Toscana Calcio

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su Toscana Calcio

Corona attuale: RKI: Evento a 65.4 - Politica

Corona attuale: RKI: Evento a 65.4 – Politica

C’è un po’ di dinamica negli infortuni per sette giorni in Germania. Il Robert Koch Institute (RKI) ha dato il valore delle nuove infezioni ogni 100.000 residenti e la settimana di mercoledì mattina a 65,4. Per fare un confronto: il giorno prima il valore era 65,8, una settimana fa era 62,3 (mese precedente: 81,9). Le autorità sanitarie tedesche hanno segnalato 11.903 nuovi casi di coronavirus a RKI in un giorno. Ciò è evidenziato dai numeri che riflettono lo stato del cruscotto RKI alle 04:23. Una settimana fa, il valore era di 11547 visite.

Secondo le nuove informazioni, sono stati registrati 92 decessi in tutta la Germania entro 24 ore. Una settimana fa ci sono stati 76 morti. L’RKI ha contato 4.330.258 infezioni rilevate con Sars-CoV-2 dall’inizio dell’epidemia. Il numero totale effettivo è probabilmente molto più alto, poiché molte infezioni non vengono rilevate.

Il numero di pazienti con corona ricoverati nelle cliniche per 100.000 residenti entro sette giorni – il fattore più importante per un possibile inasprimento delle restrizioni sulla corona – è stato fissato da RKI martedì alle 1,70 (lun: 1,58). Non viene fornito un valore soglia nazionale da quando la situazione può essere considerata criticamente per il verificarsi del ricovero, tra l’altro a causa di significative differenze regionali. Il massimo precedente era di circa 15,5 nel periodo natalizio.

Solo un piccolo numero di pazienti vaccinati senza malattie pregresse si trova in unità di terapia intensiva

Secondo i medici, non ci sono quasi pazienti vaccinati contro Covid-19 senza precedenti malattie nelle unità di terapia intensiva corona in Germania. “La stragrande maggioranza non è affatto vaccinata o non è completamente vaccinata”, ha affermato Gernot Marx, presidente della Società interdisciplinare tedesca per la medicina intensiva e d’emergenza (Divi), la rete editoriale tedesca (RND). La minoranza che è stata vaccinata era costituita in gran parte da pazienti più anziani che avevano ricevuto una seconda vaccinazione molto tempo fa. “Di norma, queste persone hanno anche gravi malattie croniche”.

Secondo il Ministero federale della salute, circa un paziente su dieci curato per corona nelle unità di terapia intensiva ad agosto e settembre è stato completamente vaccinato. E’ quanto emerge da una risposta del ministero a una richiesta della deputata di sinistra del Bundestag, Sahra Wagenknecht, divenuta nota martedì.

Il capo della Divi ha descritto la capacità di posti letto gratuiti nelle unità di terapia intensiva come attualmente relativamente stabile. “In questo momento siamo in fase di stabilizzazione, ristagniamo a circa 1.300 pazienti in terapia intensiva per Covid. La situazione è sotto controllo”, ha detto Marks. “Ora siamo in grado di agire e abbiamo una media di due posti letto in terapia intensiva gratuiti per sito”.

READ  Obi, DFB & Co: queste aziende donano alle vittime delle inondazioni

A causa della mancanza di efficacia

La società biotecnologica Curevac sta ritirando il suo primo vaccino candidato dal processo di approvazione dell’Agenzia europea per i medicinali (EMA). Come annunciato dalla società martedì a Tubinga, si presumeva che l’approvazione dell’EMA non sarebbe stata data prima del secondo trimestre del 2022.

Non è stata presentata alcuna domanda formale per l’approvazione del vaccino candidato CVnCoV e CVnCoV era ancora sottoposto alla cosiddetta procedura ciclistica per l’approvazione. Alla fine di giugno, Curevac ha annunciato che i suoi vaccini candidati di prima generazione erano meno efficaci di altri vaccini. All’inizio di luglio, l’azienda biotecnologica Tübingen ha ipotizzato che l’EMA avrebbe approvato il vaccino nonostante la sua bassa efficacia.

Secondo un’analisi finale, il preparato Curevac ha mostrato un’efficacia del 48% contro la malattia di Covid 19 in tutte le fasce d’età. Questo li rende generalmente significativamente meno efficaci di altri vaccini. L’azienda vuole concentrarsi sullo sviluppo di un altro vaccino contro il Covid-19 con il suo partner britannico Glaxo Smith Kline (GSK). (12.10.2021)

Le scoperte sui vaccini sono aumentate negli ultimi mesi

Circa ogni dieci pazienti con corona nelle unità di terapia intensiva ad agosto e settembre sono stati completamente vaccinati. E’ quanto emerge dalla risposta del ministero federale della Salute, inviata a fine settembre, a una richiesta della deputata di sinistra del Bundestag, Sahra Wagenknecht. Lo hanno riferito per primi i giornali di Funke Media Group.

Un totale di 11.419 pazienti COVID-19 ha ricevuto cure intensive da febbraio a metà settembre. In 210 di loro (1,84 per cento) è stato ipotizzato un significativo progresso nella vaccinazione. Da metà agosto a metà settembre, 1.186 pazienti COVID-19 sono stati trattati in unità di terapia intensiva, di cui 119 presumibilmente vaccinati. Ciò corrisponde al 10,03 per cento dei casi. Nell’ultimo periodo registrato dall’inizio di settembre all’inizio di ottobre, l’RKI ha contato un totale di 938 violazioni del vaccino che hanno dovuto essere trattate in terapia intensiva, il che equivale al 16,52 percento di tutti i trattamenti intensivi a causa di COVID-19. 145 persone che hanno compiuto progressi sono morte entro quattro settimane, tutte tranne una con più di 60 anni.

READ  Vodafone ha lanciato oggi il blocco 3G in diverse città

Il Robert Koch Institute ha sottolineato: “Si prevede che nel tempo verranno registrati sempre più progressi nella vaccinazione, poiché sempre più persone vengono vaccinate e la SARS-CoV-2 si sta attualmente diffondendo di nuovo. Ciò aumenta la probabilità di essere completamente vaccinati. in futuro. Contatta virus.” Il presidente della DIVI Society of Intensive Care Medicine, Gernot Marx, ha affermato che i pazienti con decorsi gravi e fatali di corona non sono stati vaccinati in quasi tutti i casi. Inoltre, la mutazione vaccinale colpisce soprattutto le persone il cui sistema immunitario è “indebolito dalla chemioterapia o dalla terapia cortisonica a lungo termine, o che hanno più di 80 anni”. (12.10.2021)

Il governo federale ha pagato circa cinque miliardi di euro per i test gratuiti

Secondo il Ministero della Salute, la spesa federale per i test Corona gratuiti per i cittadini ammonta a oltre cinque miliardi di euro. Secondo i rapporti, a metà settembre 2021 il fondo sanitario aveva già pagato 5,2 miliardi di euro Rheinische Post Da una chiamata del ministero.

Per la maggior parte dei cittadini, l’opportunità di fare un test corona gratuito termina questa settimana. La cancelliera Angela Merkel (CDU) e i primi ministri hanno concordato che l’offerta di “test di cittadinanza” gratuita finanziata dal governo federale dall’inizio di marzo dovrebbe finire asintomatica. Poiché le vaccinazioni gratuite sono possibili per tutti, i contribuenti non devono più sostenere i costi dei test su base permanente, il motivo è stato argomentato.

Ma ci sono anche alcune regole transitorie. I bambini di età compresa tra 12 e 17 anni e le donne in gravidanza possono sostenere almeno un test gratuito a settimana fino al 31 dicembre. Il motivo è che la raccomandazione generale sulla vaccinazione emessa dal Comitato permanente per l’immunizzazione (Stiko) era disponibile solo di recente, quindi dovrebbe esserci un tempo più lungo per la vaccinazione.

I test sono generalmente gratuiti per le persone che non possono essere vaccinate, compresi i bambini di età inferiore ai dodici anni e coloro che hanno raggiunto l’età di dodici anni solo nei tre mesi precedenti il ​​test. Rimane gratuito, tra le altre cose, per le persone che necessitano di un test per porre fine alla quarantena a causa dell’infezione da corona. (12.10.2021)

READ  Il team di Essen offre consigli: come può un'azienda diventare più diversificata?

La Thailandia apre i suoi confini alle persone vaccinate dalla Germania

Dal 1 novembre, la Thailandia aprirà i suoi confini alle vacanze senza quarantena per le persone completamente vaccinate provenienti da almeno dieci paesi, inclusa la Germania. Lo ha annunciato il primo ministro Prayut Chan-o-cha in un discorso televisivo. Altri paesi nell’elenco a causa della bassa incidenza della corona sono Singapore, Cina e Stati Uniti. Prayut ha detto che i vacanzieri dovranno solo fare un test PCR prima di uscire di casa e un altro all’arrivo in Thailandia. Successivamente, possono viaggiare in qualsiasi parte del paese. A partire dal 1 dicembre, altri paesi dovrebbero essere aggiunti all’elenco. Quindi è possibile che le bevande alcoliche saranno nuovamente consentite nei ristoranti, che erano stati vietati mesi fa a causa della grave ondata di Corona.

“È stata anche una delle esperienze più traumatiche della mia vita per me prendere decisioni che devono destreggiarsi tra salvare vite e salvare mezzi di sussistenza”, ha sottolineato Prayuth. Il settore turistico, molto importante per il Paese, è praticamente sul campo da più di un anno e mezzo. Molte persone non hanno entrate da allora.

L’anno scorso, la Thailandia era ancora considerata un paese modello nella lotta contro l’epidemia: da aprile, il paese ha vissuto la sua peggiore ondata fino ad oggi. Il numero di contagi nel Paese di 70 milioni di persone sta lentamente diminuendo. Martedì, le autorità hanno segnalato circa 9.400 nuove infezioni e 84 decessi in relazione al Covid-19.

La capitale australiana vuole togliere il lockdown dopo due mesi

Dopo due mesi, venerdì verrà revocato il blocco nel Territorio della capitale australiana (ACT) con la capitale australiana, Canberra. Il governo regionale ha affermato che ciò è possibile perché il 72 percento dei cittadini è stato ora completamente vaccinato. Lunedì, il blocco nel Nuovo Galles del Sud si è concluso con la città di Sydney, dopo 106 giorni. L’area intorno a Canberra si trova sulla costa orientale ed è circondata dal New South Wales.

Ha aggiunto che nell’area ACT, gruppi fino a 25 persone dovrebbero incontrarsi di nuovo all’esterno e fino a cinque persone dovrebbero riunirsi nelle loro case a partire dalla fine della settimana. Anche ristoranti, parrucchieri, piscine, così come molte altre strutture, potranno riaprire se verranno osservate rigide regole di distanziamento. (11.10.2021)