Toscana Calcio

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su Toscana Calcio

La presidente della Liqui Molly Ernst Prost parla di libertà di espressione e quota per le donne

Ernst Prost è un meccanico auto qualificato e presidente del produttore di lubrificanti Liqui Moly
Image Alliance / dpa | Il castello di Felix

Ernst Prost è a capo della Liqui Moly da più di vent’anni. Alla fine di febbraio si è fermato – in pensione.

io Intervista a Wirtschaftswoche Parla con Proust del suo lavoro quotidiano ‘masochista’, dei suoi consigli per il suo successore e della quota di donne.

“Non so se dovresti promuovere le donne e se dovresti far morire la diversità in azienda”, ha detto Prost alla rivista.

Alla fine di febbraio inizia una nuova vita per Ernst Prost. Dopo più di vent’anni alla guida del produttore di lubrificanti Liqui Moly, il 64enne se n’è andato. Prost vendette le azioni della sua azienda a Würth.

io Intervista a Wirtschaftswoche Il meccanico qualificato parla dei consigli che dà al suo successore, della mancanza di un testo chiaro, della quota delle donne e del suo lavoro quotidiano.

Per lui, essere un capo non significa solo stare seduto in ufficio e fare una “faccia carina”, dice Prost. “Ci deve essere un po’ di lavoro. E questo è giorno e notte.”

Leggi anche

Ha trascorso una giornata lavorativa con Wolfgang Grupp – ed è rimasto sorpreso dal modo in cui il presidente di Trigema gestisce la sua azienda da un milione di dollari senza un computer e con e-mail stampate

“Da 30 anni l’azienda è un grande parco giochi per me”

“Naturalmente” gli piaceva anche il suo lavoro, ma anche il “masochismo” riguarda lui, afferma l’amministratore delegato di Lubricant. Le catene di approvvigionamento sono lacerate, le valute stanno crollando nei paesi e Corona sta mettendo un “velo nero” su tutto. Ha detto alla Wirtschaftswoche che la sua vita quotidiana consiste nel muovere qualcosa su “tutti i fronti”.

READ  Indagine IHK: le aziende della Bassa Sassonia sono pessimiste | NDR.de - Notizie

Cheers non vede l’ora di andare in pensione, ma è difficile per lui fare a meno di queste “lotte quotidiane”. “Per 30 anni, l’azienda è stata un grande parco giochi per me”, afferma Prost. Ora deve cercare qualcun altro. “Ho ancora un vantaggio di forse 20 anni, e non voglio spenderlo con l’olio”, ha detto il meccanico in un’intervista.

Leggi anche

Tra barche a vela e allenamento alle 5 del mattino: ecco cosa accomuna imprenditori di successo nel “ricco club”

“Devi creare giorno e notte.”

Cosa vuole fare esattamente in pensione rimane poco chiaro. Ma trova “molto attraente” viaggiare e incontrare clienti all’estero, che di solito hanno solo appuntamenti di lavoro in aeroporto o in hotel.

Prost consiglia al suo successore, l’ex co-direttore generale Günther Hermeyer: “Devi lavorare come un bravo addetto alle pulizie, giorno e notte, occupandoti di tutto, prendendoti cura dei dettagli, prendendoti cura di clienti e fornitori”.

Inoltre, raccomandava di non produrre in Cina o altrove, ma solo in Germania. Quindi le cose sono nelle tue mani, dice Proust.

“Faccio anche molto spettacolo”

Ha assunto la direzione dell’azienda nel 1998 senza studiare. Prost ricorda in un’intervista che aveva paure “giorno e notte”. “Faccio anche un sacco di show business quando mi vengono date le cose irremovibili”. Non poteva stare di fronte a persone “con i pantaloni pieni”. “Il presidente deve anche emanare una certa aura che dia sicurezza alle persone”.

Non si è affatto pentito di non essere stato all’università, anzi: «Secondo me, i giovani di oggi perdono molto tempo imparando le cose nelle università o ovunque non ne abbiano più bisogno».

READ  Vodafone sta lavorando per migliorare la sua rete gigabit

Inoltre, gli studenti non impareranno le cose di cui hanno bisogno nella vita lavorativa quotidiana. “Ho sempre ricevuto le conoscenze di cui ho bisogno da brave persone, ma anche provando le cose”, afferma Prost.

Leggi anche

Ho cercato di capire il fenomeno del Wolfgang Grupp – e ho imparato qualcosa di importante sul suo uso dei media

“Economia” è stata contrassegnata come “una folla affamata di soldi e mangiatore di uomini”

In un’intervista con Wirtschaftswoche, Prost ha anche criticato il fatto che molti dirigenti dell’azienda avevano paura di esprimere le proprie opinioni e “ottenere qualcosa”. Prost dice che le ragioni sono, tra l’altro, il consiglio di sorveglianza, gli azionisti, la stampa e “la gente”.

Perché non osano farlo, stanno scappando dall'”energia” di cui la Germania ha bisogno, secondo Prost. “Non ho sentito quasi mai che nessun uomo d’affari avesse avuto tutte queste cose legate al coronavirus per due anni”, dice. C’è una mancanza di “polifonia” e “economia” è bollata come una “folla mangiasoldi”.

Broast contro quota per le donne

Prost ha una chiara voce in capitolo nelle discussioni sull’uguaglianza di genere sul posto di lavoro: “Non so se dovresti promuovere le donne e se dovresti uccidere la diversità in azienda”. Ci sono “donne buone”, ci sono uomini “buoni”, e ci sono “donne cattive” e “uomini cattivi”.

“Non dobbiamo ritrarre la società in modo tale da dire: ‘In ogni azienda ci devono essere tante, tante donne, tanti sassoni, tanti neri e tante bionde’”, dice in Cheers. Secondo il capo di Liqy Moly, questo sta andando nella “direzione sbagliata”. La sua conclusione: prima dell’introduzione delle quote, devono esserci prima le donne che lo desiderano assolutamente.

READ  È così che le aziende reagiscono alla mancanza di professionisti IT

Leggi anche

Julianne Eller di uno scatto di media lunghezza all'azienda vinicola, accanto a lei, ha appuntato il nostro poster della campagna per Women Who Make the Future.

Questa vignaiola di 31 anni di Rheinhessen produce vino con Matthias Schweighöfer e Joko Winterscheidt: ecco come l’ha aiutata Instagram