Toscana Calcio

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su Toscana Calcio

Fase del razzo morto segnata sulla vernice – Impatto lunare del 4 marzo

Il 4 marzo, una piattaforma missilistica colpirà la luna non pianificata. L’astronomo Bill Gray inizialmente sospettava una parte di un razzo SpaceX, ma si è corretto dopo aver ricevuto informazioni: l’oggetto in rotta di collisione con la Luna non è di SpaceX, ma probabilmente parte di un razzo cinese. È probabile che il booster per il razzo con cui la Cina ha lanciato la sua sonda lunare sperimentale Chang’e 5-T1 nel 2014. Lo ha ora confermato un team dell’Università dell’Arizona. La vernice cinese funge da guida.

“Abbiamo eseguito un’analisi spettroscopica in grado di rivelare la composizione fisica di un oggetto e confrontarla con razzi simili realizzati dalla Cina e da SpaceX”, Lo riferisce il professor Vishnu Reddyco-direttore del Laboratorio di osservazione spaziale dell’Università dell’Arizona, “e (la spettroscopia) corrisponde al razzo cinese. È la migliore corrispondenza e al momento abbiamo le migliori prove possibili”.

“Sono stupito che usando i dati che abbiamo possiamo dire la differenza tra due oggetti razzo – SpaceX o cinese – e confermare quale razzo colpirà la luna”, afferma lo studente di scienze planetarie Adam Battle, stupito. “Le differenze che vediamo sono principalmente a causa delle vernici Space usa X e China.

Gli studenti che lavorano nello Space Observation Lab hanno osservato per settimane la rotazione del grande pezzo di detriti spaziali, fino al 7 febbraio, l’ultima notte in cui l’oggetto è stato scoperto dalla Terra. L’università sta inviando i dati ottenuti alla NASA per aiutare a determinare la posizione del potenziale impatto. Con un po’ di fortuna, l’effetto può essere osservato dal satellite lunare, il Lunar Reconnaissance Orbiter.

READ  Grand Theft Auto V: queste tecnologie chiave sono mirate su PS5

Nulla sarà visibile da terra. Le stime dell’Arizona indicano una posizione all’interno o vicino al cratere Hertzsprung. È dall’altra parte della luna. Il cratere prende il nome dal chimico e astronomo danese Ignar Hertzsprung, morto nel 1967. Il nome stesso è considerato un pioniere dell’astrofisica. Il suo cratere si trova sull’equatore lunare ed è in realtà un doppio anello. È una delle più grandi strutture ad anello sulla Luna, anche l’anello interno ha un diametro di 250 chilometri.

Lo studente Tanner Campbell è lieto: “Spesso non abbiamo la possibilità di tracciare qualcosa che già sappiamo colpirà la Luna. Ciò che è particolarmente interessante è il modo in cui l’impatto modella i crateri”. Inoltre, la questione delle previsioni di traiettoria sembra illuminante. Il resto del razzo, che non ha motore, viene espulso dalla sua stessa energia e dalla pressione della radiazione solare: “Possiamo usarlo per valutare i nostri modelli per vedere quanto sono buone le nostre previsioni”.

La maggior parte degli oggetti creati dall’uomo nello spazio sono detriti spaziali, solo una piccola parte dei quali viene utilizzata attivamente nelle strutture. Catalogo generale di oggetti spaziali artificiali di Jonathan McDowell Nella sola orbita terrestre sono noti più di 25.000 oggetti di dimensioni superiori a dieci centimetri. Di questi, solo circa 6000 sono ancora “vivi”.


(S)

alla home page