Toscana Calcio

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su Toscana Calcio

Pandemia Corona: il tasso di infezione sale a 35,0

Berlino (Dpa) – Continua a salire il numero di nuovi casi di corona in Germania. Secondo il Robert Koch Institute (RKI) domenica mattina, il tasso di infezione di sette giorni era 35,0 – il giorno prima il valore era 32,7, una settimana fa era 22,6.

Le autorità sanitarie tedesche hanno segnalato 4.728 nuove infezioni da RKI in un giorno. Una settimana fa era il 3127.

Tuttavia, sempre meno stati federali vogliono orientarsi esclusivamente ai valori netti degli infortuni nella valutazione di un caso di corona. In un sondaggio condotto dall’agenzia di stampa tedesca, oltre al Baden-Württemberg e alla Bassa Sassonia, diversi altri governi statali hanno annunciato che avrebbero utilizzato altri standard in futuro.

Nessun accordo ancora sui nuovi standard

Il verificarsi di sette giorni, ovvero il numero di nuove infezioni per
100.000 residenti in sette giorni, è stata la base per molte delle restrizioni Corona nella pandemia, come i freni di emergenza federali scaduti alla fine di giugno. Ma alla conferenza del primo ministro di martedì scorso, non c’era accordo su nuovi standard comuni che potessero servire come base per nuove misure.

Il giorno successivo, lo stato del Baden-Württemberg ha deciso di rimuovere l’infezione per un periodo di sette giorni dal decreto statale sulla corona. Ciò significa che da lunedì in poi, indipendentemente dallo sviluppo del contagio, tutti potranno partecipare alla vita sociale se vaccinati, guariti o testati. La Bassa Sassonia ha anche annunciato che includerà altri criteri nel suo regolamento Corona oltre all’infezione, come il tasso di occupazione negli ospedali.

“È chiaro che oltre all’infezione, ci sarà anche una panoramica del follow-up dei contatti e della situazione negli ospedali”, afferma il dipartimento della salute di Brema. Se e quali nuovi livelli di allerta ne deriveranno deve ancora essere “finalmente chiarito”. Il numero di pazienti affetti da corona nelle cliniche sembra in gran parte incontestato come ulteriore criterio decisionale.

READ  La diffusione del virus Corona si è fermata: qual è il metodo CRISPR?

La situazione in NRW si sta deteriorando

Nello stato federale più popoloso del Nord Reno-Westfalia, in particolare, la situazione nelle unità di terapia intensiva sta attualmente peggiorando. Un totale di 237 pazienti Covid sono sottoposti a ventilazione invasiva in tutta la Germania, 66 dei quali solo nella Renania settentrionale-Vestfalia. Questo può essere visto dai numeri nel Registro delle cure intensive di Divi (al 15 agosto, 11:01). Seconda la Baviera (28 casi), seguita dal Baden-Württemberg (25 casi).

Secondo un sondaggio, la percentuale di adulti completamente vaccinati contro il coronavirus in Germania potrebbe superare l’80%. Nel sondaggio rappresentativo condotto dall’istituto di ricerca d’opinione YouGov per conto dell’agenzia di stampa tedesca, il 75% ha affermato di essere già stato vaccinato almeno una volta. Un altro 6% ha dichiarato di voler ancora essere vaccinato, insieme all’81%. A maggio, quel tasso era solo del 74% in un sondaggio simile. Poco prima dell’inizio della campagna di vaccinazione di dicembre 2020, solo il 65% ha deciso di vaccinare.

Ma vaccinare più persone?

Ora ci sono indicazioni che più persone potrebbero essere state vaccinate contro il COVID-19 rispetto a quanto riportato ufficialmente. La Fondazione RKI e il Ministero della Salute hanno annunciato, mercoledì, rilevando per la prima volta una differenza significativa tra due fonti. Di conseguenza, nell’indagine RKI da fine giugno a metà luglio tra circa 1.000 adulti, il tasso di quelli vaccinati almeno una volta era “significativamente più alto” rispetto al sistema di segnalazione digitale ufficiale per centri di immunizzazione, studi medici e medici aziendali – soprattutto tra i 18 ei 18 anni 59 anni: mentre il 79% del sondaggio ha dichiarato di aver ricevuto la vaccinazione, secondo il sistema di segnalazione era il 59%.

READ  Molti adulti falliscono questo compito scolastico - e anche tu?

I pediatri tedeschi hanno fatto appello al Comitato permanente sull’immunizzazione (Stiko) affinché tenga conto anche dei problemi psicosociali di questa fascia di età nella discussione della raccomandazione generale sulla vaccinazione COVID-19 per i giovani di 12-17 anni. “Stiko si basa esclusivamente sul beneficio individuale della vaccinazione in relazione al rischio di malattia”, ha affermato il presidente della Società tedesca di pediatria e adolescenza, Thomas Fischbach, ai giornali di Funke Media Group (domenica). “Questo non tiene conto dei danni collaterali allo sviluppo psicologico di bambini e adolescenti”.

L’Agenzia Europea dei Medicinali (EMA) ha approvato i vaccini di Biontech e Moderna dall’età di 12 anni. In Germania, Stiko non raccomanda vaccinazioni per bambini e adolescenti in generale, nonostante le pressioni politiche, ma solo se c’è un rischio maggiore di malattie più gravi. cicli di coronavirus. Secondo Fischbach, circa 1 milione di bambini e adolescenti sui 4,5 milioni di bambini e adolescenti in Germania sono stati finora vaccinati. Secondo le informazioni di Funke Newspapers, la raccomandazione rivista di Stiko per la vaccinazione contro la corona per bambini e adolescenti dai 12 anni di età dovrebbe essere pubblicata a metà settimana.