Toscana Calcio

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su Toscana Calcio

Corona: Una scoperta sorprendente – Sars-CoV-2 scoperto nell’ergbut umano

  • A partire dalTobias Utz

    Vicino

I test positivi per la corona diversi mesi dopo l’infezione da malattia Covid 19 non sono rari. I ricercatori ora dimostrano che non c’è infezione dietro di esso.

Francoforte / Massachusetts – at CoronaIn una pandemia, sempre più pazienti stanno testando per Sars-CoV-2, anche se in precedenza erano malati di Covid-19. A volte ciò si verifica dopo diversi mesi di malattia.

Qualche tempo fa, la ricerca ha indicato che era possibile contrarre il Coronavirus più volte. Un nuovo studio ora mostra che non devono essere più infezioni, nonostante un risultato positivo del test PCR.

Il test per il coronavirus è risultato positivo a mesi dopo la malattia di Covid-19: ecco cosa c’è dietro

Il team di ricerca guidato da Rudolf Janisch, professore presso il Massachusetts Institute of Technology, ha scoperto che i resti del virus lasciano tracce nei cromosomi umani. Questo sembra essere “leggibile” dai test. Per fare ciò, gli scienziati hanno applicato e monitorato le sequenze genetiche di Sars-CoV-2 nelle cellule ospiti.

Tuttavia, le tracce del cromosoma sono per lo più tracce. Gli scienziati dello studio hanno sottolineato che questo non è un punto di forza unico per la diffusione del virus Corona. Secondo questo, circa l’8% del DNA umano è costituito da residui virali. Liguo Zhang, uno degli autori dello studio, conferma che tali sequenze non sono state trovate solo negli esseri umani, ma anche in molti vertebrati.

Qui puoi trovare lo studio sulla rivista “Atti della National Academy of Sciences”.

Nello studio, sono stati utilizzati tre metodi per dimostrare che parti del genoma virale sono state depositate nelle cellule umane. Secondo i ricercatori, i virus si trovano nei “geni tramoggia”, che sono regioni flessibili del DNA. I “geni Hopper” sono già stati convalidati nella ricerca sul cancro e si moltiplicano vigorosamente sotto stress. Tuttavia, non è chiaro se le parti virali siano responsabili della replicazione del coronavirus. Tuttavia, i ricercatori presumono che ci siano diversi meccanismi dietro l’incorporazione del coronavirus nel DNA. Tuttavia, si dice che questi non siano stati ancora sufficientemente studiati.

READ  Incidenza inferiore a 50: perché il numero di casi sta diminuendo così rapidamente ora

I risultati dello studio sono stati supportati da uno studio pubblicato sulla rivista PLOS ONE: un gruppo guidato da Ethan Beltan dell’Università dello Utah a Salt Lake City ha testato pazienti che erano nuovamente positivi con un test PCR 60 giorni o più dopo il test PCR. Un test della corona positivo è stato testato per il virus. In circa il 90% dei casi, non si è verificata alcuna infezione da SARS-CoV-2 nonostante un risultato positivo del test PCR, quindi non si è verificata alcuna infezione rinnovata. (Fai con dpa)