Toscana Calcio

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su Toscana Calcio

Festività di Pentecoste: queste regole sui festoni ora si applicano in Italia, Austria, Croazia, Grecia, Spagna e Co.

Alla luce del calo dei tassi di infezione in tutta Europa, molti paesi sperano in un nuovo inizio nel turismo. Quali regole si applicano ai turisti, cosa devono sapere i vacanzieri ora.

BERLINO – Chiunque chieda ad amici e conoscenti dopo tutti i mesi difficili di Corona cosa vogliono di più dopo una possibile fine dell’epidemia spesso riceve tre risposte: finalmente, incontrare di nuovo amici e famiglia, fare esercizio e vacanze.

I preparativi sono in corso. Di fronte a una diminuzione degli incidenti, molti paesi europei si stanno preparando alla ripresa del potenziale turismo. Ma a quali condizioni è possibile trascorrere una vacanza in Austria, Italia o Croazia? Quali obblighi di prova si applicano al sito, da quando entra in vigore il possibile rilassamento e i vacanzieri dovrebbero tornare dopo il loro ritorno Germania Forse in quarantena? Le risposte possono essere trovate in una grande panoramica delle destinazioni di viaggio tedesche più popolari, dalla Danimarca, Francia o Italia alla Croazia, alla Spagna e alla Turchia.

Danimarca

I negozi in Danimarca sono stati aperti di nuovo molto tempo fa. Caffè, ristoranti e bar sono autorizzati a servire nuovamente i clienti, tuttavia, al chiuso, solo se gli ospiti possono dimostrare un risultato negativo di un test del coronavirus, una vaccinazione completa o un’infezione da sopravvissuto tramite l’app. La palestra è di nuovo aperta. Il numero di nuove infezioni è stabile e il tasso di infezione per sette giorni è stato inferiore a 100 per settimane. La Danimarca è l’unico paese dell’Unione europea che si è astenuto permanentemente dall’utilizzare il vaccino Astrazeneca e il farmaco Johnson & Johnson ora ha stato cancellato.

I tedeschi che sono stati completamente vaccinati contro il Covid-19 e molte altre persone dell’Unione Europea e dei paesi Schengen – compresi i turisti – possono tornare in Danimarca dal 1 ° maggio. A differenza di altri viaggiatori, non devono mostrare alcun test Corona negativo o motivi per entrare come partner in visita, e non devono testare e mettere in quarantena dopo l’arrivo. La condizione è che il paese dei viaggiatori sia almeno uno “stato arancione”, quindi la situazione della corona non è poi così grave e non ci sono variabili preoccupanti per il dilagante Corona virus. La Germania è attualmente considerata arancione.

Francia

Lunedì il paese confinante ha leggermente allentato le misure. Le persone possono ora spostarsi per più di dieci chilometri dalle loro case senza una buona ragione: ora è di nuovo possibile viaggiare all’interno del paese. È previsto il coprifuoco notturno dalle 19:00, da posticipare alle 21:00 dal 19 maggio. Quindi le aree dei ristoranti dovrebbero essere autorizzate a riaprire, così come i negozi e le istituzioni culturali.

A partire da mercoledì sera, circa un quarto della popolazione totale del paese aveva ricevuto almeno un vaccino contro Corona. Recentemente, quasi 224 nuove infezioni da coronavirus ogni 100.000 persone sono state contate a livello nazionale in una settimana. Il numero è in calo da settimane.

All’ingresso in Francia, deve essere presentato un test PCR negativo, che non deve superare le 72 ore. I passeggeri devono anche compilare un pass che confermi, ad esempio, che non hanno sintomi di Covid-19. Secondo il ministero dell’Interno, i viaggiatori dall’Europa possono entrare in Francia senza “forza maggiore”. I privilegi delle persone che sono state vaccinate non sono attualmente applicabili.

READ  A causa di casi Covid in Squadra Azzurra

Grecia

Da lunedì, caffè, bar e pub possono aprire le loro aree all’aperto in Grecia a determinate condizioni, a tutti gli ospiti, indipendentemente dal fatto che siano stati vaccinati o meno. Tuttavia, il cibo chiude alle 22:45, dopo le 23:00 c’è il divieto di uscita serale. Viaggiare in Grecia non è possibile senza restrizioni, ma questo requisito verrà revocato il 15 maggio.

Dal punto di vista tedesco, la Grecia è attualmente ancora un’area a rischio, ma la situazione di contagio si sta attenuando. I visitatori devono inserire le proprie informazioni online prima di entrare nel paese. Al momento del ricovero deve essere presentata una vaccinazione completa o un test PCR non più vecchio di 72 ore. Una vaccinazione completa qui significa che la seconda vaccinazione è avvenuta almeno 14 giorni fa. Non c’è più un impegno per la quarantena. Tuttavia, i turisti dovrebbero sempre conoscere la loro esatta destinazione di viaggio. Ad esempio, recentemente è stato nuovamente imposto un blocco locale sull’isola di Kalymnos a causa dell’elevato numero di casi.

Italia

Il paese mediterraneo ha recentemente intrapreso un percorso di graduale allentamento. Quando i numeri della corona sono moderati, i ristoranti e i bar possono anche servire fuori ai tavoli la sera. Dopo le 22 c’è ancora il divieto di uscita. Musei e cinema nelle cosiddette zone gialle sono già aperti. A partire dal 1 ° giugno, le persone dovrebbero essere in grado di sedersi in casa. L’Italia punta al 2 giugno per l’inizio ufficiale della stagione estiva. Non è del tutto chiaro come saranno le normative per i migranti, compresi quelli che sono stati vaccinati, a giugno. Recentemente, i numeri delle corone sono diminuiti costantemente. Più del 25% della popolazione è stato vaccinato contro la corona almeno una volta.

In linea di principio, le vacanze in Italia sono possibili, ma il paese richiede ancora una quarantena di cinque giorni all’ingresso. Inoltre, vengono applicati più test, con un test PCR o un test rapido dell’antigene prima e dopo l’ingresso. Questo regolamento è attivo fino a metà maggio. Successivamente verrà presentata la “carta verde delle vaccinazioni” nazionale affinché le persone possano viaggiare liberamente all’interno del paese.

Croazia

In Croazia, hotel e ristoranti possono ricevere ospiti all’estero. Si applicano condizioni. Indossare una maschera è obbligatorio in luoghi pubblici interni ed esterni dove non è possibile mantenere una distanza di 1,5 metri. Entro il 3 maggio, il 17,5% della popolazione aveva ricevuto una vaccinazione iniziale.

Coloro che soddisfano i requisiti di accesso possono andare in vacanza in Croazia. Per entrare nel paese, i tedeschi hanno bisogno di un test PCR negativo che non abbia più di 72 ore o di un test anticorpale negativo che non superi le 48 ore, o una conferma che sono sopravvissuti al Covid-19, o la prova di un completo (seconda) vaccinazione La vaccinazione deve avvenire prima delle 14 Almeno un giorno, non ci sono altri requisiti per i test durante il soggiorno e i privilegi di vaccinazione vengono concessi solo all’ingresso.

READ  Festività di Pentecoste: queste regole sui festoni ora si applicano in Austria, Italia, Croazia, Grecia, Spagna e Co.

Austria

Il 19 maggio riapriranno ristoranti, hotel, palchi e impianti sportivi. I controlli di accessibilità sono forniti come precauzione. Sono consentiti eventi all’aperto con un massimo di 3.000 persone e all’interno con un massimo di 1.500 persone. Quasi un terzo della popolazione di età pari o superiore a 16 anni ha già ricevuto almeno una dose del vaccino. L’incidenza per un periodo da sette a 140 giorni è allo stesso livello della Germania.

Con le fasi di apertura, dovrebbe cadere anche la quarantena dei vacanzieri tedeschi. La vaccinazione, i test e il recupero del Covid-19 sono consentiti nel paese. Il governo prevede di impedire alle persone di sottoporsi al test tre settimane dopo la prima vaccinazione. Tuttavia, dal punto di vista tedesco, l’Austria rimane una regione pericolosa. È prevista una prova e almeno cinque giorni di quarantena sul volo di ritorno.

Portogallo

Il Portogallo, un ex hotspot epidemico, aveva i tassi di infezione più bassi in Europa dopo l’Islanda e, con essa, la Finlandia. Oggi, sabato, lo stato di emergenza ha cessato di estendere lo stato di emergenza a Corona per la prima volta in circa cinque mesi e mezzo. Ristoranti, caffè e bar, nonché cinema, teatri e altre strutture culturali e di intrattenimento possono rimanere aperti fino alle 22:30 nei fine settimana. Finora, c’è stato un coprifuoco molto presto nei fine settimana in tutto il Portogallo, che è iniziato alle 13:00. Inoltre, tra le altre misure di allentamento, è stata riaperta la frontiera terrestre con la Spagna.

I viaggi turistici non essenziali da paesi con un’incidenza superiore a 150 giorni per un periodo di 14 giorni, compresa la Germania, non sono ancora consentiti. Nel paese di 10,3 milioni di persone, sono già state somministrate circa 3,5 milioni di dosi di vaccino. Non ci sono ancora benefici per coloro che sono stati vaccinati o guariti in Portogallo.

Svizzera

Chiunque si rechi in Svizzera deve presentare un test Corona negativo non superiore a 72 ore. Se arrivi in ​​auto, autobus o treno, non è necessario. Solo i viaggiatori provenienti da aree a rischio dovrebbero essere in quarantena. La Germania non è una di queste, fatta eccezione per la Sassonia e la Turingia. Gli hotel sono aperti, così come musei, negozi, teatri, cinema, zoo e parchi di divertimento. È consentito mangiare e bere sulle terrazze del ristorante. I numeri massimi ovunque si applicano ai visitatori, alle regole sulla distanza e ai requisiti delle maschere. Non c’è il coprifuoco. Non ci sono privilegi speciali per i vaccinatori.

Nonostante le fasi iniziali, il numero di infezioni segnalate sta diminuendo. Il recente tasso di infezione a 14 giorni è stato di circa 289 nuove infezioni per 100.000 abitanti, rispetto alle 315 della settimana precedente. Circa l’11% della popolazione è completamente vaccinata.

READ  Italia - Milan allenatore Gazidis: La Premier League inizia una nuova stagione

Spagna

Il tasso di incidenza a sette giorni è molto più basso che in Germania e recentemente è stato solo di un buon 87. In alcune regioni turistiche come Valencia (circa 17) o le Isole Baleari (poco meno di 28) con Maiorca, la situazione è più rilassante. . In varie regioni, giovedì sono ancora in vigore alcune severe restrizioni, ma quasi tutte finiranno nel fine settimana, al termine dell’emergenza Corona di sei mesi. Nel frattempo, molte aree vogliono mantenere in particolare una chiusura notturna. Inoltre, i requisiti per le maschere da esterno dovrebbero continuare ad essere applicati per il momento.

L’ingresso in Spagna da tutti i paesi dell’Unione Europea e Schengen è generalmente possibile. Tuttavia, resta in vigore l’obbligo di testare l’ingresso da una zona pericolosa dall’estero (compresa la Germania). Circa 12,4 milioni di cittadini – il 26 per cento di tutti gli spagnoli – hanno già ricevuto almeno la prima dose di vaccinazione, di cui oltre cinque milioni sono stati completamente vaccinati. Tuttavia, non ci sono ancora benefici per coloro che sono stati vaccinati o guariti in Spagna.

tacchino

C’è ancora una chiusura in Turchia fino al 17 maggio: sono aperti solo i negozi per le necessità quotidiane e le persone possono uscire solo per svolgere compiti importanti. I turisti sono esentati da queste restrizioni di uscita e possono muoversi liberamente. Il numero di nuove infezioni nel paese ogni giorno rimane ad un livello elevato. Nelle province turistiche di Antalya, Mugla e Izmir, il tasso di incidenza per sette giorni è stato di circa 200 casi ogni 100.000 persone nelle ultime settimane. Finora circa il 17% della popolazione ha ricevuto almeno una dose del vaccino e la preferenza è data ai lavoratori del settore turistico. All’ingresso in Turchia, deve essere presentato un test PCR negativo, che non deve superare le 72 ore.

Ingresso in Germania

Tra i paesi elencati, Estonia, Francia, Lituania, Paesi Bassi, Polonia, Turchia e Cipro sono attualmente classificati dalla Germania come aree ad alta incidenza e altri paesi come aree a rischio. Secondo il Ministero federale degli affari esteri, i viaggiatori che tornano da aree a rischio generalmente devono entrare in quarantena di dieci giorni e registrarsi online prima di arrivare in Germania. Dopo cinque giorni, la quarantena può essere terminata prematuramente con un test Corona negativo.

Per il viaggio di ritorno da zone ad alto contagio si applicano regole aggiuntive e più severe: in questo caso i viaggiatori devono dimostrare di non essere infetti dal Coronavirus, ad esempio come risultato negativo del test. Questa prova non deve risalire a più di 48 ore prima. (dpa / utz)

Immagine della lista dei titoli: © tramite www.imago-images.de