Toscana Calcio

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su Toscana Calcio

Con Diamanti Wolfsburg! La staffetta tedesca ha raggiunto la finale olimpica

L’obiettivo è stato raggiunto, ma il sogno continua! Deniz Almas ha raggiunto la finale olimpica nella staffetta tedesca 4x100m. Follia! Venerdì l’atleta del VfL Wolfsburg cercherà le medaglie a Tokyo.

annuncio pubblicitario

Quattro su sei: quello era il conto prima del via libera. Un totale di sei giocatori tedeschi nella staffetta di Tokyo, più diamanti anche Julian Reus (Erfurt), Marvin Schulte di Lipsia, Owen Ansah e Lukas Ansa Pebra di Amburgo e Joshua Hartmann di Colonia (nominato per Wolfsburg da Nils Geese) – ma iniziano solo quattro corridori. La nazionale di allenatori ha deciso di scegliere Rios, Hartmann, Ansa Pebra e Almas! È stato tra gli ultimi ad acquistare un biglietto per Tokyo dopo aver sofferto di problemi alle dita dei piedi. Ma il 24enne è tornato in forma in tempo ed è un solido corridore d’angolo.

Così, tre dei quattro corridori erano in pista a Tokyo, che hanno acquistato il loro biglietto olimpico alle gare di staffetta mondiale a Chorzow (Polonia) in 38,70 secondi a maggio. Questa volta non c’era solo il campione tedesco Schulte, ma Hartmann, che era terzo nel DM di Braunschweig contemporaneamente a Giese.

Almas & Co. erano al secondo turno. Una cosa era chiara: i primi tre quarti e i successivi due quartili più veloci in ciascuna delle qualificazioni si sarebbero qualificati per la finale olimpica. Al via Giamaica (37.82sec), Gran Bretagna (38.02sec) e Giappone (38.16sec) hanno dominato nettamente, tutte con le migliori prestazioni della stagione. La Francia è arrivata quarta con un tempo di 38,18 secondi, seguita dal Brasile con 38,34 secondi, Trinidad e Tobago (38,63 secondi) e l’Olanda e il Sudafrica, che non sono arrivati, sono stati eliminati definitivamente.

READ  Bayern Monaco: per via di Nagelsmann! Potrebbe essere il successore di Flick dall'Italia? Rummenigge ha un preferito

Germania al secondo turno all’inizio

Nel secondo turno, la staffetta tedesca ha incontrato Turchia, Stati Uniti, Cina, Italia, Danimarca, Ghana e Canada nella sesta pista. I tedeschi hanno dovuto prendere almeno il terzo o il quarto posto con un tempo più veloce di 38,34 secondi.

Diamond ha preso il testimone al terzo posto. Il primo corridore l’ha fatto passare da Reuss a Hartmann, poi l’uomo di Wolfsburg ha celebrato la sua prima olimpica, l’ultima corridore Ansa Bebra è arrivata dietro a Cina (37.916sec), Canada (37.918sec; entrambe le stagioni migliori) e Italia (37.95sec; nazionale record) come quarto Fino alla fine. Piccole preoccupazioni, poi grandi applausi! “Sì uomo!” Rios finalmente gridò e cadde tra le braccia di Almas, il suo compagno di stanza al Villaggio Olimpico. Sono stati 38,06 secondi in Germania che hanno significato anche il meglio della stagione – e la finale olimpica. Altre volte mostrano quanto sono vicini. Oltre al Ghana (38,08 secondi; record nazionale), si sono arresi gli USA (38,10 secondi; miglior stagione). A proposito, tutte le volte che sarebbero potute facilmente bastare per il terzo posto al primo turno. Anche la Danimarca (38,16 secondi; record nazionale) è arrivata settima con la stessa velocità dei giapponesi precedentemente qualificati. La Turchia (squalificata) è arrivata ultima al secondo turno.

“Penso che dovremmo fare del nostro meglio in questa stagione”, ha detto Almas in anticipo, e aveva ragione. “Di conseguenza, dovrebbe salire nella direzione di 38.0, 37 – e quindi anche verso il record tedesco”. Wolfsburg aveva ragione anche su questo. Poiché è di 38,02 secondi, è stato installato il 27 luglio 2012 a Weinheim. Almas aveva 15 anni all’epoca e il suo compagno di stanza Reus era già nella squadra. Nel periodo precedente, questa volta i tedeschi erano solo quattrocento più lenti.

READ  Bayern Monaco: Nagelsmann chiude il cantiere difensivo?

La finale è venerdì alle 15:20.

Finale raggiunto! Venerdì alle 15:20 è tornata in pista la staffetta tedesca. Lo staff tecnico nazionale avrà l’opportunità di pasticciare con la griglia di partenza. Ma dopo tali prestazioni nella fase di preparazione, ci sono molte indicazioni che l’uomo di Wolfsburg tornerà sulla strada giusta. e poi? “Tutto è decisamente possibile in finale”, afferma Diamond. Il passato lo ha già dimostrato. Anche il più piccolo. “L’abbiamo visto quest’anno in Polonia alla World Relay World Cup, dove purtroppo non siamo finiti, ma è stata anche una finale molto pazza”. Come i tedeschi, che in finale (il focus era sulla qualificazione olimpica, che veniva raccolta al raggiungimento della finale), tra gli altri diamanti, gli olandesi non tagliarono il traguardo, Brasile e Ghana furono squalificati per errori di cambio. “Ci sono state molte sostituzioni che non sono finite e penso che avremmo potuto correre davanti a Chorzo, se tutti fossero stati al top della forma”. Se andrà bene anche a Tokyo, sarà un sogno: “Certo che cercheremo di fare una bella corsa. E la finale è la finale. Se ci sei tu, molto è possibile!”

Almas potrebbe anche aver pensato ai suoi genitori sul treno. Prima di partire per il Giappone gli diedero quanto segue: “Godere di tutto, il sogno olimpico che si sognava da piccoli. Assorbire tutto, portare con me il più possibile e comunque mandare tante foto e impressioni a casa.” Ha già inviato le prime foto, e sicuramente ne seguiranno altre.