Toscana Calcio

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su Toscana Calcio

Come controllare il turismo di massa?

Come controllare il turismo di massa?

  1. Pagina iniziale
  2. Consumatori

Creato da:

Da: Ines Baur

È troppo. Le regioni italiane applicano norme contro il turismo di massa. I resort stanno cercando di far fronte all’afflusso di turisti con strategie diverse. Cosa si adatta dove.

Monaco di Baviera – Una vacanza in Bella Italia è in cima alla lista delle destinazioni estive per molti tedeschi. Milioni di turisti dall’Italia, dall’Europa e da altre parti del mondo visitano il paese in estate. Gli italiani dovrebbero esserne contenti. Soprattutto il turismo è un importante fattore economico in Italia.

Ma sono preoccupati i responsabili delle zone più frequentate e frequentate. Come dovrebbero affrontare l’assalto di migliaia di vacanzieri?

Regole contro il turismo di massa in Italia: Le auto sono ammesse solo per lunghi soggiorni sull’isola

Le misure previste dalle regioni includono meno auto e motorini, tasse di ingresso e requisiti per bilanciare i servizi igienico-sanitari nelle città. Ad esempio, sulle isole di Lampedusa e Linosa, i veicoli privati ​​immatricolati fuori regione non possono più circolare. Lo stesso vale per l’isola di Procida. Il sindaco Dino Ambrosino ha dichiarato: “Questa è l’unica iniziativa che funziona. Procida è grande quattro chilometri quadrati e conta 10.000 abitanti”. La posizione è l’isola più densamente popolata d’Europa e la mobilità è un problema, riferisce la stazione televisiva. tg24.sky.it. “Abbiamo 600.000 visitatori. Va bene che se ne vada”.

L’isola di Glio è un po’ più rigida. Il sindaco dell’isola, Sergio Ortelli, sta tentando un approccio diverso. “Con 1.400 residenti, in estate riceviamo fino a 10.000 visitatori al giorno”. Sono circa 300.000 all’anno. Ora è stato deciso che solo i vacanzieri che soggiorneranno più di quattro giorni nel mese di agosto potranno portare la propria auto. Fanno anche pagare un biglietto d’ingresso di tre euro in estate e due euro in inverno.

READ  Soccorso in mare - Francia e Italia cercano di risolvere la loro controversia

L’attuale siccità sta causando al Paese più problemi del turismo. Il fiume Po è come una goccia. Gli esperti parlano di una situazione particolarmente delicata.

Lotta al turismo di massa in Italia: ingresso a dieci euro al pool city

Il turismo di massa è da decenni un problema nella città lagunare di Venezia. Nel 2019, circa 25 milioni di visitatori, per lo più turisti che spendono in media dai 5 ai 20 euro, hanno visitato la pittoresca città. I veneziani gemono sotto il peso. Tuttavia, finora, poco è stato fatto per ridurre l’onere. Da tempo si discute di una quota di iscrizione per frenare il gran numero di escursionisti.

L’amore è diverso, anche il relax: il turismo di massa in spiaggia è un peso per i locali e per i vacanzieri. (immagine iconica) © Siering/Imago

Attualmente, il cosiddetto Pigletty sarà disponibile dall’estate del 2023. Anche questa data di apertura non è scolpita nella pietra poiché le date sono state ripetutamente posticipate negli ultimi anni. Gli ospiti dell’hotel di Lagoon City non devono pagare un biglietto d’ingresso.

Non un solo posto sulla spiaggia a causa di tutti i pezzi: l’Italia dichiara guerra al turismo di massa

In Sardegna le autorità stanno attuando da tempo una strategia. 1.500 persone possono visitare la spiaggia di sabbia bianca di La Pelosa nel nord-ovest dell’isola. Devono anche pagare l’ingresso. L’ingresso è di € 3,50 per gli adulti e gratuito per i bambini sotto i dodici anni.

Turismo di massa Italia 2023 sotto controllo – con sistema di prenotazione app

Il Comune di Baunei in Sardegna ha fissato un limite massimo per l’accesso alla spiaggia al 2023. “Abbiamo 40 chilometri di costa, tutti in montagna e affacciati sul mare”, ha detto il sindaco Stefano Moni. tg24.sky.ti segnalato. Si cerca di controllare l’accesso. “Abbiamo un sistema di prenotazione tramite app dove puoi prenotare uno dei 250 accessi giornalieri in spiaggia”. Il costo è di sei euro.

READ  Qualificazioni ai Mondiali: Italy to End - Handball

Biglietti online, tariffe d’ingresso o app di prenotazione: chiunque abbia in programma una vacanza estiva in Italia quest’anno è invitato a informarsi sulle normative in vigore nella destinazione prima di prenotare e mettersi in viaggio.

Norme contro il turismo di massa in Italia – misure in sintesi

  • Sistema di registrazione dell’uso della spiaggia: regione di Baunei, Sardegna
  • Il minor numero di visitatori alla spiaggia: spiaggia “La Pelosa”, Sardegna
  • Divieto di mezzi privati ​​e auto provenienti dall’esterno: Lampedusa, Linosa, Procida
  • Veicolo privato solo per soggiorni di quattro o più giorni: Gilio
  • Giornaliero come biglietto d’ingresso alla città: previsto per Venezia dall’estate 2023