Toscana Calcio

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su Toscana Calcio

Dopo l'attentato di Mosca: i terroristi dell'Isis annunciano i loro attentati in tutto il mondo

Dopo l'attentato di Mosca: i terroristi dell'Isis annunciano i loro attentati in tutto il mondo

al di fuori Milizia terroristica

I terroristi dell'Isis annunciano attentati in tutto il mondo

Le milizie terroristiche dell'Isis minacciano altri attentati

La milizia terroristica dello Stato Islamico ha rivendicato ancora una volta la responsabilità dell'attacco vicino a Mosca che ha ucciso più di 140 persone, e ha anche annunciato attacchi globali contro ebrei e cristiani. Il portavoce dell'organizzazione terroristica Milizia Stato islamico (ISIS) ha denunciato in un video gli attacchi in Europa, negli Stati Uniti e nel cuore dello Stato ebraico e della Palestina.

Puoi ascoltare i nostri podcast WELT qui

Per visualizzare il contenuto incorporato è necessario ottenere il tuo consenso revocabile al trasferimento e al trattamento dei dati personali, poiché i fornitori del contenuto incorporato richiedono questo consenso come fornitori di servizi terzi. [In diesem Zusammenhang können auch Nutzungsprofile (u.a. auf Basis von Cookie-IDs) gebildet und angereichert werden, auch außerhalb des EWR]. Impostando l'interruttore su “On”, accetti questo (revocabile in qualsiasi momento). Ciò include anche il tuo consenso al trasferimento di determinati dati personali a paesi terzi, inclusi gli Stati Uniti, ai sensi dell'articolo 49, paragrafo 1, lettera a) del GDPR. Puoi trovare ulteriori informazioni a riguardo. Puoi revocare il tuo consenso in ogni momento utilizzando il tasto privacy a fondo pagina.

Il portavoce dell'organizzazione terroristica Milizia Stato islamico (ISIS) ha denunciato in un video gli attacchi in Europa, negli Stati Uniti e nel cuore dello Stato ebraico e della Palestina. Ha fatto riferimento anche alla dichiarazione del cosiddetto Califfato dieci anni fa.

DottLa milizia terroristica dello Stato Islamico (ISIS) ha rivendicato ancora una volta la responsabilità dell'attacco vicino a Mosca che ha ucciso più di 140 persone e ha anche annunciato attacchi globali contro ebrei e cristiani. In un messaggio audio di 40 minuti diffuso giovedì, il portavoce dell'Isis Abu Hudhayfah al-Ansari ha invitato i “lupi solitari” del gruppo ad “attaccare e prendere di mira i crociati (cristiani) e gli ebrei ovunque”, soprattutto durante l'attuale mese del Ramadan in Europa. E negli Stati Uniti d'America, così come nel cuore dello Stato ebraico e in Palestina. Il messaggio è stato pubblicato attraverso il portale mediatico Al-Furqan dello Stato Islamico.

Al-Ansari ha fatto riferimento anche alla dichiarazione del cosiddetto califfato dell’Isis dieci anni fa. All’epoca, la milizia controllava vaste aree della Siria devastata dalla guerra civile e del vicino Iraq. Gli estremisti hanno perso nuovamente il loro territorio. Tuttavia, le cellule dell’Isis rimangono attive in entrambi i paesi.

Leggi anche

Nell'attacco avvenuto venerdì scorso in una sala da concerto a Mosca, quattro uomini armati hanno aperto il fuoco nella sala da concerto del Crocus City Hall. Secondo le informazioni diffuse mercoledì, 360 persone sono rimaste ferite, 155 delle quali hanno avuto bisogno di cure ospedaliere. Secondo il capo dell'autorità, Mikhail Murashko, nelle cliniche di Mosca e dei suoi sobborghi giacciono ancora 80 vittime dell'attentato, tra cui sei bambini. Murashko ha detto che le condizioni dei quattro pazienti sono ancora molto critiche.

Le autorità stanno indagando sul terrorismo e finora hanno arrestato undici persone, tra cui quattro sospettati di aver sparato. L’organizzazione terroristica Stato Islamico ha rivendicato la responsabilità di questo attacco, che è il peggior attacco a cui la Russia ha assistito negli ultimi anni. Anche i politici russi parlano di terroristi islamici. Tuttavia, presumono che avrebbero potuto agire per conto dell’Ucraina o dei suoi sostenitori occidentali. Non forniscono alcuna prova per questo.

READ  L'amica e la madre parlano in diretta TV del loro ultimo contatto