Toscana Calcio

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su Toscana Calcio

“Forse un nuovo tipo di arma contro l’autore del reato.”

“Forse un nuovo tipo di arma contro l’autore del reato.”

Omid Nouripour chiede sanzioni contro la Russia dopo il crollo della diga di Kakhovka. Il giornalista Klaus Kleiber è meno convinto dell’effetto.

La causa del devastante crollo della diga di Kachuka in Ucraina deve ancora essere chiarita. Ma per il leader dei Verdi Omid Nuripour, il colpevole è certo. “Tutto indica che il Cremlino è responsabile”, ha detto giovedì sera a MayBrite-Elner. Secondo il capo del partito, ciò non dovrebbe continuare senza rapide conseguenze. “Le sanzioni sono necessarie e ce ne saranno altre, soprattutto dopo questo disastro”, ha detto.

ospiti

  • Omid Nouripour (Bündnis 90 / Die Grünen), leader del partito
  • Christian Mulling, esperto militare
  • Klaus Kleiber, ex broker ZDF
  • Liana Fix, esperta di Russia
  • Sabine Adler, esperta dell’Europa orientale di Deutschlandradio

Nouripour ha promesso un rapido sostegno all’Ucraina anche in altri modi. Comprende la protesta del presidente Volodymyr Zelensky per la lentezza con cui gli aiuti umanitari raggiungono la regione allagata. Il leader dei Verdi ha avvertito: “Dovremmo lavorare tutti meglio insieme poiché l’UE, come l’Occidente, sostiene l’Ucraina”.

Kleber nutre dubbi sull’efficacia delle sanzioni

Il giornalista della ZDF Klaus Kleiber ha chiesto a “Maybrit Illner” se le sanzioni occidentali contro la Russia abbiano finora fatto la differenza. Apparentemente, le persone a San Pietroburgo se ne accorgeranno poco. Il giudizio di Sabine Adler, corrispondente di lunga data da Mosca, è stato molto diverso. Molti oligarchi che vivono all’estero criticano apertamente il sovrano Vladimir Putin perché i conti sono stati vietati ei bambini non possono più frequentare le scuole in Occidente. Le sanzioni funzioneranno “dove l’oligarchia fa male”.

READ  Il ministro scozzese fa causa all'asilo per discriminazione

Nel frattempo, c’è “un enorme malcontento tra l’élite”, ha dichiarato Adler nel talk show ZDF. Inoltre, i potenti si armeranno di eserciti privati ​​e si armeranno per la “guerra civile tra le élite”. Anche la compagnia energetica statale Gazprom ha creato un esercito privato, presumibilmente solo per difendere la sua infrastruttura. Secondo il giornalista, i potenti della Russia si stanno preparando da tempo a distribuire l’enorme ricchezza accumulata dal Cremlino se Putin non sarà più al comando.

“Forse qualcuno avrebbe dovuto andarsene molto velocemente.”

Sembra però che il sovrano russo sia ancora saldamente in sella e, secondo Adler, voglia finalmente vedere il successo in Ucraina. Secondo l’esperto russo, questo potrebbe essere il motivo per cui la diga potrebbe essere stata fatta saltare in aria. Il giornalista di Deutschlandradio ha ipotizzato che, alla luce dei risultati negativi dell’esercito russo nell’area, “forse qualcuno avrebbe dovuto ottenere successi molto rapidamente ed esaminare il tunnel più da vicino”.

Il giornalista della ZDF Klaus Kleiber ha detto a “Maybrit Illner” che stanno perdendo credibilità nella regione. “Un nuovo tipo di arma è stato estratto e potrebbe essere esploso in faccia all’autore del reato. Alcuni piani devono essere riscritti.”

L’offensiva ucraina è davvero iniziata nel frattempo, si è chiesto Eilner, l’esperto militare Christian Molling del German Council on Foreign Relations. Il capo del Centro di sicurezza e difesa del think tank ha scherzato sull’interpretazione dei movimenti delle truppe nel film 50 sfumature di offensiva, un riferimento al romanzo best-seller 50 ombre di grigio. Tuttavia, si presume che l’offensiva principale degli ucraini sia ancora in corso.

READ  La sesta ondata in Portogallo: il governo decide la prima misura per l'estate

L’Ucraina trasferisce la guerra alla Russia?

Tuttavia, sembra che gli attacchi di droni sul suolo russo siano in pieno svolgimento. L’Ucraina nega la partecipazione diretta. Ma per Mölling, tali azioni sarebbero legittime. Altrimenti, si direbbe alla Russia che la sua infrastruttura è al sicuro in una guerra di aggressione. “Sarebbe completamente sbagliato”, ha affermato Molling. Ma è anche chiaro: “Nessuno andrà a Mosca”.

Nuripour ha anche sottolineato che l’Ucraina ha il diritto di difendersi al di fuori del proprio territorio. Temendo che la Germania diventi parte della guerra usando le sue armi sul suolo russo, il leader del Partito dei Verdi ha detto: “Non lo permetteremo”. Anche Selinski lo ha escluso. Ma Nouripour ha poi detto: “Non so se può continuare così, ma ovviamente dobbiamo mantenere la sua parola”.

scaricamento…

inclusione