Toscana Calcio

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su Toscana Calcio

Questa vitamina manca nel dolore muscolare

Questa vitamina manca nel dolore muscolare


Il dolore muscolare non è sempre uguale al dolore muscolare. Le cause possono includere anche una carenza di una determinata vitamina. Andremo a fondo della questione.

Il dolore muscolare può verificarsi in parti molto diverse del corpo. Sono possibili vari motivi. In questo testo vogliamo limitarci alla carenza vitaminica come causa di disabilità fisica.

Quando parliamo di dolore muscolare?

In netdoktor.de Il dolore muscolare – chiamato anche mialgia – è descritto come “dolore lancinante, crampi, tirante, bruciante o schiacciante nel muscolo”. Nella maggior parte dei casi, è interessata la zona della schiena, delle spalle o del collo. Il dolore muscolare può essere acuto o cronico.

Ciò può essere dovuto a “stress, stiramenti o lesioni innocui” che guariscono da soli. Se il dolore è cronico, potrebbe essere dovuto a una cattiva postura e a un uso eccessivo. Possono anche essere “sintomi che accompagnano malattie gravi che colpiscono i muscoli stessi, il sistema nervoso, lo scheletro o altri organi”.

Quale vitamina manca per il dolore muscolare?

Se il dolore muscolare è causato da una carenza di nutrienti, il corpo non ha abbastanza magnesio, calcio o… vitamina Dottor.. Il magnesio è rumoroso Vital.de È importante anche per i nervi e il cuore e, se non bastasse, influisce sulla salute delle ossa e può portare all’osteoporosi. Il calcio è essenziale anche per i nervi e una carenza può portare non solo all’osteoporosi ma anche alla pelle secca o alla mobilità limitata.

Questo ci porta alla vitamina D. La cosiddetta vitamina del sole rafforza le ossa e i muscoli e garantisce un sistema immunitario sano. Esiste il rischio di carenza di approvvigionamento, soprattutto nella stagione buia. Per questo motivo Vital.de consiglia di assumere abbastanza vitamina D in primavera e in estate, cioè nei mesi in cui in Germania i raggi del sole sono più forti. “Circa l’80-90% della vitamina viene prodotta dal corpo stesso quando i raggi ultravioletti colpiscono la pelle”, riferisce il portale.

READ  Il buco nero improvvisamente ruota verso la Terra

Come posso ottenere abbastanza vitamina D?

La regola pratica, supportata dalla nostra revisione della farmacia, è di trascorrere dai cinque ai 25 minuti al sole ogni giorno. Tuttavia, questo valore dipende da fattori come “il tipo di pelle, il periodo dell’anno e del giorno, il tempo, l’abbigliamento o l’uso della protezione solare”. Inoltre in Germania, a causa della posizione geografica, la luce solare tra ottobre e marzo non è sufficiente per assorbire abbastanza vitamina D.

Leggi anche questo

Il corpo può immagazzinare la vitamina D dai mesi estivi per utilizzarla nei mesi meno soleggiati. Ma un’alimentazione sana e consapevole è ancora più importante. Tuttavia, secondo il Robert Koch Institute (RKI) Ci sono solo pochi alimenti che contengono una quantità significativa di vitamina D: questi includono pesci marini grassi, alcune frattaglie e funghi o uova commestibili. In alternativa è possibile utilizzare integratori o alimenti arricchiti.

Si consiglia tuttavia cautela: sebbene non sia possibile un sovradosaggio a causa dell’esposizione al sole, un’assunzione eccessiva di integratori di vitamina D può avere delle conseguenze. Lo studio farmacologico indica innanzitutto nausea, crampi addominali, vomito e danni ai reni, mentre non si può escludere un avvelenamento a lungo termine perché l’organismo immagazzina la vitamina del sole.

Quando si parla di carenza di vitamina D?

Secondo l’RKI ciò si verifica “se la vitamina D manca nell’organismo per un periodo di tempo prolungato e si verificano sintomi clinicamente rilevanti”. Questi includono il rachitismo o l’osteomalacia, ovvero danni alle ossa. Tuttavia, va notato che i livelli sierici di vitamina D sono soggetti a forti fluttuazioni stagionali. Un valore subito troppo basso non dovrebbe essere indice di una carenza vitaminica solare a lungo termine.

READ  Un numero diverso è nascosto in questa immagine di ricerca

Da un punto di vista medico, una possibile carenza può essere rilevata facendo un test della vitamina D da un medico.

Chi sono le persone particolarmente a rischio di carenza di vitamina D?

Qui l’RKI menziona principalmente le persone che trascorrono raramente del tempo all’aperto. Possono anche essere immobili, avere malattie croniche o essere persone bisognose di cure. Indipendentemente da ciò, gli anziani sono “generalmente a rischio perché la loro produzione di vitamina D diminuisce con l’età” e inoltre “di solito mangiano quantità minori di cibo, in modo che venga fornita meno vitamina D attraverso la loro dieta”.

Esiste anche un rischio maggiore per i neonati, “poiché non dovrebbero essere esposti alla luce solare diretta”. L’RKI menziona anche “le persone che, per motivi religiosi o culturali, escono solo con la pelle coperta, così come le persone con la pelle scura”. Quest’ultimo è dovuto al fatto che la pelle ad alta pigmentazione lascia passare meno raggi UV.

Anche le persone con malattie croniche dell’apparato digerente, del fegato o dei reni sono a rischio anche per un altro motivo, se assumono farmaci che compromettono il metabolismo della vitamina D.