Toscana Calcio

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su Toscana Calcio

Foresta pluviale: la Cina investe 15 miliardi di dollari in società di disboscamento illegali - politica estera

Foresta pluviale: la Cina investe 15 miliardi di dollari in società di disboscamento illegali – politica estera

Al vertice delle Nazioni Unite sull’ambiente nell’ottobre 2020, il presidente cinese Xi Jinping (67) ha organizzato il suo paese come un campione per la conservazione della natura e la biodiversità delle praterie “.

In effetti, il regime da anni riversa miliardi in attività illegali, non etiche e dannose per il clima: dopo il Brasile, la Cina è il più grande investitore al mondo in società che disboscano preziose foreste pluviali. Ciò è dimostrato da uno studio condotto dalla Forests and Finance Foundation. Dall’accordo sul clima di Parigi del 2015, le banche e le società cinesi hanno investito 15 miliardi di dollari nella coltivazione di soia e olio di palma e nella produzione di gomma e carta.

Mentre il Brasile sta finanziando 50 miliardi di dollari per la deforestazione della sua foresta pluviale, il denaro della Cina fluisce in Brasile, principalmente in Africa occidentale e nel sud-est asiatico.

Le aziende cinesi stanno disboscando illegalmente le foreste pluviali

$ 3,6 miliardi sono andati al Sinar Mas Group in Indonesia. Il produttore di olio di palma è sotto accusa per anni per l’abbattimento delle foreste pluviali e la distruzione degli habitat degli oranghi. Diverse aziende come Nestlé e Unilever hanno concluso la loro collaborazione con Cinar Mas anni fa.

La situazione non sembra migliore neanche in Africa: China Forestry Group ha ricevuto un totale di 663 milioni di euro dalla fine del 2015. Nel 2019, un dipendente ha ammesso che l’azienda stava disboscando illegalmente le foreste pluviali. Un’altra società cinese, Dejia Group, ha già perso la licenza per lo stesso crimine.

I fornitori si stanno approfittando dei bambini

Le banche cinesi hanno anche investito 3,4 miliardi di dollari nel produttore di alimenti COFCO. L’azienda statale cinese non ripulisce la foresta pluviale in sé, ma: uno dei suoi fornitori è Wilmar, che nel 2016 Amnesty International ha dimostrato che i bambini lavoratori erano stati impiegati in Indonesia.

READ  USA: la compagnia rivela zanzare geneticamente modificate - i residenti sono allarmati

COFCO ha acquistato soia dal Brasile da Brasil Agro, uno dei maggiori produttori del paese. L’azienda ha bonificato gran parte della savana brasiliana per i suoi campi. Secondo gli esperti ambientali del WWF, questo è costato la metà della fauna e della flora.

Come fermare la Cina?

Matthias Cobb, un economista sostenibile del WWF: “Il problema è che non esiste un controllo internazionale che possa impedire alla Cina o a qualsiasi altro paese di investire in società che sgombrano illegalmente le foreste pluviali. D’altra parte, la leva più importante è che le aziende e investitori e consumatori non supportano i loro prodotti “.

La Merkel chiede un prezzo globale dell’anidride carbonica

Nel frattempo, c’è una crescente pressione in Germania per fare di più per il clima. Il cancelliere Angela Merkel (66 anni, CDU) chiede il prezzo del biossido di carbonio2 Espanditi in tutto il mondo. In altre parole: più aziende dovranno acquistare certificati per poter emettere una certa quantità di sostanza dannosa per il clima. Tale legge è in vigore in Germania dal 1 ° gennaio.

La richiesta arriva dopo un campanello d’allarme della Corte costituzionale federale. I giudici avevano ordinato alla Merkel e al suo governo di fare una maggiore protezione del clima solo alla fine di aprile. La libertà delle generazioni future è a rischio se CO2– Le missioni non verranno ridotte più velocemente, così i giudici. Ulteriori misure devono essere ancorate nella legge federale sulla protezione del clima entro la fine del 2022.