Toscana Calcio

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su Toscana Calcio

Da dove vengono i soldi per i camionisti di Grafenhausen?

Da dove vengono i soldi per i camionisti di Grafenhausen?

DottLa fine dello sciopero dei camion sull’autostrada A5 è stata possibile grazie alle aziende che “hanno accettato di aiutare con una donazione per cause umanitarie”. Lo ha affermato lunedì il capo dell’Ufficio federale per l’economia e il controllo delle esportazioni (BAFA), Torsten Safarek, in una conferenza stampa online. Le società hanno pagato “indipendentemente da qualsiasi obbligo”.

Nel frattempo, Safarik ha osservato che i camion degli autisti in sciopero contenevano merci di 58 aziende che rientrano nella legge Supply Chain Due Diligence (LKSG). La legge impone alle aziende con almeno 3.000 dipendenti in Germania di garantire che i loro fornitori rispettino i diritti umani. “Stiamo ancora verificando in che misura le aziende soggette a LKSG rispettano i loro obblighi di due diligence”, ha affermato Safarik. Lo ha affermato dopo un incontro con le associazioni dei datori di lavoro e i sindacati del settore dei trasporti a Borna, in Sassonia, dove sono state discusse le modalità per migliorare le condizioni di lavoro nel settore.

Lo sciopero si è concluso poco dopo che Bava ha visitato l’area di sosta

Il presidente della BAF ha visitato il 25 settembre l’area di servizio di Gräfenhausen-West per farsi un’idea della situazione di circa 80 conducenti che all’epoca si trovavano lì da più di due mesi. Hanno protestato contro il loro cliente, il gruppo polacco Mazur, che li ha pagati molto meno di quanto concordato. Il fine settimana successivo alla visita di Safarik, gli autisti hanno ricevuto dei soldi e hanno posto fine allo sciopero, anche se il gruppo di Mazur ha affermato di non aver pagato nulla.

READ  Allgäu dona 70.000 euro

Gli autisti hanno già annunciato in precedenza che i loro camion contengono consegne per Porsche e Audi, nonché per le catene di negozi di bricolage Hornbach, Tom, Bauhaus, Obi e altri. Tra i fornitori è stato individuato il produttore di materiali da costruzione Knauf. Tuttavia, ha detto alla FAZ che non ha rapporti d’affari diretti con Mazur. Le compagnie di navigazione con cui lavora Knauf sono obbligate a “utilizzare solo subappaltatori che rispettino le norme di legge e di contrattazione collettiva”. La società di logistica DHL, denunciata dagli autisti, ha anche sottolineato che uno dei suoi partner commerciali ha passato ordini a Mazur in violazione del contratto.