Toscana Calcio

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su Toscana Calcio

Francesco Acerbi: il difensore dell'Inter è stato assolto dalle accuse di razzismo – Sport

Francesco Acerbi: il difensore dell'Inter è stato assolto dalle accuse di razzismo – Sport

Una storia spiacevole del calcio italiano che si chiude con un'assoluzione rotonda che probabilmente farà molto parlare di sé: Francesco Acerbi, difensore dell'Inter e della Nazionale italiana, è stato assolto dall'accusa di omicidio del suo omologo brasiliano del Napoli, e Juan Jesus, che recentemente ha partecipato alla partita disputata allo… Stadio San Siro di Milano, presumibilmente per abusi razzisti o razzisti. Martedì il tribunale sportivo della Federcalcio italiana ha motivato la sua decisione affermando che il materiale visivo e audio a sua disposizione per esaminare il caso non era sufficiente a fornire prove.

Sì, hanno scritto i giudici, Acerbe ha insultato Juan Jesus. E invece no, non c’è chiarezza sull’esatta formulazione dell’insulto. O per dirla in altro modo: nulla prova che Acerbe abbia effettivamente sussurrato qualcosa di razzista a Juan Jesus. Il norditaliano Acerbi ha risposto che Juan Jesus lo aveva frainteso, dicendo: “Ti faccio nero”. Questo è un termine gergale che significa più o meno: “Ti prenderò a calci in culo” o “Ti finirò”.

Francesco Acerbi, 36 anni, sfugge ad una pesante sanzione – e in questi casi è prevista una squalifica di almeno dieci partite. Nel recente passato è spesso accaduto che non fosse possibile fornire prove conclusive di un insulto razziale, scrive il New York Times. La Gazzetta dello Sport. Tuttavia, l'associazione ha ritenuto opportuno adottare misure drastiche per ragioni politiche e morali, oltre che per inviare un segnale.

I media italiani, la maggior parte dei quali si aspettavano la condanna di Acerbi, avevano già discusso della possibilità che la lunga squalifica potesse porre fine alla sua carriera. Almeno all'Inter e forse anche in Nazionale. Finora ha giocato 34 partite internazionali. Dopo il ritiro di Giorgio Chiellini e Leonardo Bonucci, il difensore centrale è entrato definitivamente a far parte della rosa azzurra.

READ  Bayern Monaco: Nagelsmann chiude il cantiere difensivo?

JJ ha poi detto che Acerbi ha detto qualcosa di brutto ma poi si è scusato

La partita che ha fatto molto parlare di sé si è svolta una settimana e mezza fa, in occasione della Giornata contro il razzismo nel calcio. Juan Jesus ha pareggiato per il Napoli, portando il punteggio sull'1-1 all'81', così le televisioni lo hanno intervistato al termine della partita. Gli è stato anche chiesto cosa sia successo tra lui e Acerbe e perché al 59' si siano tutti riuniti attorno all'arbitro e abbiano avuto un'accesa discussione. JJ ha poi detto che Acerbi ha detto qualcosa di brutto ma poi si è scusato. La controversia sembra essere stata risolta.

Ma poi Acerbi ha deciso di spiegare la vicenda il giorno dopo. È stato nominato per la squadra nazionale durante il suo viaggio negli Stati Uniti. Ma al suo arrivo a Roma, il tecnico della Nazionale Luciano Spalletti gli chiese di tornare al Milan. Per il benessere e la tranquillità della squadra.

Acerbi ha lasciato Roma, visibilmente deluso di non dover viaggiare, e non ha resistito alla tentazione di parlare con i giornalisti. Ha detto di non aver fatto alcun commento razzista nei confronti di Juan Jesus. Juan Jesus non pensava che fosse una buona cosa. Acerbi ora è stato accusato di mentire. In tal caso porterà il caso al CAS.

La corte ha ascoltato entrambi i giocatori. Acerbe era accompagnato dal legale dell'Inter e Juan Jesus ha parlato da solo in collegamento video. Entrambi sono rimasti fedeli alla loro versione, era una dichiarazione contro la dichiarazione.

READ  Dopo gli applausi al forte: Simon Yates continua il giroscopio