Toscana Calcio

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su Toscana Calcio

Dopo l'annuncio di Israele: Birbock: l'attacco a Rafah è “ingiustificato”

Dopo l'annuncio di Israele: Birbock: l'attacco a Rafah è “ingiustificato”

Secondo la dichiarazione di Israele
Birbock: L’attacco a Rafah è “ingiustificato”

Ascolta il materiale

Questa versione audio è stata creata artificialmente. Maggiori informazioni | Invia la tua opinione

Anche Israele vuole avanzare verso Rafah nella guerra contro Hamas. Un gran numero di palestinesi sono fuggiti nella città situata nel sud della Striscia di Gaza. Il ministro degli Esteri Baerbock è “inorridito” dal piano. Richiede inoltre garanzie di sicurezza internazionali per una soluzione a due Stati.

Il ministro degli Esteri tedesco Annalena Baerbock ha criticato l'annuncio di Israele di voler espandere la sua offensiva militare da Gaza a Rafah. Baerbock ha dichiarato alla rete editoriale tedesca (RND) di “aver sentito questo annuncio con orrore”. Ha aggiunto: “Un'azione adesso a Rafah, nell'ultimo e più affollato luogo, come ha annunciato il ministro della Difesa israeliano, sarebbe semplicemente ingiustificata”. Essa e i suoi partner americani hanno chiarito da tempo al governo israeliano che “il popolo di Gaza non può scomparire nel nulla”.

Baerbock ha anche chiesto garanzie di sicurezza internazionali per attuare la soluzione dei due Stati in Medio Oriente. “Sono necessarie garanzie di sicurezza internazionali affinché il terrorismo odioso non emerga da Gaza”, ha affermato Birbock. Il secondo elemento necessario è la creazione di una vera amministrazione palestinese. Per raggiungere questo obiettivo, l’Autorità Palestinese deve essere riformata. In terzo luogo, Gaza deve essere ricostruita utilizzando qualcosa di simile al Piano Marshall.

Questi sono “pezzi del puzzle”, ha detto Baerbock. “Dobbiamo metterli insieme adesso.” Si dovrà discutere anche dello smantellamento degli insediamenti israeliani nei territori palestinesi e del riconoscimento dello Stato palestinese. La condizione fondamentale è un nuovo cessate il fuoco in base al quale gli ostaggi israeliani verranno rilasciati. “Finché gli ostaggi non saranno liberi e la sofferenza disumana quotidiana di bambini e civili non diminuirà, il nodo gordiano sarà difficile da spezzare e nessuno potrà parlare del giorno dopo. Ecco perché un nuovo cessate il fuoco è così cruciale “, ha detto Baerbock.

Baerbock si è espresso nuovamente contro lo scioglimento dell'Agenzia delle Nazioni Unite per il soccorso e l'occupazione dei rifugiati palestinesi (UNRWA). “Le strutture dell'UNRWA a Gaza sono utilizzate anche da altri attori delle Nazioni Unite come l'UNICEF o il Programma alimentare mondiale. Non possono essere rapidamente sostituite in questi giorni acuti di guerra, anche perché le altre organizzazioni presenti lì attualmente non sono più senza sicurezza”, ha aggiunto. “Gli impegni dell'IDF possono davvero aiutare.”

READ  Espropriazione dei beni dopo la seconda guerra mondiale: la Polonia impedisce il risarcimento agli ebrei