Toscana Calcio

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su Toscana Calcio

Il picco dell’onda Omicron è passato ora? Pratica di guarigione

COVID-19: il numero di nuovi casi di corona è in calo

Le nuove infezioni da SARS-CoV-2 rimangono a un livello relativamente alto, ma il numero di persone che si ammalano gravemente di COVID-19 sembra essere in calo. Siamo ora a un punto di svolta dell’onda omicron?

Secondo la valutazione del ministro federale della Sanità Karl Lauterbach, la Germania ha superato il picco dell’Omicron sito web Governo federale. Secondo il politico, le misure adottate sono riuscite. Tuttavia, dice Lauterbach, “Non eravamo ancora in acque veramente sicure”. Uno dei virologi più rispettati del paese è d’accordo.

Omicron BA.2 التاجي variante del coronavirus aumentata

Spiega il Professor Dr. La dottoressa Sandra Ciesek, direttrice dell’Istituto di virologia medica presso l’ospedale universitario di Francoforte sul Meno in un podcast attuale della Fondazione tedesca del cuore.

secondo Messaggio Il virologo in particolare sottolinea la crescente frequenza della variante del coronavirus Omicron BA.2, “poiché non sappiamo ancora quanto gravemente possano ammalarsi le persone”.

Il cardiologo e medico di terapia intensiva, dott. Il medico Thomas Voigtländer, CEO della German Heart Foundation, parla di una “pausa di tensione”.

Non solo annusare

Sebbene il numero di infezioni continui ad aumentare, si stanno diffondendo voci secondo cui l’infezione con l’attuale variante di Omicron non è poi così grave. Tuttavia, il virologo Ciesek non è affatto d’accordo.

I dati provenienti dalla Gran Bretagna, ad esempio, hanno mostrato che l’infezione con la variante BA.1 è in realtà “relativamente più facile”. Tuttavia, non dobbiamo dimenticare che qui in Germania, in particolare, un gran numero di persone è già stato vaccinato. Quindi avverto sempre che l’infezione non è solo un raffreddore.

READ  Nei distretti con incidenza superiore a 1000: la Baviera impone il lockdown in molti luoghi

Uno sguardo ai paesi africani mostra anche che il numero di morti tra i non vaccinati è in aumento. “E anche qui, naturalmente, gli anziani o le persone che non sono state vaccinate o che hanno malattie preesistenti possono ammalarsi gravemente di Omicron”.

Paura della miocardite

Diversi studi recenti e resoconti dei media su rari casi di miocardite (miocardite) correlata al vaccino causano incertezza.

Molte persone hanno difficoltà a stimare il rischio di infezione con una variante di omicron BA.1, che di solito è lieve, e il rischio di un tale effetto collaterale dopo la vaccinazione con mRNA.

Dopo oltre dieci miliardi di vaccini per COVID-19, “supponiamo che ci sia miocardite associata in 3-5 vaccini su 100.000”, ovvero nel contesto temporale della vaccinazione con mRNA, spiega Voigtländer.

I giovani uomini di età compresa tra i 15 ei 30 anni hanno un rischio maggiore di sviluppare la miocardite, che di solito è lieve, ma le giovani donne no. Tuttavia, a causa della paura di questo evento, che è ancora generalmente raro, e supponendo che la malattia con BA.1 sia lieve, Ciesek ritiene che poter fare a meno della vaccinazione sia un errore.

Il medico lo mette inequivocabilmente: “Sappiamo anche che se una persona non è stata vaccinata e ora è leggermente malata di omicron, non svilupperà un’immunità sufficiente ad altre varianti del virus, ad esempio”.

Vede Omicron come “non l’ultima alternativa” e presume che forse anche il delta tornerà. Pertanto, il vantaggio è ancora evidente insieme al vaccino COVID-19. “La vedo allo stesso modo”, dice Voigtländer. Questa posizione è sottolineata anche dai dati attuali con un focus sulle complicanze cardiovascolari a seguito di COVID-19.

READ  Numeri Corona nel distretto di Heidenheim: tasso di contagi e numero di feriti per venerdì 29 ottobre 2021

Aumento del rischio di nuove malattie cardiovascolari

Il Prof. Voigtländer ricorda un tasso di mortalità da due a tre volte superiore nelle persone che in precedenza avevano malattie cardiache e sono state infettate da SARS-CoV-2 nella prima ondata.

I cardiologi non solo hanno notato che questi pazienti preesistenti erano a rischio di infezione, ma anche che si sono sviluppate nuove malattie cardiache in quelli con il virus:

La miocardite era il fenomeno principale lì. Si stima che circa 11 persone su 100.000 non siano immunizzate”, spiega il direttore medico dell’ospedale Agaplesion Bethanien di Francoforte sul Meno.

Oltre alla miocardite da COVID-19, ci sono altre malattie associate al sistema cardiovascolare, sottolinea Ciesek. “Buoni dati” in merito sono forniti sulla rivista specializzata “medicina della naturaÈ stato pubblicato uno studio su 150.000 anziani veterani americani, che avevano un’età media di 65 anni e avevano un’infezione da corona.

Rispetto al gruppo di controllo che non era stato infettato da COVID-19 e al gruppo di controllo prima dell’epidemia, c’era chiaramente un “rischio aumentato” di sviluppare aritmie, insufficienza cardiaca e malattia coronarica (CHD) – anche se non si trattava di malattia, dice il professor Cesek. Il Covid stesso è così pericoloso”.

“Dimostra ancora una volta che non stiamo parlando solo della malattia polmonare”.

Sono necessari farmaci antivirali migliori

Per Voigtländer, è concepibile che l’attuale pandemia alla fine seguirà lo stesso corso dell’influenza dei virus dell’influenza, date “le molte somiglianze con l’epidemia che stiamo vivendo” ea condizione che i vaccini vengano adattati ogni anno.

D’altra parte, il virologo Ciesek è “un po’ pessimista”, perché SARS-CoV-2 ha anche dimostrato di essere inaspettatamente versatile per gli specialisti della corona ed “è cambiato molto in un anno con molte varianti diverse”.

READ  Aggiornati i numeri Corona: il contagio sale leggermente a 18,5 - prove

Quindi il medico sta esaminando le caratteristiche delle future varianti del virus: è probabile che i patogeni siano più aggressivi, c’è un aumento della risposta immunitaria, in modo che i nostri vaccini siano meno efficaci?

D’altra parte, secondo lei, c’è un urgente bisogno di migliori farmaci antivirali, perché i vaccini disponibili da soli non portano a un’immunità sterile – “fino a quando l’infezione sulla mucosa non può essere combattuta”.

Pertanto, coloro che sono già sofferenti o immunocompromessi dipendono da questi farmaci. Hanno anche il vantaggio di rimanere relativamente stabili, anche se il virus cambia. (anno Domini)

Informazioni sull’autore e sulla fonte

Questo testo è conforme alle specifiche della letteratura medica, delle linee guida cliniche e degli studi attuali ed è stato verificato da professionisti del settore medico.

rigonfiamento:

  • German Heart Foundation: il virologo Ciesek avverte: la vaccinazione è importante anche contro le varianti di nuovi virus, (accesso: 2 marzo 2022), Fondazione tedesca del cuore
  • Xie Y, Xu E, Bowe B et al.: Esiti cardiovascolari a lungo termine di COVID-19; In: Nature Medicine, (data di pubblicazione: 02-07-2022), medicina della natura

nota importante:
Questo articolo contiene solo consigli generali e non deve essere utilizzato per l’autodiagnosi o il trattamento. Non può sostituire una visita dal medico.