Toscana Calcio

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su Toscana Calcio

Ripeti la lezione: perché “Non preoccuparti!” non aiuta il bambino

Aggiornato il 28 luglio 2021, 21:03

  • Molti bambini ripeteranno l’anno scolastico a causa della pandemia, in parte volontaria e in parte involontaria.
  • Anche se non lo metti in parole: il riavvio è di solito un fardello psicologico.
  • Come possono i genitori affrontarlo e rafforzare il loro bambino.

Puoi saperne di più su bambini e famiglie qui

Di solito è angosciante per un bambino quando è chiaro che l’anno scolastico si ripeterà, volontario o involontario. La prospettiva di una covata d’onore suscita apprensioni e apprensioni, e comprensibilmente, l’educatrice qualificata ed esperta di educazione Jutta Wimmer conferma: “Per molti bambini è come essere sradicati. Sono tristi perché hanno paura che la loro vecchia cerchia di amici perda .”

C’è poi grande incertezza su come andranno le cose nel nuovo capitolo. Posso trovare una connessione? E se vengo rifiutato? Nascono sentimenti di vergogna o fallimento. “Per molti bambini, stare seduti intacca la loro autostima, soprattutto quando lo sono C’è anche il timore che non sarà più imballato nel nuovo anno scolasticoIn questo caso, questi ragazzi portano uno zaino sulla schiena, con le preoccupazioni che pesano molto più di tutti i libri di testo messi insieme.

“Non preoccuparti” – non aiuta i bambini

Cosa possono fare i genitori per preparare i propri figli al nuovo anno scolastico? Se alla prole viene dato spazio per tradurre in parole la sensazione di mal di stomaco, questo può portare a sollievo. “Si può esprimere a parole”, descrive Wimmer. “Perde il suo terrore”.

È importante quindi che i genitori accettino le paure e non le sottovalutino. Affermazioni come questa sono corrette Buone intenzioni, ma difficilmente aiutano:

  • “Non preoccuparti, farai nuove amicizie.”
READ  L'elevato consumo di caffè riduce il volume del cervello

È meglio affrontare le preoccupazioni durante una conversazione e trovare soluzioni. È richiesta anche creatività: se un bambino lotta con un senso di fallimento, la ricerca online condivisa può fornire sollievo. “Ci sono molti personaggi famosi e persone di successo che stanno seduti: puoi mostrare al bambino che sono in buona compagnia”, suggerisce Wimmer.

Quando si tratta della paura di perdere gli amici della vecchia classe, il genitore e il bambino possono pensare insieme a come mantenere i contatti con la vecchia classe. “È importante trasmettere al bambino che può fare qualcosa per mantenere le amicizie”, raccomanda Carola Welhein, capo del dipartimento di psicologia scolastica presso l’Autorità scolastica statale della Sassonia-Anhalt.

Guarda le opportunità nell’anno della ricorrenza

Anche se non è così per i bambini ea volte per i genitori: il ripetersi dell’anno scolastico è ricco di opportunità – per acquisire maggiore sicurezza in molte materie, per costruire nuove amicizie, per acquisire maggiore fiducia in se stessi. Se i genitori riusciranno a trasmetterlo ai propri figli, si aprirà una nuova prospettiva.

“I genitori hanno un atteggiamento nei confronti della decisione di far ripetere la lezione al loro bambino, che lo trovino buono o meno”, afferma la terapista e insegnante qualificata Uta Reimann-Höhn. Questo atteggiamento vale: se il bambino si accorge che il seno dell’onore fa brontolare i suoi genitori, allora anche per lui crescono presto i dubbi.

Più utile delle continue urla sulla scuola o sullo stato dell’epidemia sarebbe:

  • “Dai, facciamolo insieme!”

Connettiti con un compagno di classe in anticipo

Durante le vacanze estive, le famiglie possono fare molto per facilitare l’inizio del nuovo anno scolastico. Reimann-Höhn sostiene che si presti maggiore attenzione al benessere del bambino che alle lacune di apprendimento. “Se la psiche del bambino sta bene, l’inizio dell’anno scolastico è molto più facile”, afferma Reimann-Höhn.

READ  Gli esperti avvertono di una quarta ondata

Cosa possono fare genitori e figli anche in vacanza: prendere contatti preliminari con nuovi colleghi – ad esempio, organizzare un appuntamento con un ragazzo di un club di ping pong, che presto sarà anche un compagno di classe. “Se hai il tuo primo contatto nella nuova classe, fa una grande differenza”, afferma Reimann-Höhn.

E se l’inizio è pieno di intoppi e il bambino torna a casa frustrato a scuola – forse perché ci sono dei detti stupidi? “È importante ascoltare i bambini quando parlano delle loro esperienze e osservare tutto in una certa misura”, consiglia Welhein. Fedele al motto:

  • “Sì, non ti è andata bene, ma forse domani andrà meglio.”

Può anche essere utile dare al bambino una risposta alla domanda “Cosa può aiutarti?” esistere. (Ricarda Dickmann, dpa/af)