Toscana Calcio

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su Toscana Calcio

Un curdo riferisce della sua fuga in Italia

Intorno ai venticinque anni, Mohammed* sembrava essere sulla strada giusta. Un istruito insegnante di inglese di Kirkuk, in Iraq, ripara i laptop vicino alla stazione di polizia locale.

“Un giorno la gente è venuta e ha detto: se non ci fornisci informazioni sulla sicurezza dei prigionieri e dati dai computer della polizia, ti uccideremo”, dice Kurth. Coloro che volevano liberare i terroristi hanno continuato a minacciare lui e la sua famiglia; Maometto si nascose e si preparò a fuggire in Europa. Era il 2016.

Nel frattempo si è affermato in Italia ed è stato riconosciuto come rifugiato politico; Studia, lavora e aiuta a integrare altri immigrati. Al 33enne manca il suo paese natale, soprattutto i suoi genitori. “Ma ringrazio i paesi europei che hanno fatto una piccola differenza nel modo in cui accolgono i rifugiati e trattano i propri cittadini”.

“Poi sento il grido degli annegati”

La storia di Mohammed, che racconta come volontario presso il centro profughi Joel Nafuma di Roma, è uno dei destini di milioni di migranti di cui si discute in tutta Europa: persone che si imbarcano su barche che si dirigono verso il mare e trasformano i capi delle organizzazioni di trafficanti in multimilionari . Per sfuggire alla povertà, alla guerra e alla persecuzione.

Mohammed riferisce: “A volte mi sveglio di notte e mi rivedo su una piccola barca che va da Izmir alla Grecia con 80 persone. Poi sento le urla delle persone annegate”. 20 persone, tra cui molti bambini, sono annegate mentre attraversavano la nave. “Ho pensato: se muoio, i miei genitori non sapranno dove trovarmi.” Operatori umanitari delle Nazioni Unite e della Croce Rossa hanno soccorso i naufraghi.

Pernottamento presso il Centro Caritas Italiana

Ad Atene, Maometto trovò un nuovo contrabbandiere che voleva contrabbandarlo da Patrasso all’Italia meridionale. “Ero aggrappato al fondo di un camion cisterna che stava andando su un traghetto.” È rimasto nascosto durante l’intera traversata fino a quando finalmente sono sbarcati a Bari dopo 16 ore. “Ho dovuto destreggiarmi in qualche modo attraverso il checkpoint tra i turisti perché non avevo i documenti – sono stato molto fortunato!”

A Pari ha sporto denuncia in questura ed è rimasto nel parco per 15 giorni. Alla fine un uomo curdo lo ha chiamato e gli ha dato vestiti e cibo. “Ma finalmente la prima cosa che posso fare è chiamare la mia famiglia”, dice Mohammed. “Abbiamo pianto di gioia che ero arrivato sano e salvo. Ma anche di tristezza.”

Dopo essersi registrato come rifugiato, Muhammad voleva imparare velocemente l’italiano. Riuscì a pernottare in un centro della Caritas e l’educatore trovò lavoro come addetto alle pulizie.

Tra la paura della morte e una grande gioia

Quando ha ricevuto i suoi documenti nell’estate del 2017, ha chiesto al giudice se poteva portare i suoi genitori. “Si, puoi!” disse. Negli ultimi due anni, Mohammed ha lavorato come volontario presso il Joel Nafuma Refugee Center (JNRC) di Roma. Lo stabilimento presso la Chiesa Anglicana di San Paolo Entro le Mura è gestito principalmente da volontari e attraverso donazioni. Mohammed aiuta gli immigrati con problemi legali e ricerca di lavoro. Fornisce inoltre allo staff l’arabo in modo che possano comprendere meglio i propri clienti.

E media i conflitti tra gli immigrati. “Devi capire la loro situazione: non hanno famiglia, soldi, lavoro, posto dove dormire. So come parlare con i rifugiati, perché questo è il mio background”.

Mohammed, un rifugiato curdo

“Voglio mostrare al mondo che anche qualcuno in circostanze terribili può realizzare i propri sogni”.

È qui che Mohammed vede il suo futuro professionale. Da un anno studia “Studi Umanistici Globali” alla Sapienza; Un corso interdisciplinare sugli aspetti politici e culturali dell’immigrazione. “Il mio grande sogno è lavorare nel campo dell’immigrazione e dei diritti umani e studiare relazioni internazionali e diplomazia”.

READ  Forti temporali si abbattono sulle Alpi e inondazioni in Italia

Finanziamento attraverso borse di studio e lavori di traduzione

Si guadagna da vivere con una borsa di studio CRUI del Ministero dell’Interno italiano per i rifugiati, oltre a lavorare presso un’agenzia di alloggi per studenti e tradurre documenti. I curdi hanno permessi di soggiorno e di lavoro illimitati da agosto. La sua gioia sembrava giustificata quando, a novembre, le autorità italiane hanno finalmente promesso di riportare a casa i suoi genitori.

Ma poi è arrivato lo shock: invece dei documenti di uscita, i suoi genitori hanno ricevuto una lettera di rifiuto dall’ambasciata italiana a Erbil. Il padre non ha fornito alcuna prova di malattia. È paralizzato da un lato da quando una bomba è esplosa nel 1981 durante la guerra Iran-Iraq. “Ho immediatamente inviato un’e-mail all’ambasciata per dire che era trasparente”, dice Mohammed. “Non capisco! Ho avuto l’ok dalle autorità”.

Mohammed ha rifiutato di determinare se i problemi improvvisi fossero legati al nuovo governo di destra italiano. Ha ripetutamente insistito sul fatto che il primo ministro Georgia Maloney vuole tenere fuori gli immigrati clandestini. Più recentemente, ha difeso la sua politica.

“Per quanto riguarda la questione della migrazione, ho la coscienza pulita”, ha detto all’inizio di questa settimana alla presenza del cardinale segretario di Stato vaticano Pietro Parolin. Le accuse di recenti incidenti navali al largo delle coste italiane sono “inquietanti”. Ma il rischio di tali tragedie aumenta man mano che sempre più persone tentano traversate illegali e pericolose verso l’Europa in barca.

I genitori temono

Mohammad ha una risposta chiara: “I miei genitori hanno venduto la loro casa a Kirkuk e ora vivono in due stanze nel villaggio così posso sfuggire al pericolo”. Non aveva altra scelta che salvare l’Europa.

READ  Il base jumper muore dopo essere caduto in un famoso luogo turistico

A questo punto è frustrato e deluso. Ha presentato ricorso contro la decisione, ma secondo il suo avvocato il processo potrebbe durare sette mesi. “Nessuno è al sicuro in Iraq, soprattutto non i curdi”, dice Mohammed, che teme i suoi anziani genitori.

E non si è arreso: “Voglio dimostrare al mondo che anche chi si trova in una situazione difficile può realizzare i propri sogni. E gli immigrati non sono poi così male come alcuni pensano”.

* Il nome completo di Maometto è noto agli insegnanti

Il Centro Rifugiati Joel Nafuma si trova nella Chiesa Anglicana di San Paolo Entro le Mura a Roma. Situato in posizione centrale vicino alla stazione ferroviaria Termini, migranti e rifugiati sono stati supportati qui principalmente da volontari sin dagli anni ’70. Il centro fornisce abbigliamento e prodotti per l’igiene, cibo, lavanderia, consulenza legale e psicologica, corsi di lingua e assistenza nella ricerca di lavoro.