Toscana Calcio

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su Toscana Calcio

Il governo italiano sta attaccando i diritti dei genitori delle coppie LGBTQ

Il governo italiano sta attaccando i diritti dei genitori delle coppie LGBTQ

La comunità LGTBQ+ afferma che il governo di destra di Giorgia Meloni calpesterà i diritti dei genitori delle coppie dello stesso sesso in Italia. Il Paese ha già leggi molto restrittive per quanto riguarda i diritti delle coppie queer.

L’attuale motivo di protesta degli attivisti è il voto al Senato italiano. I deputati hanno votato contro il regolamento della Commissione europea sul riconoscimento transfrontaliero dei genitori dello stesso sesso. L’Italia entra a far parte del gruppo di Visegrad, che comprende Repubblica Ceca, Ungheria, Polonia e Slovacchia.

La notizia ha indignato la comunità LGTBQ+ italiana. Ha ripetutamente accusato il governo di Maloney di discriminazione e una strategia di campagne anti-gay e inasprimento delle normative contro la genitorialità dello stesso sesso.

I “Fratelli d’Italia”, partito al potere con radici neofasciste, hanno votato contro la regolamentazione europea. Ha giustificato ciò con la preoccupazione che il riconoscimento della parentela omosessuale minerebbe l’attuale divieto di maternità surrogata. La maternità surrogata è attualmente una violazione della dignità delle donne secondo la legge italiana.

‘Madre e padre’ sulla carta d’identità

“Il veto è una bufala”, ha detto Vincenzo Miri, il presidente Reid Lenford, Lo ha detto a Euronews un’associazione che fornisce assistenza legale alle persone queer. “La proposta europea non cambierà l’attuale divieto, né imporrà il riconoscimento dei genitori omosessuali italiani che hanno chiesto la maternità surrogata all’estero”. La proposta europea si applica solo ai genitori già riconosciuti nel loro paese d’origine, ma anche questo non è obbligatorio.

“Così tante coppie omosessuali europee cercano la maternità surrogata che riconoscerle minerebbe il divieto”, ha detto a Euronews Marco Scurria di Fratelli d’Italia.

READ  L'Union Berlino presta il difensore Prinz all'Italia

“La genitorialità omosessuale non riconosciuta non sarebbe un problema in Italia, ma qui non possiamo aprire la porta a qualcosa di illegale. I genitori sono riconosciuti, ma non dovrebbe essere automatico, altrimenti quello che la gente può fare è quello che vuole. “

Un disegno di legge presentato dai “Fratelli d’Italia” mira a criminalizzare la maternità surrogata per le coppie italiane nei paesi dove la pratica è legale.

Sebbene la maggior parte delle coppie eterosessuali che vogliono figli utilizzi la maternità surrogata, i gruppi per i diritti queer affermano che le preoccupazioni del governo sulla maternità surrogata sono un’ossessione di lunga data della destra. Ma la maternità surrogata non è l’unico problema del governo.

“Anche quando la sinistra ha votato per riconoscere le unioni omosessuali nel 2016, la questione della genitorialità omosessuale è caduta nel dimenticatoio”, afferma la leader Alessia Crocini. Famiglia ArcobalenoLo ha detto a Euronews un’associazione che sostiene le famiglie dello stesso sesso.

È molto difficile adottare un bambino gay in Italia. Sebbene la genitorialità omosessuale sia possibile, di solito comporta un lungo processo legale. Ciò è particolarmente vero per le coppie femminili che adottano gravidanze assistite e figliastri.

Rete Lenford E Famiglia Arcobaleno Ha rappresentato centinaia di tali casi in tribunale. Una di quelle battaglie legali ruotava attorno a un’ordinanza del 2019 del ministro dell’Interno Matteo Salvini che richiedeva che le carte d’identità dei bambini leggessero “madre e padre” invece di “genitori”.

“Vogliono che smettiamo di avere figli”

Il veto della proposta dell’UE è visto dagli attivisti e dalla più ampia comunità LGTBQ+ come parte di una violazione dei diritti dei genitori dello stesso sesso, una lotta primaria per il governo di Meloney.

READ  I rapporti con la vicina Italia dovrebbero togliere la Svizzera dalla lista nera - Notizie

Lunedì, un giorno prima del veto, il Viminale ha imposto al sindaco di Milano Giuseppe Sala di non riconoscere in città i genitori dello stesso sesso, citando un regolamento che impedisce alle coppie dello stesso sesso di accedere all’inseminazione artificiale.

“È una lotta ideologica per questo governo”, ha detto a Euronews Mario Colmarino, capo dell’associazione Mario Mili per i diritti dei gay.

In un’intervista di questo mese, la Meloni ha ribadito la sua convinzione che “un bambino merita solo il meglio: una madre e un padre”.

Eugenia Rossella, Ministro per la Famiglia e le Pari Opportunità, lo ha spesso ripetuto in televisione, dove di solito si discute di diritti alla genitorialità tra persone dello stesso sesso senza la partecipazione di attivisti o coppie LGBTQ+.