Toscana Calcio

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su Toscana Calcio

Conflitto in Medio Oriente: l’esercito israeliano uccide un comandante a Gaza – Politica

Il conflitto tra israeliani e palestinesi è peggiorato da metà aprile. Segui tutti gli sviluppi nel blog delle notizie.

L’esercito israeliano ha affermato di aver ucciso lunedì un alto comandante militare della Jihad islamica palestinese nella Striscia di Gaza. È stato riferito che l’attacco ha preso di mira Hasem Abu Harbid, il comandante del comando settentrionale del gruppo militante. È stato responsabile di diversi attacchi contro civili e soldati israeliani, nonché attacchi missilistici contro Israele.

Infatti, nel 2019, Israele ha deliberatamente ucciso il capo militare della jihad, Bahaa Abu al-Atta. Questo è stato seguito da massicci attacchi missilistici dalla Striscia di Gaza su posizioni israeliane e contrattacchi da parte dell’aviazione israeliana nella fascia costiera. Pochi giorni dopo, è stato concordato un cessate il fuoco con l’aiuto dei negoziatori dell’Egitto e delle Nazioni Unite. (17.05.2021)

I palestinesi chiedono uno sciopero generale

Martedì i palestinesi hanno indetto uno sciopero generale a livello nazionale. I media locali hanno riferito che l’obiettivo dell’attacco era protestare contro gli attacchi israeliani a Gaza, lo sfollamento forzato dei palestinesi da Gerusalemme e la violenza dei coloni israeliani. Si prevedono marce di protesta in tutte le principali città e ai posti di blocco tra Israele e Cisgiordania. Tra le altre cose, il Comitato centrale di Fatah a Ramallah ha chiesto la partecipazione allo sciopero. Scuole, università, negozi e uffici nei territori palestinesi occupati rimarranno chiusi. (17/05/2021)

La Merkel sostiene Israele e chiede la fine dei combattimenti

Dopo una telefonata con il primo ministro Benjamin Netanyahu, la cancelliera Angela Merkel si è schierata senza riserve dalla parte di Israele nel conflitto in Medio Oriente, ma allo stesso tempo ha insistito per porre fine ai combattimenti. Un portavoce del governo ha detto lunedì che il cancelliere ha fortemente criticato i continui attacchi missilistici dalla Striscia di Gaza in Israele. Ha assicurato al Primo Ministro la solidarietà del governo federale e ha affermato il diritto di Israele di difendersi dagli attacchi per autodifesa. La Merkel ha sottolineato la presenza di civili tra i morti da entrambe le parti ed ha espresso la sua “speranza per la fine dei combattimenti il ​​prima possibile”. Il cancelliere ha anche confermato che il governo federale prenderà misure decisive contro le proteste in Germania che diffondono odio e antisemitismo. (17.05.2021)

Il governo federale descrive l’antisemitismo alle manifestazioni come “vergognoso”.

Il governo tedesco ha fortemente criticato l’incitamento all’antisemita durante le manifestazioni contro il conflitto tra Israele e Hamas. “Quello che si è sentito negli ultimi giorni di odio ebraico e violazioni antisemite è vergognoso”, ha detto lunedì a Berlino il portavoce del governo Stephen Seibert. A ogni manifestante può essere chiesto di distinguere tra le critiche alle politiche dello Stato di Israele che chiunque è autorizzato a esprimere e “ciò che non possiamo accettare in nessuna circostanza”, cioè l’odio e l’aggressione contro gli ebrei e il popolo israeliano.

READ  Al-Wafd in Qatar: come si presentano i talebani a Doha

In mezzo all’escalation del conflitto tra Israele e il movimento palestinese di Hamas, migliaia di persone sono scese in piazza nelle città tedesche durante il fine settimana, principalmente per esprimere la loro solidarietà ai palestinesi. Un altro motivo delle manifestazioni è l’annuale Memorial Day del 15 maggio, durante il quale i palestinesi commemorano la fuga e l’espulsione di centinaia di migliaia di palestinesi da quello che sarebbe poi diventato Israele nel 1948. Molte manifestazioni hanno portato a incidenti e rivolte, la peggiore delle quali è stata a Berlino. (17.05.2021)

Alti politici dell’Unione Democratica Cristiana condannano l’odio contro gli ebrei

Il presidente dell’Unione Democratica Cristiana, Armin Laschet, ha lanciato una campagna per agire con decisione dopo gli eventi antisemiti nelle manifestazioni filo-palestinesi in Germania. Lunedì a Berlino, Laschet ha detto che la situazione in Israele è allarmante. Si sono viste immagini orribili alle manifestazioni in Germania e non si devono tollerare tendenze antisemite in Germania.

La vicepresidente dell’Unione Democratica Cristiana Julia Klöckner si è anche pronunciata a favore di un’azione decisiva contro “l’odio degli immigrati per gli ebrei” in Germania. Chiunque “inciti contro gli ebrei sul suolo tedesco” non dovrebbe sperare che ci sarà alcun tipo di oppositore “perché è immigrato, richiedente asilo o è nato in Germania. Kluckner ha detto che le comunità ebraiche in Germania sono più insicure e ansiose di loro. sono stati per molto tempo … Contro l ‘”odio degli immigrati per gli ebrei” è necessario “un titolo più chiaro”. Ha detto che potresti essere contro la politica di Israele e poi manifestare davanti all’ambasciata israeliana, ma usando questo come una scusa e l’incitamento contro gli ebrei va contro tutto ciò in cui ci siamo impegnati qui in Germania.

“Ovviamente tutti possono criticare la politica del governo israeliano. Inoltre, criticare altre cose”, ha detto Norbert Rutgen, esperto di politica estera dell’Unione cristiano-democratica. L’odio per la patria, i cittadini e gli ebrei è inaccettabile. “Non dovremmo dare questo spazio di odio e dovremmo usare il diritto penale in modo molto coerente”, ha detto Rutgen. L’istigazione antisemita è un reato penale e deve essere costantemente perseguito.

Il ministro di Stato per la Cultura Monica Grutters (CDU) ha criticato “che il nuovo e vecchio antisemitismo sta penetrando con il pretesto di criticare Israele”. Questo può essere contrastato solo con il rigore dello stato di diritto, e il messaggio chiaro può essere risolto: “Per chiunque voglia vivere in Germania, si applica quanto segue: il diritto di Israele di esistere è una questione di stato”. Vivi pacificamente in Germania con la comunità ebraica. “È un dono che gli ebrei abbiano ricostruito una casa qui. Vale a dire: devono poter fare affidamento su di essa e avere fiducia che proteggeremo le loro vite qui”. Sulla questione della necessità di una maggiore sicurezza per le istituzioni ebraiche in Germania, Grotiers ha detto che è “triste e amaro che le istituzioni ebraiche debbano essere tutelate”, compresi i musei. “Questo crea una distanza, viene tracciata una linea tra la comunità quotidiana e l’establishment ebraico”. Ha sottolineato: “Ma ovviamente dobbiamo proteggerli di più in modo che non siano esposti ad alcuna ingiustizia o violenza. Questo è chiaro”. (17.05.2021)

READ  Procedure per l'assalto al Campidoglio: "Hornman" si dichiara colpevole

Israele e Hamas continuano ad attaccarsi a vicenda

In Medio Oriente, i combattimenti tra i militanti palestinesi e l’esercito israeliano continuano senza sosta per l’ottavo giorno consecutivo. L’aeronautica israeliana ha lanciato nuovamente i suoi attacchi sulla Striscia di Gaza e il Movimento di resistenza islamica, Hamas, ha lanciato altri razzi sul territorio israeliano

L’esercito israeliano ha detto lunedì notte che i caccia hanno colpito “obiettivi terroristici” dopo che i razzi sono stati lanciati dalla Striscia di Gaza contro le città di Beersheba e Ashkelon poco dopo mezzanotte. Testimoni oculari hanno riferito che l’attacco di rappresaglia israeliano ha preso di mira Gaza City e che strade, case, campi di addestramento e edifici di Hamas sono stati distrutti.

A livello internazionale, i diplomatici stanno cercando di porre fine alla violenza. Domenica, in una riunione del Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite, il segretario generale Antonio Guterres ha chiesto la cessazione immediata dei combattimenti. Le Nazioni Unite sono in contatto con tutti coloro che sono interessati all’obiettivo di un cessate il fuoco immediato. Gli Stati Uniti hanno affermato di aver offerto il loro sostegno al governo israeliano e ai palestinesi “nel caso in cui entrambe le parti chiedano un cessate il fuoco”. Https://news.google.com/__i/rss/rd/articles/. “Crediamo anche che i palestinesi e gli israeliani”, ha detto il presidente degli Stati Uniti Joe Biden: “entrambi meritino una vita di sicurezza e protezione”.

I combattimenti più aspri tra Israele e gli estremisti palestinesi sono scoppiati in anni di scontri alla moschea di Al-Aqsa a Gerusalemme est. Le tensioni sono state aggravate dai piani per evacuare le case delle famiglie palestinesi lì. I coloni ebrei rivendicano la terra. Lunedì della scorsa settimana, Hamas ha fissato una scadenza per il ritiro delle forze di sicurezza israeliane dalla moschea e, dopo la sua data di scadenza, sono iniziati gli attacchi missilistici. Da allora, secondo fonti israeliane, circa 3.150 razzi e missili sono stati lanciati contro Israele dalla Striscia di Gaza. Circa 460 razzi sono stati lanciati nella stessa zona costiera. Sistema di difesa Cupola di ferro (“Iron Dome) ha un tasso di intercettazione di circa il 90%. Per fare un confronto: un totale di 4.481 razzi sono stati lanciati contro Israele durante la guerra di Gaza di 51 giorni nel 2014. L’IDF afferma di aver avuto più di 1.000 missili aerei in passato pochi giorni – Ha effettuato il fuoco di artiglieria. (17.05.2021)

READ  Governo polacco: la Bielorussia tiene i migranti lontani dal confine - Politica

Migliaia di palestinesi cercano protezione nelle scuole

Circa 42.000 palestinesi nella Striscia di Gaza hanno lasciato le loro case a causa degli intensi attacchi aerei israeliani sulla zona costiera. Secondo le informazioni dell’ONU di domenica, hanno cercato rifugio in 50 scuole gestite dall’Agenzia palestinese delle Nazioni Unite (UNRWA) nella Striscia di Gaza. Più di 2.500 persone rimangono senza casa dopo che le loro case sono state distrutte.

L’esercito israeliano conferma che attacca solo obiettivi di Hamas, il movimento di Hamas al potere nell’enclave costiera. Alcuni di loro si trovano nel mezzo delle zone residenziali. Secondo l’Air Force, sta facendo il possibile per evitare vittime civili. (17.05.2021)

L’ambasciatore israeliano in Germania: “È fastidioso vedere queste foto”.

L’ambasciatore israeliano in Germania, Jeremy Isacaroff, ha espresso la sua profonda preoccupazione per le manifestazioni antisemite e le proteste antiebraiche in Germania. Domenica sera, Iskharov ha detto in un discorso politico che “è sconvolgente vedere queste immagini”. immagine Citando “incredibili dichiarazioni antisemite” alle manifestazioni.

L’ambasciatore ha anche elogiato la chiara posizione della leadership politica in Germania. Dall’inizio degli attacchi missilistici di Hamas, “abbiamo ricevuto straordinari messaggi di sostegno dai politici in Germania”. Ha fatto riferimento in particolare alla cancelliera Angela Merkel, al ministro degli Esteri Heiko Maas, al ministro dell’Interno Horst Seehofer, ai candidati alla carica di cancelliere Armin Laschet (CDU / CSU), Analina Burbock (I Verdi) e Olaf Schultz (Partito socialdemocratico). È stato anche affermato che “si farà di tutto per fermare tali manifestazioni che, ad esempio, hanno bruciato bandiere israeliane” https://news.google.com/__i/rss/rd/articles/. la mia parola. “

Alla fine della settimana, ci sono state manifestazioni pro-palestinesi e alcune dimostrazioni pro-Israele in diverse città tedesche. Soprattutto un sabato pomeriggio, sono scoppiati disordini in un raduno a Berlino-Neukölln a cui a volte hanno partecipato circa 3.500 persone. A Francoforte, la polizia ha parlato di una marcia di protesta in gran parte pacifica di circa 2.500 persone. (17.05.2021)