Toscana Calcio

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su Toscana Calcio

Capitale della Cultura Italiana 2022: Procida Target da scoprire

I marines di Procida una volta consegnarono l’isola alle loro mogli quando presero il mare. La cultura che è emersa in questo modo rende Mini Island nel Mediterraneo una meta turistica

Sono la figlia di una marina e ha plasmato la mia vita “, afferma Sierra Pissani, Nibbati di una mela al limone. Si siede in uno dei tipici giardini dell’isola che nascondono la loro bellezza dietro alte mura. Il famoso limone di Procita cresce tra bouganville rosa e rose profumate, una delle quali pesa circa un chilogrammo. Dal giardino si può andare direttamente al mare e tuffarsi nell’acqua turchese dalle rocce piatte.

Sierra ha cercato di fuggire da una piccola isola nel Golfo di Napoli, e il destino della tanto attesa donna della marina. Ha studiato e lavorato a Napoli. Alla fine è tornata e ha gestito una scuola di musica jazz e un affittacamere a Procida. Alla fine, sposò anche un marinaio che non usciva da molto tempo. Oggi Sierra ha quasi 60 anni e non pensa più di partire. “Quest’isola non ti lascerà andare”, spiega. Ora è orgogliosa di essere un’isola per la prima volta con Procita Capitale italiana della cultura per il 2022 Selezionato. Il fattore decisivo per questo è il posto speciale e la storia speciale del meraviglioso mondo in mezzo all’oceano.

La piccola isola di Procita è stata nominata Capitale Italiana della Cultura nel 2022

Come la vita degli isolani, la storia di Procida è plasmata dai viaggi per mare. Dal tempo dei Fenici, gli uomini erano in mare per mesi o anni. Le donne sono responsabili di tutto, dall’educazione dei figli alle finanze. Era per lo più una vita solitaria, ma costruivano la loro vita quotidiana e gli uomini portavano a casa buoni soldi.

La madre di Sierra ricorda ancora che le donne della povera vicina Ischia arrivavano a Procita con cesti pieni di teste per vendere frutta e verdura. Le mogli dei costruttori navali e dei marinai non devono farlo. Il suo abito tradizionale è riccamente decorato con ricami dorati e ricorda un abito da principessa piuttosto che un abito popolare.

La prosperità e le tradizioni marittime persistono fino ad oggi. Procida non è mai stata una comune isola di pescatori, e sebbene molte famiglie si guadagnino da vivere con la pesca, poche lo fanno ancora oggi. Il porto peschereccio di Coricella è la cartolina più venduta dell’isola vulcanica con le sue tipiche case color pastello, che, a differenza delle famose vicine Capri e Ischia, sono meno visibili ai viaggiatori stranieri.

Nella sua giovinezza, Sierra Pissani voleva lasciare Procita. Nel frattempo, non riesce più a immaginare un’altra casa.

© Michael Namuth

Tuttavia, in estate, esplode perché tradizionalmente gli ospiti delle vacanze napoleoniche arrivano sull’isola in barca e occupano le loro tradizionali residenze di vacanza. Come molte altre cose, l’attività di affitto di stanze è un’attività da donne, da quando scrittori e registi hanno scoperto la piccola isola negli anni ’50 e ’60. All’epoca Elsa Morande dedicò il suo romanzo, Arthros Incel, a Procita.

READ  Fa scalpore la foto di un raro animale marino trovato su un'isola di vacanza in Italia

Altra isola italiana: Procida è particolarmente popolare tra i viaggiatori locali

Ad oggi, però, il numero di case vacanza e camere d’albergo è gestito perché il 90% degli edifici residenziali è utilizzato da 10.000 isole. Con una superficie di appena 3,7 chilometri quadrati, Procida detiene il primato di isola più popolosa d’Europa.

Quando si cammina per le strade senza marciapiedi, ci si può rendere conto di essere spinti da auto, scooter e bici elettriche contro i muri di casa, anche gli undicenni corrono. Questo è il motivo per cui ai passeggeri è vietato portare i propri veicoli. L’isola è densamente edificata e può essere attraversata dal bestiame dal Molo di Marina Grande al medievale Castello Terra Murada fino al porto turistico di Siolella. Tuttavia, molti dei segnali indicano anche percorsi che portano dal paesaggio urbano a bellissime spiagge e fari appartati.

Il sindaco Raymondo Ambrosino non si è vergognato quando gli è stato chiesto dove accogliere i visitatori della futura capitale culturale. “Non ci isoliamo, ma piuttosto includiamo il paesaggio e le altre isole in iniziative, laboratori ed eventi”, spiega. Lui e il suo team hanno compilato questo approccio con lo slogan accattivante “La Cultura non Isola”, sconfiggendo il concorso culturale della città. Il gioco di parole è tradotto in tedesco come “la cultura non è un’isola” e “la cultura non isola”.

Come capitale della cultura, Procida vuole espandere questo progetto nel continente italiano

In pratica, sono previsti eventi anche sulla terraferma a una distanza di 3,4 km, raggiungibile velocemente in battello, e lì saranno ospitati alcuni visitatori. All’inizio del XVIII secolo, quando la marina di Procita si unì alla marina reale dei Borboni, la gente si trasferì in terraferma perché a quel tempo 16.000 persone non riuscivano a trovare posto sull’isola. Fondarono la città costiera di Monte de Prosita, che faceva parte dell’isola fino al 1907. Da un punto di vista geografico, Procida fa parte dei Campi Bilgrean, che è formato da polvere vulcanica. Questo paesaggio naturale unico e incontaminato vicino a Napoli faceva già parte dell’itinerario di Goethe e del Grand Tour del suo tempo.

READ  Italia: Scontro terroristico sul Lago di Gorda - Indagini sui tedeschi German

“Procita non è mai stata un’isola solitaria, non dovrebbe esserlo oggi”, dice il sindaco, eletto con una lista di cittadini democratici di sinistra. Spiega che il piano globale per il 2022, che attualmente comprende 44 progetti culturali, sarà presentato a settembre. Oltre alla cultura, mira anche a promuovere l’inclusione sociale. È segnato dalle mura medievali dell’ex carcere di Palazzo de Avalos, dove sarà allestito un centro culturale.

Il progetto è finanziato con un milione di euro dall’Unione Europea e altri tre milioni di euro dalla Regione Campania, con l’obiettivo di promuovere la cultura e la “soddisfazione sociale”. Un centro aperto e di auto-aiuto per le donne con problemi di salute mentale è una delle prime iniziative già avviate. Questi erano precedentemente collocati a terra e ora sono restituiti a Procita.

“Non ci stiamo isolando”, ha detto il sindaco Raymondo Ambrosino.

© Michael Namuth

A questi sforzi partecipano anche i rifugiati che vivono sull’isola. Forniscono strumenti musicali del loro paese d’origine al Music Lab. Dal 2017 Procida si sta diffondendo in tutta l’isola, portando immigrati che soggiornano in appartamenti privati.

Isola delle donne in viaggio per mare: oggi Procida produce le giovani generazioni di donne della marina

Il programma finanziato dal governo dura un anno e mezzo, dopo di che devono prendersi cura di se stessi. Alcuni di loro lavorano in hotel, ristoranti o bar sulla spiaggia durante l’alta stagione. Questi sono lavori che i giovani del posto fanno in altri luoghi di vacanza del sud Italia. Non ci sono discendenti a Procida. «I giovani guadagnano di più quando vengono assunti dalla Marina o a bordo di una nave», spiega il sindaco.

Sono formati nel 1833, una delle più antiche compagnie di navigazione d’Italia, l’Estituto Natico. L’idoneità è la stessa di Abidur e molte ragazze, non solo ragazzi, frequentano la scuola marittima. Anche Sierra Pissani si è diplomata qui quarant’anni fa, ma come la maggior parte delle donne della sua generazione, ha preso una strada diversa. Non vogliono più essere la moglie di un marine, ma non vogliono diventare marine. Oggi è diverso.

READ  Perché ci sono casi governativi in ​​Squadra Assura

Sono sempre di più le giovani donne che scelgono un’impresa di spedizioni, il che significa un futuro economico sicuro.

Come la ventenne Carmen Tropanes, lavora come assistente di un cosiddetto store manager su una grande nave da crociera. Il suo obiettivo è quello di diventare il capo, cioè l’ufficiale responsabile dell’intera area ospiti. Per riuscirci, ha ancora molto lavoro da fare. Ogni viaggio da casa dura dai tre ai quattro mesi. Ma non le importava così tanto. “Questo è il nostro mondo sull’isola, siamo sempre in mezzo all’oceano”, dice.

Destinazione Procita: la mini-isola italiana sarà la capitale culturale del 2022

Quasi tutti nella sua famiglia vanno per mare. Suo padre era un barcaiolo e Carmen, l’unica donna della famiglia, ne seguì le orme. E crede che sia la decisione giusta: “Mi piace conoscere posti nuovi, mi piace essere libera e spendere i miei soldi”.

Spendere i propri soldi non è ancora un problema per le nonne di Carmen e le mogli di altri marines. L’hanno guadagnato principalmente loro stessi. Non solo affittavano stanze per i visitatori estivi, ma erano anche lì quando Procida Petrollers guadagnava soldi a bordo, dopo una lunga crisi dei trasporti marittimi che durò fino agli anni ’50 quando passarono al vapore. La scrittrice Elizabeth Montaldo dice nel suo libro “Procida” che molti giovani isolani disoccupati all’epoca erano impiegati nelle petroliere. Il gruppo di donne, per lo più madri di marinai esperti, ha assunto il compito di mediare con le compagnie di navigazione. Molti figli sono tornati scioccati dopo molti anni di duro lavoro. I soldi guadagnati sono stati investiti nelle case e l’isola è stata debitamente costruita.

Questo capitolo storico ha anche plasmato la vita di Sierra. Suo marito era uno di quelli che tornavano da una petroliera e dopo non volevano più riprendere il mare. Ma come molti uomini non ne voleva parlare. “Le storie dell’isola sono per lo più raccontate dalle donne”, afferma Sierra Pissani, che crede che queste storie verranno raccontate durante tutto l’anno della capitale culturale.