutato Timanovskaya dopo il loro arrivo a Varsavia e ha pubblicato una foto su Twitter: “Siamo lieti che Kristina Timanovskaya sia arrivata sana e salva a Varsavia! !”

Il caso dell’atleta ha causato indignazione internazionale alle Olimpiadi. È chiaro che il dittatore della Bielorussia Alexander Lukashenko (66 anni) voleva rapire Timanovskaya. Le autorità bielorusse hanno cercato di costringerla a tornare presto a Minsk perché in precedenza aveva criticato i funzionari sportivi.

Nella sua necessità, la Tymanovskaya si è rivolta alla polizia giapponese all’aeroporto Haneda di Tokyo domenica. La Polonia e molti altri paesi le hanno subito offerto un visto umanitario.

L’atleta è finalmente andata all’ambasciata polacca, dove è rimasta fino alla sua partenza e ha ricevuto anche un visto umanitario. Suo marito, che finora è stato in Ucraina, ha ricevuto un visto polacco.

Il Comitato Olimpico Internazionale ha aperto un’inchiesta sul caso.

In un’intervista a BILD Live, Timanovskaya ha affermato che non si trattava di politica: “Ho solo criticato il fatto che i nostri allenatori abbiano deciso di scegliere la staffetta senza consultare gli atleti. Non capisco come possano coinvolgere altri giocatori in una staffetta. gara che nulla ha a che fare con la qualificazione. Prende tali proporzioni e diventa uno scandalo politico”.

► Il primo ministro polacco Mateusz Morawiecki (53) ha attaccato con forza i leader della Bielorussia attorno al governatore Lukashenko.

Ha chiesto che “l’aggressione dei servizi di sicurezza bielorussi sul territorio giapponese” venga accolta con “una forte opposizione da parte della comunità internazionale”.

Il ministro degli Esteri Heiko Maas (54, SPD) ha criticato il governo bielorusso definendolo politicamente e moralmente in bancarotta. Alleanze sportive come Athleten Germany e Global Athlete hanno fatto campagna per la messa al bando del Comitato olimpico bielorusso.

READ  Zanetti è dietro di lui: il Milan si avvicina all'Inter - Serie A.