Toscana Calcio

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su Toscana Calcio

Convalida delle notizie: il 43% delle persone appena infette viene vaccinato? Vaccinazione corona


Ancora una volta, la notizia non è del tutto corretta su Facebook.
© APA / EXPA / JFK

La vaccinazione non è utile contro le nuove infezioni? Diversi messaggi su Facebook potrebbero indicare che il 43% dei nuovi contagiati è stato vaccinato. Tuttavia, come spesso accade, le cose non sono così semplici.

Nelle ultime settimane è aumentato il numero delle persone vaccinate malattia di coronavirusConcentrati su nuovi infortuni o ricoveri. È stato affermato, ad esempio, che la percentuale di persone vaccinate contro le nuove infezioni nella Bassa Austria era molto alta. In un comunicato stampa e nei post di Facebook, si diceva che tale percentuale raggiungesse il 43%.

Questo viene interpretato da molti in modo tale che di fatto le vaccinazioni servono a poco, come dimostrano i commenti in fondo al post. “La vaccinazione alla fine non protegge”, ha scritto di lui.

La percentuale di nuove infezioni asintomatiche nei vaccinati era del 12%

Il 43 percento include anche persone che sono state semplicemente vaccinate e che non sono completamente protette dall’essere vaccinate. Secondo i dati AGES per la Bassa Austria, solo il 12% delle persone è completamente vaccinato per nuove infezioni asintomatiche, con un altro 10% per l’immunizzazione parziale. Poiché i vaccini hanno lo scopo di prevenire malattie gravi e non infezioni, la percentuale dei vaccinati rispetto all’infezione totale è insignificante.

Secondo i dati attuali dell’Agenzia austriaca per la sicurezza alimentare (AGES), nel luglio 2021 è stata rilevata un’infezione sintomatica da Covid in 1.106 abitanti della Bassa Austria. Di questi, 137 erano completamente protetti dalla vaccinazione, il che rappresenta il 12%. Un altro dieci per cento è stato parzialmente immunizzato.

READ  Incidenza inferiore a 50: perché il numero di casi sta diminuendo così rapidamente ora

I dati provengono dal quotidiano Hewitt.

Il 43% citato nei post di Facebook è riconducibile a un articolo del quotidiano Hewitt. Uno di questi si riferisce alle informazioni del personale medico statale, secondo cui dal 7 al 26 luglio, il 56,7% di coloro che sono risultati positivi in ​​Bassa Austria non è stato vaccinato, il 21,1% è stato parzialmente vaccinato e il 22,2% è stato completamente vaccinato. Per il 43% di cui sopra, vengono sommate le vaccinazioni complete e quelle parzialmente immunizzate da questo periodo.

Le infezioni asintomatiche non sono scoperte vaccinali

Non è chiaro se i dati si siano discostati l’uno dall’altro a causa dei diversi periodi di scansione o se siano stati inclusi anche periodi senza sintomi. Su richiesta dell’APA, il personale medico del governo ha indicato ad AGES il tipo di raccolta dei dati. Un portavoce dell’AGES ha affermato in risposta a una domanda dell’APA che l’AGES non disponeva di dati elaborati su persone vaccinate con l’infezione senza sintomi. Il rapporto AGES parla di confrontare i dati del sistema di segnalazione epidemiologica EMS con quelli della tessera di vaccinazione elettronica.

Le persone che risultano positive senza mostrare sintomi non sono considerate scoperte vaccinali. CoronaVaccini Sono progettati per prevenire la malattia da COVID-19, ma non l’infezione. Lo ha notato anche un portavoce della stampa AGES. I picchi di vaccinazione sono definiti come l’insorgenza di sintomi come febbre, mancanza di respiro o tosse almeno sette giorni dopo la seconda dose in caso di doppie vaccinazioni o 28 giorni dopo una singola dose in caso di singole vaccinazioni.

Le persone vaccinate dicono poco

Se si guarda all’anno in corso, la percentuale di coloro che sono stati vaccinati almeno una volta nei casi di Covid 19 in Austria è stata solo dell’1,6% circa dall’inizio dell’anno. Se calcoli la percentuale di persone che sono già completamente vaccinate, questo è solo lo 0,6 percento. Ciò emerge dai dati sull’età, riportati anche da ORF e Ö1. A questo fa riferimento anche il ministero della Salute in risposta a un’interrogazione parlamentare di NEOS.

READ  Corona: i medici per i nuovi contagi mostrano valori pericolosi

Anche un’alta percentuale di coloro che sono stati vaccinati tra quelli infetti da corona non si esprimerà contro la vaccinazione. Ciò è stato recentemente confermato all’APA dal capo della farmacologia clinica dell’Università di Medicina di Vienna, Markus Zeitlinger. Secondo Zeitlinger, ci si può aspettare un certo numero di persone completamente vaccinate che si ammaleranno anche loro. Tuttavia, la percentuale di questi è sempre inferiore a quella delle persone non vaccinate e raramente hanno corsi gravi: “Più persone si vaccinano, più numericamente aumentano le scoperte vaccinali, ma questo non ha nulla a che fare con una minore efficacia”.

La semplice indicazione della proporzione di persone vaccinate tra i contagi ha scarso valore informativo se non è collegata. Piuttosto che un presunto problema con la vaccinazione, un’alta percentuale di persone vaccinate potrebbe semplicemente rappresentare un alto tasso di vaccinazione. Christoph Roth, professore di statistica all’Università di Mannheim, ha sottolineato questo fatto in un tweet su Twitter.

Le persone vaccinate sono ben protette

Uno studio israeliano pubblicato sulla rivista scientifica “Microbiology and Clinical Infection” a luglio indica che le persone vaccinate contro la corona sono ben protette da malattie, ospedalizzazione, cicli gravi e mortalità. Seri progressi nella vaccinazione colpiscono spesso le persone con malattie preesistenti. Un recente studio sul New England Journal of Medicine ha calcolato un tasso di penetrazione del vaccino dello 0,4 percento. Quindi la maggior parte delle persone vaccinate aveva pochi sintomi.

Secondo le informazioni dei Centri per il controllo e la prevenzione delle malattie (CDC) dell’Agenzia sanitaria degli Stati Uniti, solo una parte delle persone completamente protette dalla vaccinazione ha contratto la SARS-CoV-2, è stata ricoverata in ospedale o è morta. Anche in Austria i ricoveri e i decessi sono rimasti negli ultimi tempi a un livello basso, come testimonia il cruscotto dell’AGES.

READ  Ecco come abbiamo cambiato Corona