Toscana Calcio

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su Toscana Calcio

Ciclismo – Tour delle cadute delle donne: “Fidget in the Caravan” e “Nervous” – Sport

Troyes / Bar-sur-Aube (Dpa) – Pantaloni da corsa strappati, bici da corsa sul pavimento, sangue sui gomiti e sulle ginocchia: il Tour de France femminile presenta immagini spaventose di cadute nei suoi primi giorni e gli appassionati di ciclismo del Tour maschile , anche, sa.

È stata su 13 delle 144 donne che hanno iniziato ad abbandonare gli studi nei primi tre giorni del Tour de France. Le favorite dell’Italia Marta Cavalli e Laura Asmelish non sono nemmeno arrivate al traguardo nella tappa in questione.

grave lesione

La sua caduta ha avuto conseguenze disastrose: Cavalli ha subito una lesione cerebrale, Sweet Milk si è rotta due vertebre ed è stata portata in ospedale. Altri corridori, come la slovena Urska Pintar, sono arrivati ​​al traguardo dolorosi e sanguinanti, ma hanno mancato la scadenza.

Anche mercoledì ci sono state diverse cascate nella quarta tappa. La campionessa spagnola Margarita Victoria Garcia Canelas ha colpito la ruota posteriore della vettura della sua squadra a circa 13 chilometri dal traguardo ed è caduta violentemente. Il 38enne è riuscito a completare la tappa, ma è rimasto indietro nella classifica generale.

Ci sono molte cause di incidenti. “Il forte vento ha sicuramente giocato un ruolo, così come le lotte per la posizione in campo”, ha detto Marianne Voss, che ha vestito la maglia gialla nella seconda tappa. “Tutti volevano essere in vantaggio”. Anche l’entusiasmo per la partecipazione al primo Tour de France femminile del secolo sembra essere stato un fattore determinante. “Ognuno ha una motivazione in più”, ha detto la svizzera Marlene Rosser, che ha vinto la quarta tappa.

READ  ATP Belgrado: il campione in carica Novak Djokovic lotta per battere il connazionale Laszlo Djerre

Errori del driver?

La medaglia d’argento olimpica e vice campione del mondo nella cronometro accusa anche gli errori di guida dei singoli compagni di squadra. “Ci sono anche piloti donne all’inizio che ti fanno chiedere perché sono lì. E questo rende il campo molto eterogeneo”, ha detto Rosser.

Oltre alle 14 squadre del WorldTour e alle prime tre squadre da corsa della categoria Continental, ci sono sette squadre invitate da wild card. “In realtà è sufficiente se hai uno, due o tre conducenti che non lo padroneggiano del tutto o rischiano troppo di causare cadute evitabili”, ha detto Rosser.

Nervosismo nella squadra

La caduta ha anche impedito alla specialista tedesca delle classiche Lianne Lippert di interferire nella battaglia per la vittoria di giornata nella terza tappa. Cadde perché non poteva più evitare Demi Follering dell’Olanda caduta. “E’ un peccato”, ha detto Lippert. “Avevo delle belle gambe, non ho mai avuto grossi problemi in montagna ed avevo sempre il controllo”. Ma poi è arrivata la caduta. Dopotutto, l’autista di Friedrichshafen non ha riportato ferite gravi.

Ronnie Locke, capo della squadra di corse tedesca Canyon SRAM, vede una delle cause della turbolenza del gruppo nei nervi di alcuni dei suoi deboli compagni di squadra. “Si vede già l’ansia nel convoglio delle auto di scorta. Alcuni continuano a lasciare le loro postazioni e poi la ginnastica davanti a voi. E quella tensione, che alcuni dirigenti e direttori sportivi si portano dietro e che è davvero evidente, poi si trasferisce agli autisti”, ha detto Locke.

© dpa-infocom, dpa: 220727-99-173337 / 3