Toscana Calcio

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su Toscana Calcio

Dinosauro: non solo Rex, ma anche Regina e Imperator

DottIl possente Tyrannosaurus rex era probabilmente il dinosauro più famoso del mondo ed era considerato l’unica specie del genere Tyrannosaurus. I ricercatori ora scrivono che in realtà esistono tre tipi di tirannosauri. Nella rivista “Evolutionary Biology” giustificano la loro affermazione con le sorprendenti differenze anatomiche tra i diversi campioni di T. rex. Ciò include la forma del femore e il numero di denti anteriori definiti nella mascella inferiore.

Almeno dal film.Jurassic Park“Dal 1993, il dinosauro predatore T. rex è famoso. Il “tiranno re delle lucertole” – come si traduce il nome – camminava su due gambe, era lungo fino a 13 metri e pesava fino a sette tonnellate. Visse da due a tre milioni di anni fa, alla fine del Cretaceo, fino a quando i dinosauri si estinsero 66 milioni di anni fa, afferma Bernd Herkner, direttore di Il Museo di Storia Naturale di Magonza. “È uno dei pochi dinosauri il cui nome completo è generalmente noto”.

Ma il nome di questa specie è ora in discussione: dopo aver analizzato 37 reperti di T. rex dal Nord America, il paleontologo americano Gregory Poole, insieme ad altri ricercatori, suggerisce, Collegio di Charleston Cambiamento fondamentale: in base a ciò, il T. rex sarebbe solo uno dei tre tipi di tirannosauri.

Grande discrepanza nelle ossa della coscia

Il team lo giustifica principalmente dal contrasto sorprendente nei femori recuperati. Il rapporto tra lunghezza e circonferenza per queste specie varia del 30 percento, che è molto alto per la specie. D’altra parte, gli autori distinguono tra ossa femorali molto forti e alquanto delicate.

Leggi anche

Questo osso in particolare è di particolare interesse per i paleontologi: “Il femore è una caratteristica importante, soprattutto nei dinosauri bipedi, che consente di trarre conclusioni su peso, forma fisica e movimento”, afferma l’esperto Mains Herkner.

READ  Più accurato del metodo al radiocarbonio: l'intelligenza artificiale ad oggi delle scoperte archeologiche

I ricercatori hanno stabilito che lo spessore dipende dallo stadio di sviluppo – l’età dell’animale in questione – perché non è correlato alla lunghezza dell’osso nei risultati analizzati. Probabilmente non dipende nemmeno dal sesso, perché la variante forte non compare tanto spesso quanto la forma esatta, ma più del doppio delle volte.

Differenze nei denti nella mascella inferiore

Invece, il team sottolinea una connessione diversa: finora, le ossa più forti sono state trovate solo negli strati inferiori e più vecchi dei reperti, mentre la variante più sottile è stata trovata anche negli strati più giovani. I ricercatori interpretano questo come un’indicazione che la specie originale si è divisa in due specie nel corso di milioni di anni.

Il secondo argomento sono i denti degli animali: qui compaiono due speciali denti frontali sulla mascella inferiore in antichi reperti di T. rex. Secondo i ricercatori, gli animali più giovani hanno spesso un solo dente: questi animali hanno ossa piuttosto fini. Tuttavia, i ricercatori avevano solo una dozzina di esemplari che contenevano questi denti e le ossa del femore.

Leggi anche

Grafica computerizzata di un Tyrannosaurus Rex che caccia Ornithomimus.  Il T. rex era tra i più grandi dinosauri carnivori.  Era lungo circa 6 metri e pesava circa 7 tonnellate.  T. rex visse in Nord America e in Asia durante il tardo Cretaceo, tra 85 e 65 milioni di anni fa.  La testa è ben costruita e ha denti aguzzi da predatore.  Si ritiene che il T. rex fosse foraggiamento oltre che caccia.  Ornithomimus era lungo circa sei metri e lungo due metri.  Era un carnivoro.  Era veloce e agile e si ritiene che fosse in grado di raggiungere velocità fino a 70 chilometri all'ora.  Visse 76-65 milioni di anni fa.

“È un’analisi attenta che potrebbe certamente giustificare il dibattito sulle diverse specie”, afferma Herkner. “Comunque, sarebbe sorprendente se un genere vivesse per milioni di anni e ne emergesse solo una specie”. Tuttavia, il concetto di specie in paleontologia è comunque problematico.

In biologia, di solito si parla di una specie quando i suoi rappresentanti sono in grado di produrre prole in grado di riprodursi in condizioni naturali. Tuttavia, in paleontologia, dove ciò non può essere verificato, il focus è sulla morfologia, cioè sull’aspetto. “Resta da vedere se la comunità scientifica seguirà i suggerimenti”, afferma Herkner.

READ  Quasi un ictus su quattro è causato da fibrillazione atriale: una pratica di guarigione

Cambio di nome incerto

Il paleontologo Martin Sander dell’Università di Bonn è scettico sulle possibilità di un cambiamento nella nomenclatura. “È fondamentalmente buono, ma è ancora su un terreno instabile”, dice. Lo studio è l’inizio, ma oggi non basta cambiarne il nome. “Ciò richiede metodi moderni”, afferma Sander.

Le caratteristiche individuali, compresi i livelli di ricerca, devono essere analizzate statisticamente nei minimi dettagli e correlate tra loro in dettaglio, in modo che emerga un albero genealogico. Ad esempio, per determinare l’età degli animali, è necessario osservare da vicino la microstruttura delle ossa.

Leggi anche

Illustrazione di un dinosauro quando un asteroide colpisce la Terra.  Il tirannosauro è stato uno degli ultimi dinosauri a estinguersi 65 milioni di anni fa durante l'evento di estinzione che pose fine al periodo Cretaceo.  Gli scienziati ritengono che l'incidente sia stato causato da un asteroide o da una cometa che si è scontrata con la Terra al largo di quello che oggi è il Messico.

L’autore principale Paul e colleghi non escludono che le differenze menzionate possano essere basate sulle caratteristiche individuali estreme del corpo. Tuttavia, stanno già proponendo nomi di specie aggiuntivi: quindi le “lucertole tiranniche” avrebbero tre specie: oltre al re T-rex, c’era anche una regina, T-regina, e persino un imperatore, T-imperatore.

Di conseguenza, sarebbe T. Sander afferma che se davvero prevalesse la distinzione tra diverse specie di dinosauri, allora i nomi di queste specie potrebbero sicuramente essere usati.

Ad ogni modo, anche se un giorno la proposta convincerà la corporazione dei paleontologi, probabilmente ci vorrà del tempo prima che la designazione diventi generalmente accettata, afferma Herkner: “I musei non riscriveranno immediatamente tutti i pannelli di testo e riorganizzeranno i cassetti delle loro collezioni .”

Qui è dove troverai contenuti di terze parti

Per interagire o visualizzare contenuti di terze parti, abbiamo bisogno del tuo consenso.

Acconsento alla visualizzazione di contenuti di terzi da parte mia. Ciò consente il trasferimento dei dati personali a terzi. Ciò potrebbe richiedere la memorizzazione dei cookie sul tuo dispositivo. Puoi trovare maggiori informazioni a riguardo.