Toscana Calcio

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su Toscana Calcio

Conflitto dei rifugiati con la Bielorussia: il Commissario vede un’opportunità per la politica di asilo dell’UE

Conflitto di rifugiati con la Bielorussia
Il commissario vede un’opportunità per la politica di asilo dell’UE

Molti rifugiati sono ancora bloccati in Lituania, a quanto pare sono stati contrabbandati attraverso il confine dalla Bielorussia. Una seccatura per l’Ue, ma allo stesso tempo un’opportunità per mettere in campo una politica comune in materia di asilo.

Secondo un alto commissario dell’UE, il conflitto dei rifugiati al confine orientale dell’UE potrebbe aumentare le possibilità di una politica comune in materia di asilo. Il vicepresidente della Commissione dell’Unione europea responsabile della migrazione ha affermato che la situazione ai confini degli Stati baltici e della Polonia con la Bielorussia è un segno che “è giunto il momento di creare un quadro europeo più completo e prevedibile per la politica migratoria”. Schinas, in visita in Lituania.

Schinas ha affermato che è giunto il momento di allontanarsi dal modello “lotta antincendio” della politica sui rifugiati e concordare una “ingegneria” comune. Schinas ha affermato che i negoziati sull’ultima proposta della Commissione europea sulla politica migratoria comune dell’UE dello scorso anno si sono bloccati a causa della crisi del coronavirus.

Negli ultimi mesi, migliaia di migranti dal Medio Oriente hanno attraversato i confini con la Bielorussia in Lettonia, Lituania e Polonia, e quindi nell’Unione europea. Le autorità stanno cercando di rimpatriare i migranti prima che possano attraversare il confine e chiedere asilo.

L'”abuso primitivo” di Lukashenko sui rifugiati

Il primo ministro lituano Ingrida Simonet ha invitato l’Unione europea a trovare un “ottimo equilibrio” per fermare la “violazione primitiva” delle disposizioni internazionali sulla protezione dei rifugiati, proteggendo al contempo i diritti umani.

Bruxelles presume che la disputa sul confine sarà un’azione di ritorsione del presidente bielorusso Alexander Lukashenko per le decisioni sulle sanzioni dell’UE. Si ritiene che le autorità bielorusse portino i migranti nel paese e li conducano clandestinamente al confine.

Attualmente l’Unione europea guarda con preoccupazione non solo alla situazione al confine orientale, ma anche in Afghanistan. Il timore è che la presa del potere da parte dei talebani islamici radicali possa portare a una nuova crisi dei rifugiati nella regione che alla fine raggiungerà l’Unione europea. Pertanto, i paesi dell’UE vogliono sostenere i vicini dell’Afghanistan nell’accettare i rifugiati. Stanno anche facendo pressioni sui talebani affinché mantengano le loro promesse di rispettare i diritti umani.

READ  Intervista a Mechtelde Roessler, direttrice del Centro del patrimonio mondiale dell'UNESCO