Toscana Calcio

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su Toscana Calcio

“Entrambi i vulcani pronti a eruttare” – I movimenti di magma in Italia preoccupano i ricercatori

“Entrambi i vulcani pronti a eruttare” – I movimenti di magma in Italia preoccupano i ricercatori

  1. Home page
  2. Lo sappiamo

Due vulcani in Italia preoccupano i ricercatori: quando erutterà il Vesuvio e cosa succede ai campi flegraini?

Napoli – Sono molti i vulcani in Italia, soprattutto la zona circostante il capoluogo Napoli ne è caratterizzata. “Gli abitanti vivono su un vulcano attivo o addirittura tra due vulcani attivi. “Si tratta del Vesuvio e dei Campi Flegrei”, spiega Thomas R. Walter del Centro tedesco di ricerca geologica (GFZ). Entrambi i vulcani sono nel mirino della ricerca perché sono “pronti a scoppiare”, dice Walter. .

Soprattutto quello Comportamento del Vesuvio I ricercatori sono preoccupati per quanto riguarda i vulcani italiani. Il vulcano che distrusse Pompei in una violenta eruzione nel 79 d.C. era sorprendentemente silenzioso. Fino all’eruzione del Vesuvio del 1944, il Vesuvio eruttava “in media ogni dodici anni” nel 19° secolo, dice Walter. FR.de da IPPEN.MEDIA. “E ora non è più così da quasi otto decenni.”

I vulcani italiani: Vesuvio e Campi Flegrei in particolare preoccupano gli esperti

Ma la ricerca al momento non è in grado di identificare alcun cambiamento sul Vesuvio, ma la situazione è molto diversa ai Campi Flegrei, conosciuti anche in tedesco come Campi Flegrain. L’area di 150 chilometri quadrati vicino Napoli è turbolenta da qualche tempo. “Ai Campi Flegrei abbiamo tutti i segnali che il magma si sta muovendo”, dice Walter. Tuttavia, attualmente non è possibile determinare la direzione del movimento della roccia fusa.

Il vulcano Vesuvio vicino a Napoli non erutta da 80 anni: comportamento insolito. © IMAGO/imageBROKER/Günter Gräfenhain

“Sotto i Campi Flegrei e il Vesuvio c’è qualcosa come un serbatoio, a una profondità di circa otto o nove chilometri, dove il magma in risalita si sta raccogliendo di nuovo. La grande domanda ora è: continua a salire in superficie da lì oppure no? Nessuno non posso rispondere affatto”, ha detto il ricercatore. tempo presente”.

READ  Il primo contratto collettivo per i lavoratori dell'opera italiana in 20 anni

Il vulcano Campi Flegrei vicino a Napoli è turbolento

Negli ultimi 15 anni la superficie dei Campi Flegrei è aumentata di circa un metro. Ciò che sembra un aumento significativo per la gente comune non è ancora un segnale di allarme per la scienza. “Questo è ovviamente molto, ma nelle eruzioni precedenti i tassi di altezza sono stati ricostruiti di diversi metri nel giro di poche settimane o mesi”, classifica Walter.

I Campi Flegrei vicino Napoli non sembrano un vulcano pericoloso, ma lo sono
I Campi Flegrei vicino a Napoli non sembrano un vulcano pericoloso, ma sono “pronti a esplodere”, afferma l’esperto di vulcani Thomas R. Walter. © Imago/Antonio Balasco

La ricerca nei campi flegrei si sta attualmente rivelando impegnativa. “Nessuno può guardare all’interno dei Campi Flegrei. Non è possibile scavare in questo stato per ottenere potenziali campioni – sottolinea il vulcanologo – Quello che si può fare è interpretare e modellare i dati delle stazioni in superficie”. Allo scopo, gli scienziati creano “gemelli digitali” sul computer per simulare diversi scenari.

I ricercatori vogliono sapere: quando erutterà il prossimo vulcano?

L’obiettivo principale è determinare il tempo fino alla prossima eruzione vulcanica, interpretare i segni e prevedere con precisione la situazione. “Se c’è un miglioramento significativo, è ovviamente importante sapere quanto dura questo periodo. Per fare questo, devi sapere quanto tempo impiega il magma a salire. Siamo a soli due chilometri dalla superficie o siamo siamo a otto chilometri di distanza”, spiega Walter. ?.” “Nuovi dati vengono attualmente raccolti su questo argomento. Sono molto fiducioso che presto avremo una risposta.

L’ultima eruzione dei Campi Flegrei è avvenuta circa 500 anni fa, quindi non esistono dati di misurazione precisi su cui la scienza possa fare affidamento. I ricercatori generalmente presuppongono che i segnali di allarme – come risalita, terremoti e emissioni di gas – aumenteranno notevolmente prima dell’esplosione. “Questo è uno dei motivi per cui i recenti terremoti vicino a Pozzuoli hanno innervosito un po’ la comunità vulcanica. La gente si è chiesta, è questo l’inizio, è questo il presagio dell’epidemia?” “Per ora dobbiamo aspettare e vedere cosa succederà dopo”, dice Walter.

Grandi terremoti vicino ai campi di grano filler

In realtà molto è già cambiato nei Campi Flegrei: si sono verificati forti terremoti in cui è stata distrutta un’area di oltre un chilometro quadrato. “Ma non sono stati ancora misurati cambiamenti nell’attività di degassamento, nella temperatura, ecc. in superficie”, dice Walter, che “all’inizio era cautamente rassicurante, ma ora stiamo osservando la cosa più da vicino”. Lo ha dimostrato uno studio condotto quest’estate I campi di flegreina sono diventati più suscettibili alle crepeD, rendendo più probabile un’epidemia.

IL Vulcano Stromboli, che attualmente sta attirando l’attenzione con la sua eruzioneD’altra parte, è una condizione completamente diversa: erutta regolarmente. Tuttavia, a partire dal forte terremoto tettonico del 2002, Stromboli è diventata “più imprevedibile”, ha detto l’esperto. “Negli ultimi cinque anni, questo è diventato più evidente.” Il ricercatore non vede alcun collegamento tra il fatto che molti vulcani in Italia siano entrati in turbolenza contemporaneamente, poiché non esiste alcun collegamento tra Stromboli e il Vesuvio e i Campi Flegrei. “Sono molto distanti. Le camere magmatiche e i percorsi di risalita sono stati separati”, dice sicuro Walter.

I geologi guardano i vulcani in modo diverso rispetto alla gente comune

In generale, la visione geologica dei vulcani è diversa da quella della gente comune, come conferma lo scienziato. Se, come geologo, si osserva l’evoluzione di un vulcano nel corso di migliaia di anni, ciò che si vede a Stromboli, al Vesuvio o nei Campi Flegrei è “perfettamente normale”. I vulcani hanno sempre fasi di maggiore attività o lunghi periodi di riposo. Tuttavia, se si considerano i vulcani italiani “entro la nostra scala temporale molto piccola”, le cose sembrano diverse: “Questo è molto insolito”, sottolinea Walter. (fattura non pagata)

Per scrivere questo articolo il team editoriale ha utilizzato l’assistenza automatizzata. L’articolo è stato attentamente esaminato dalla redattrice Tanya Banner prima della pubblicazione.