Toscana Calcio

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su Toscana Calcio

Con alpaca contro corona: ecco come i ricercatori di Gottinga vogliono porre fine all’epidemia

I ricercatori dell’Istituto Max Planck di chimica biofisica e della clinica universitaria di Göttingen hanno sviluppato anticorpi contro la corona. Provengono dagli alpaca.

Göttingen/Hannover – La notizia da Göttingen fa alzare in piedi e prendere atto: i ricercatori dell’Istituto Max Planck e della clinica universitaria sarebbero riusciti a sviluppare anticorpi contro il coronavirus. La North German Broadcasting Corporation (NDR) riferisce su questo argomento. Si dice che i principi attivi sviluppati in laboratorio dovrebbero depositarsi sulla superficie del coronavirus e renderlo innocuo.

malattia: COVID-19
Patogeni: SARS-CoV-2
Primo caso noto: 1 dicembre 2019
Dichiarazione pandemia: 11 marzo 2020

I ricercatori stanno attualmente preparando test clinici per il loro farmaco. Si dice che i mini-anticorpi, chiamati anche nanocorpi, neutralizzino il coronavirus circa 1.000 volte meglio degli anticorpi sviluppati in precedenza. “Per la prima volta, combinano un’estrema stabilità e il più alto livello di efficacia contro il virus e le sue varianti alfa, beta, gamma e delta”, ha detto a NDR il direttore dell’istituto Dirk Görlich.

Con l’alpaca contro il Covid-19: gli anticorpi devono essere altamente resistenti al calore e quindi durevoli

Gli anticorpi sviluppati devono essere altamente resistenti al calore per rimanere attivi nel corpo umano. Quindi, il virus può essere combattuto. Inoltre, secondo il rapporto NDR, dovrebbe essere possibile produrre, manipolare e immagazzinare nanocorpi più facilmente. Anche il finanziamento della proprietà può rimanere economico in questo modo e la produzione di quantità maggiori dovrebbe essere possibile senza problemi. Secondo i ricercatori di Göttingen, questo coprirà il fabbisogno globale di farmaci contro il Covid-19.

Gli anticorpi ottenuti provengono da alpaca. (immagine dell’icona)

© picture alliance / dpa / PA Wire | Aaron Chun

Come ha spiegato Gorlich, i mini-anticorpi provenivano da tre specie di alpaca “e sono molto più piccoli e semplici degli anticorpi convenzionali”. Per ottenere gli anticorpi, agli animali è stata iniettata più volte una porzione della proteina spike per il coronavirus. Gli anticorpi sviluppati a seguito del prelievo di sangue sono stati estratti. Come detto, il carico sugli animali avrebbe dovuto essere basso.

READ  Le conseguenze a lungo termine di Corona: Covid-19 può causare questi problemi per tutta la vita

Valore di incidenza in Bassa Sassonia: mercoledì le infezioni da virus Corona sono leggermente aumentate

Intanto il tasso di contagi in Bassa Sassonia è nuovamente salito, come annunciato dal Robert Koch Institute la mattina di mercoledì 28 luglio 2021, tramite la dashboard sul sito. Secondo queste informazioni, il tasso di infezione a 7 giorni, ovvero l’infezione da SARS-CoV-2 ed estrapolato a 100.000 popolazioni entro sette giorni, era 15,8. Martedì il valore era ancora leggermente inferiore a 15,5. La scorsa settimana, il tasso di infezione a livello nazionale è stato di 12,9.

276 nuove infezioni sono state registrate in Bassa Sassonia e una persona con COVID-19 è morta. A Brema il tasso di infezione è stato di 20,0, in aumento rispetto al 13,9 della settimana precedente. Sono state segnalate 39 nuove infezioni. Il tasso di gran lunga più alto in confronto tra le province della Bassa Sassonia e le aree urbane è ancora la regione di Lüneburg con 73,9. La regione di Rotenburg (Wümme) ha registrato il valore più basso di 0,6.

Secondo i dati del Registro di terapia intensiva Divi, 25 persone con Covid-19 sono attualmente in cura negli ospedali della Bassa Sassonia, 7 delle quali sono in ventilazione invasiva. Il numero di posti letto gratuiti per la terapia intensiva ha raggiunto i 281, di cui 150 con attrezzature speciali per il trattamento dei pazienti Corona.

Presentato il documento interno di RKI: l’infezione di 7 giorni dovrebbe rimanere il principale indicatore della dinamica dell’infezione

Come è emerso da allora da un documento interno di RKI, il Il tasso di infezione rimane il principale indicatore della dinamica dell’infezione*. Il presidente della RKI Lothar Wheeler ha ricevuto il documento lunedì 26 giugno. Luglio 2021, in conference call con i capi della Cancelleria di Stato.

READ  19- Una donna incinta dovrebbe essere vaccinata contro il virus Corona?

“Il tasso di infezione è il principale indicatore della dinamica dell’infezione (i casi elevati hanno molti effetti)”, afferma il documento a disposizione di dpa e riportato per la prima volta dal Bild e dal giornale indiano Pioneer. Il tasso di infezione a 7 giorni è ancora importante per valutare la situazione in Germania e per avviare tempestivamente le misure di controllo. Secondo le informazioni del quotidiano “Bild”, ci sarebbero dovute essere grandi discussioni sulla rivista perché molti paesi vogliono abbandonare l’evento come criterio più importante.

Il presidente della RKI Lothar Wieler ha presentato un nuovo documento di orientamento in una teleconferenza con i capi della cancelleria di stato.

© Michael Kappeler / D

Per quanto riguarda la situazione attuale, il giornale dice che gli incidenti sono nuovamente aumentati per circa tre settimane e il tasso di ospedalizzazione per circa due settimane. “La quarta ondata* è iniziata”, afferma Wheeler.

Gli alti tassi di vaccinazione da soli non sono sufficienti per mantenere stabile la quarta ondata, continua. Sono necessarie ulteriori “misure di protezione di base” per ridurre la quarta ondata in modo che il numero di pazienti ricoverati non diventi troppo elevato. Il documento menziona la limitazione della comunicazione e una diminuzione della mobilità come misure. * kreiszeitung.de e mercur.de sono offerte da IPPEN.MEDIA.

Con materiali di dpa.

Rubriklistenbild: © picture alliance / dpa / PA Wire | Aaron Chun