Toscana Calcio

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su Toscana Calcio

Dove si trova la navicella spaziale Voyager della NASA?

Dove si trova la navicella spaziale Voyager della NASA?

  1. Home page
  2. Lo sappiamo

Un’illustrazione non datata della sonda spaziale statunitense Voyager 1. © NASA/DPA

Le sonde della NASA “Voyager 1” e “Voyager 2” hanno ottenuto risultati notevoli nel campo dei viaggi spaziali. Tuttavia, il tuo viaggio nello spazio è tutt’altro che finito.

WASHINGTON, DC – Le navicelle spaziali Voyager 1 e Voyager 2 della NASA hanno già compiuto impressionanti imprese di viaggio nello spazio – e la loro missione è lungi dall’essere finita. Nel 1977, le due sonde furono lanciate nell’arco di 16 giorni e ciascuna portò a termine la propria missione quinquennale. La Voyager 1 visitò Giove e Saturno e scattò la famosa immagine del “punto blu pallido” nel febbraio 1990.

Nel 2012, la Voyager 1 è stata la prima sonda ad attraversare l’eliosfera ed entrare nello spazio interstellare. L’obiettivo della Voyager Interstellar Mission (VIM): la sonda è esplorare il sistema solare esterno e determinare dove finisce l’influenza del sole. Dopo il suo lancio, la Voyager 2 ha esaminato i pianeti Giove, Saturno, Urano e Nettuno prima di raggiungere anche lo spazio interstellare nel 2018.

La navicella spaziale Voyager della NASA è lontana dalla Terra

La sonda spaziale Voyager della NASA si trova a diversi miliardi di chilometri dalla Terra. Ma dov’è attualmente la sonda della NASA? A più di 45 anni dal loro lancio, le due sonde Voyager hanno già percorso lunghe distanze nello spazio. I numeri sono impressionanti:

  • La Voyager 1 ha percorso una distanza totale di 23,98 miliardi di chilometri dal suo lancio. Il segnale dalla Terra alla navicella spaziale impiega 22 ore e 13 minuti per viaggiare in una direzione.
  • La Voyager 2 ha percorso 19,95 miliardi di chilometri attraverso lo spazio dal suo lancio nel 1977. Il tempo di transito del segnale per traccia è di circa 18,5 ore.
READ  Scoperta di un pianeta teoricamente abitabile

Voyager 1 è l’oggetto costruito dall’uomo più lontano e la prima sonda nello spazio interstellare. Gli esperti dell’agenzia spaziale statunitense NASA stimano che la sonda non raggiungerà la nube di Oort prima di almeno 300 anni. Si tratta di un ipotetico gruppo di oggetti astronomici precedentemente sconosciuti situati ai margini del sistema solare. Secondo lo stato attuale della ricerca l’origine delle comete di lungo periodo dovrebbe trovarsi lì.

La Voyager 1 impiega ancora 300 anni per raggiungere la nube di Oort

Secondo la NASA, se la sonda manterrà la velocità attuale di circa 61.000 chilometri orari, impiegherà circa 30.000 anni per attraversare la gigantesca nube di Oort. Tra circa 40.000 anni, la Voyager 1 incontrerà la stella AC+793888 nella costellazione della Giraffa, secondo l’agenzia.

Poiché i due veicoli spaziali sono stati lanciati nello spazio su percorsi diversi, si trovano a distanze diverse dalla Terra e si muovono anche in direzioni diverse nello spazio interstellare. La Voyager 2 volerà vicino alla stella Ross 248 tra circa 40.000 anni. Dopo circa 296mila anni, si prevede che la sonda supererà la stella Sirio a una distanza di 4,3 anni luce. Sirio è la stella più luminosa nel cielo terrestre e può essere vista a gennaio. Si erge ben visibile sopra l’orizzonte.

Voyager 1 e Voyager 2 non hanno più energia sufficiente

Dopo molti anni nello spazio, le due sonde spaziali Voyager non hanno più energia sufficiente per mantenere in funzione tutti gli strumenti. La NASA ha già spento molti dispositivi, comprese le fotocamere. Ci sono ancora quattro strumenti attivi sulla Voyager 1, mentre la sonda gemella ne ha uno in più.

READ  Protezione dei minori: EA Sports FC 24 è classificato per età a partire dai 12 anni

notiziario satellitare

Iscriviti alla newsletter dello spazio libero e rimani aggiornato.

La NASA spera che le sonde spaziali riescano a resistere per un po’. “La cosa più ottimistica è che usciremo intorno al 2038 o al 2040. Ho una buona sensazione riguardo al 2030, ma il 2035 fa paura e il 2040 sarà un miracolo. Ma è il Viaggiatore”, ha confermato Bruce Wagner, capo della missione Voyager, in occasione del 45esimo anniversario della Voyager: “Nessuno pensava che saremmo stati qui nel 2022”. Axios. A volte, però, ci sono anche problemi interni con la navicella spaziale.

Alla fine le sonde gemelle si esauriranno. Non potrai più comunicare con la Terra e non potrai più guidare nello spazio. Ma il loro viaggio nelle profondità dello spazio non finirà: “I viaggiatori sono destinati a vagare per la Via Lattea, forse per sempre”, afferma la NASA.

In questo articolo editoriale è stata utilizzata l’assistenza automatizzata. L’articolo è stato attentamente vagliato dall’editore Tanya Banner prima della pubblicazione.