Toscana Calcio

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su Toscana Calcio

Dopo la decisione della Fed: aspre critiche alla politica monetaria Usa: gli analisti di Stifel accusano la Fed di creare la prossima bolla | newsletter

La Federal Reserve mantiene il tasso di riferimento a un livello basso
Gli analisti di Stifel si confrontano con la bolla delle dot-com
Prima patch, poi vesciche

La Fed lascia invariato il tasso chiave – decide di diminuire più velocemente

Poco prima della fine dell’anno, la Federal Reserve statunitense ha recentemente annunciato che il suo tasso di interesse chiave rimarrà di nuovo invariato Da zero a 0,25 percento Le foglie. Tuttavia, a causa dell’attuale elevata inflazione, i watchdog valutari hanno deciso di uscire più rapidamente dal programma di acquisto. Oltre alla diminuzione accelerata, è stata promessa anche la possibilità di tre rialzi dei prezzi per il prossimo anno.

La banca centrale creerà la prossima bolla?

Le decisioni della Fed sono state accolte con critiche, in particolare dall’analista di Stifel Barry Bannister. “Il populismo (apparentemente sostenuto dalla Federal Reserve e dal Tesoro degli Stati Uniti) porta a decisioni sbagliate e a risultati anche peggiori”, ha affermato Bannister in una nota resa disponibile al portale finanziario Market Watch. “I tagli dei tassi potrebbero creare un’altra bolla che scoppia (come sempre), seguita da un decennio perduto”. Di conseguenza, le autorità statunitensi hanno preso decisioni sbagliate dall’inizio della pandemia di Corona nel marzo 2020, che presto si vendicheranno.

Equivalente al giovedì nero e alla bolla delle dotcom

A riprova di questa valutazione, gli osservatori del mercato hanno esaminato i dati storici. L’S&P 500 è crollato di quasi il 20% nel terzo trimestre del 1998 prima che scoppiasse la bolla delle dotcom nel marzo 2000. Sebbene la Fed abbia inasprito la politica monetaria nella seconda metà del 1999 fino alla prima metà del 2000 e abbia aumentato il tasso di riferimento Diverse volte, tuttavia, questo non poteva più impedire lo schianto. Qualcosa di simile è successo negli anni ’20, dicono gli analisti, secondo MarketWatch: quando i tassi di interesse furono aumentati nel dicembre 1928, l’indice crollò del 10,7 percento. Poi, nell’ottobre 1929, il mercato azionario crollò, portando alla crisi economica globale.

READ  Azioni Porsche: l'azienda si riprende - Dietro Porsche c'è Dax

Prossima bolla nel 2022 o 2023

Gli strateghi ora credono che la Fed possa creare una terza bolla in 100 anni. Come scrive “The Street”, gli esperti ipotizzano che l’S&P 500 scenderà inizialmente a 4.000 punti nel primo trimestre del 2022. Le ragioni addotte per la correzione sono state la forza del dollaro USA, la debole crescita della Cina, i segnali di uscita dal Federal Riserva e liquidità globale ridotta in generale. Tuttavia, se la Fed restringe la sua politica monetaria molto più lentamente, creerà una bolla, secondo la nota. Nello stesso anno, ma non oltre il 2023, le cose dovrebbero salire in modo significativo: secondo le previsioni di Stifel, l’indicatore potrebbe quindi raggiungere i 6.750 punti. Di recente, l’indice delle 500 maggiori società statunitensi quotate ha raggiunto 4725,79 punti (prezzo chiuso il 23 dicembre 2021). Gli strateghi assumono il livello di 25.000 punti per l’indice Nasdaq Composite. Quest’ultimo ha chiuso a 15653,37 punti.

Tolleranza del rischio elevato tra i piccoli investitori

Secondo gli strateghi, l’unico modo in cui la Fed può evitare una bolla è seguire il suo Financial Stability Report, in cui gli osservatori valutari avvertono che gli investitori al dettaglio hanno un’elevata propensione al rischio e che le alte valutazioni delle azioni e degli immobili continuano a gonfiare il mercato. “Tuttavia, la politica potrebbe arrivare troppo tardi e se il mercato diventa “rischioso” con un basso premio per il rischio azionario e un Treasury Inflation Protection Security (TIPS) a dieci anni –Indietro Ancora in calo del -1,0% a causa delle banche centrali globali, potrebbe esserci una bolla convessa dei prezzi/utili (P/E) negli anni dal 2022 al 2023″, avvertono gli analisti di Stifel.

READ  Erdogan: la Turchia taglia l'elettricità all'industria, colpite anche le aziende tedesche

Ecco come dovrebbero reagire gli investitori

Per prepararsi alla bolla, gli strateghi dei fornitori di servizi finanziari consigliano di adeguare la propria strategia di investimento in anticipo. Gli analisti strategici vedono un rallentamento simultaneo sia dell’S&P 500 che dei prezzi delle materie prime come un segnale di avvertimento. Ma se gli investitori investono in titoli difensivi nell’S&P 500, possono proteggersi dalla bolla, secondo Bannister & Co. In particolare, gli esperti raccomandano titoli dei settori della salute, dei beni di consumo, dei servizi pubblici e delle comunicazioni.

La redazione di Finanzen.net

Questo testo è solo a scopo informativo e non costituisce una raccomandazione di investimento. Finanzen.net GmbH esclude qualsiasi diritto di regresso.

Altre notizie su Stifel Financial CorpShs

Fonti di immagini: Mesut Dogan/Shutterstock.com, MarcelClemens/Shutterstock.com