Toscana Calcio

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su Toscana Calcio

drohne

Fondare con successo un’azienda nel settore agricolo: 5 consigli

Con la giusta strategia, enormi opportunità attendono i fondatori entusiasti dell’agricoltura, come ha rivelato Daniel Wild, investitore digitale e imprenditore seriale in un articolo ospite. Cinque consigli attraverso i quali creare una startup nel settore agricolo:

1. Impegno, impegno, impegno

Per prima cosa, anche nel settore agritech: in qualità di investitore, per me è imperativo che i fondatori mettano il cuore e l’anima nella loro azienda. Può sembrare un cliché, ma l’impegno è tutto e la fine di tutto. Non dovresti lasciare dubbi al riguardo. Una persona che persegue la sua visione a malincuore, cioè la sua azienda, non è in grado di investire attraverso il capitale di rischio. Molti dei fondatori nel settore delle tecnologie agricole provengono dalle stesse aziende agricole a conduzione familiare. La doppia azione può essere ancora possibile all’inizio, ma a un certo punto devi prendere una decisione. Entrambe queste cose non funzionano bene insieme a lungo termine. Costruire la propria azienda richiede tempo e impegno. Soprattutto nei primi tre anni della startup, ma anche dopo, la maggior parte delle cose non andrà secondo i piani. I fondatori devono essere preparati per questo.

2. Fondatore-Market-Fit

Quello che può essere un ostacolo all’impegno è un ovvio punto in più per il prossimo importante mattone per il successo: il giusto fondatore del mercato. I fondatori devono comprendere il mercato specifico a cui si rivolgono con il loro prodotto o servizio. Il principale gruppo target delle AgTech sono gli stessi agricoltori, il cui accesso all’industria stessa opera secondo regole diverse rispetto al tipico ecosistema di startup delle grandi città. Idealmente, i fondatori stessi hanno uno stretto legame con l’agricoltura, perché provengono dall’azienda agricola o hanno parenti che gestiscono ancora l’azienda. In caso contrario, dovresti rivolgerti agli esperti giusti, e anche in questo caso si dice: lo scambio è tutto. I fondatori devono parlare il più possibile con altri agricoltori e comprendere le proprie sfide aziendali. Solo così i modelli di business possono essere adattati in modo ottimale al mercato.

Il principale gruppo target di AgTechs sono gli stessi agricoltori.” — Daniel Wild

3. Lavoro di squadra – anche quando si costituisce una società

La mia esperienza come investitore e imprenditore mostra che è una buona idea avere un team di fondatori. I team sono composti da diverse personalità che portano in azienda esperienze e competenze diverse. Ciò è particolarmente importante per le aziende del settore agricolo. Ad esempio, se il fondatore proviene dall’IT, probabilmente non avrà un’idea specifica delle realtà della vita dell’agricoltore. In questo caso, è l’ideale che un altro fondatore con un background adeguato rappresenti l’azienda nel settore. Al contrario: se un fondatore proviene direttamente da una pratica agricola, anche i fondatori che portano con sé competenze economiche e di marketing sono un vantaggio. Questo rende molto più facile lavorare con investitori e partner commerciali.

READ  L'Unione Europea ha concluso un accordo per obbligare le multinazionali a dichiarare utili e tasse

4. Pensa attentamente o: sii affamato di successo

I fondatori dovrebbero rendersi conto che gli investitori non sostengono le loro società con denaro perché sono solidali con loro. Alla fine, gli investitori danno uno sguardo critico alla società e sperano di aumentare il suo valore più volte nel corso della cooperazione. La sfida nel settore della tecnologia agricola è che gli investitori non hanno prestato molta attenzione a questo mercato. Ad esempio, circa il 10% delle startup proviene dall’industria alimentare, ma solo il 2,4% dall’agricoltura (DSM 2021). Pertanto, i fondatori di AgTech devono essere in grado di dimostrare il successo – il “pull” – del loro prodotto o servizio ai loro investitori in una fase iniziale. Il modo migliore per farlo, ovviamente, è con i fatti concreti: vendite o crescita dei clienti. Se non si dispone di tali prove di prestazioni nella fase iniziale, ci sono altre opzioni. In questo modo, il feedback positivo dei clienti può chiarire la necessità.

5. Non lasciarti abbattere

Che siano imprenditori a lungo termine o nuovi fondatori: tutti affronteranno sfide e crisi nel contesto della propria azienda. La creazione di un’impresa in particolare nel settore agricolo può presentare ulteriori sfide. Quando altre startup trovano più rapidamente capitali, contatti o presenza sui media, ogni investimento nel settore agricolo deve spesso essere combattuto. Qui, i fondatori devono continuare ad articolare i vantaggi e il valore delle loro innovazioni. Inoltre, vale quanto segue: ciò che non è stato fatto finora può ancora essere fatto. L’agricoltura offre ancora molto potenziale per investitori e fondatori di AgTech innovativi. Il focus è anche sull’obiettivo più di altre industrie: le piccole aziende agricole a conduzione familiare producono ancora il 70% del cibo mondiale. Chi li sostiene attraverso l’innovazione tecnologica porta un reale valore aggiunto alla società.

READ  Bamberg: sono state intervistate più di 1.000 aziende della regione

Infine, darei ai fondatori qualcos’altro sulla loro strada: anche se il percorso è sassoso e faticoso per soddisfare tutti i requisiti. Dovresti sempre pensare a una cosa: costituire un’azienda è libertà. Il mio motto nella vita è “Invece di giurare di non astenermi”. E lo vivo ogni giorno.