Toscana Calcio

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su Toscana Calcio

Campeggiare in Italia: ecco com’è andare in vacanza nel campeggio più grande d’Europa

DottIl suo accampamento è quasi una piccola città. Più di 12.000 vacanzieri trascorrono contemporaneamente le loro vacanze a “Marina di Venezia” quando circa 3.000 parchi giochi e 400 alloggi in affitto sono al completo. Sulla stretta penisola di Cavallino-Treporti, a breve distanza in vaporetto da Venezia, l’enorme sito si estende per oltre 80 ettari e si dice che sia il campeggio più grande d’Europa.

All’arrivo c’è un braccialetto come nel resort. Più di 600 dipendenti si prendono cura degli ospiti del camping village situato tra il parco acquatico e la via dello shopping.

I superlativi stravaganti sembrano impressionanti, ma per alcuni vacanzieri sono anche come il turismo di massa e quindi sono un deterrente. Allora perché così tanti campeggiatori sono attratti lì? E com’è quando trascorri le vacanze sul campo? Nella conversazione, gli ospiti svelano vantaggi e svantaggi di un sistema di queste dimensioni. Ben presto si è scoperto che, nonostante le dimensioni, l’atmosfera è familiare; Vi chiamate semplicemente per nome.

3713° posto: due italiani tra tutti i tedeschi

A Marina di Venezia si parla tedesco. Gli ospiti di lingua tedesca costituiscono la maggioranza qui. Da decenni austriaci, svizzeri e tedeschi in particolare affollano il vasto campo. Costituiscono quasi il 70 percento di tutti i campeggiatori. La ragione di ciò risiede nei primi giorni della pianta. Dopo l’apertura alla fine degli anni ’50, le case automobilistiche tedesche amavano mandare i propri dipendenti in vacanza in Italia, e anche qui.

Tuttavia, al 3713° posto, Bruna e Germano hanno mostrato la loro bandiera alla loro patria italiana. Con la coppia di pensionati, che hanno quasi 80 anni e sono sposati da decenni, si ferma tricromatico Quasi immobile nel baldacchino nella calda aria estiva.

Germano e Bruna lavorano regolarmente a Marina di Venezia da 42 anni

Fonte: Sascha Rettig

I due sono tra i veterani ospiti qui. Ogni estate, negli ultimi 42 anni, hanno barattato il loro appartamento al quinto piano a Mestre, una cittadina sulla terraferma veneziana, per la loro offerta di campeggio. All’inizio vennero con i loro due figli.

Il loro viaggio era così breve che potevano tornare a casa ogni pochi giorni per innaffiare i fiori. Ma anche la sua seconda casa, il suo bambino».Casa Piccola“I due puliscono con grande devozione. “Questa è la mia proprietà”, dice Bruna ridendo e mostrando orgogliosa a Germano la sua attrezzatura, la cucina e il giardino con tutti i fiori. Adorano sedersi davanti alla loro roulotte, salutando i vicini mentre passano e avere una conversazione o due.

“C’è stato un tempo Inizio Ecco”, ricorda Bruna. “Il posto aveva solo tre stelle, una piscina e nient’altro”. Tanto è successo in questo senso nei decenni. Nel frattempo, la struttura, che è stata votata più volte di seguito Superplatz dall’ADAC Ha cinque stelle invece di tre, e quindi offre più di servizi igienico-sanitari puliti.

Leggi anche

L'Insel-Camp Fehmarn nello Schleswig-Holstein è uno dei super siti dell'ADAC 2022 in Germania

Fanno parte delle strutture un grande parco acquatico acquamarina con numerosi scivoli, una piscina con onde e una piscina di 50 metri, oltre a una spiaggia privata di oltre un chilometro, una chiesa protestante e cattolica e un campo da minigolf. Sulla via centrale si può passeggiare all’ombra dei pini, tra ristoranti, negozi, gelaterie, supermercati e il palco di animazione dove, tra l’altro, sono in programma spettacoli di fitness e sciocchezze per bambini.

Marina di Venezia: Le strutture del campeggio includono un parco acquatico Aquamarina con diversi scivoli, una piscina con onde e una piscina di 50 metri

Le strutture del campeggio includono un parco acquatico acquamarina con numerosi scivoli, una piscina con onde e una piscina di 50 metri

Fonte: Alberto Bernasconi / laif

Se non cucini come Bruna, ottieni molto di più di un normale pasto da campeggio con spaghetti, pizza o patatine fritte. Il ristorante “Calici e Mare” ha grandi ambizioni – molto elegante proprio sulla spiaggia.

Nonostante tutte le comodità e tutte le innovazioni nel corso degli anni: Germano a volte sbaglia la volta precedente. “Mi sentivo più libero in quel momento”, dice l’italiano con la testa nettamente calva, immergendosi nei ricordi di feste in maschera e battaglie in acqua. “Libero e bello.– “Libero e bello. “

Luogo 3361: Bandiere bavaresi nel campo

A pochi isolati di distanza, sventolano anche Michaela e Norbert, che hanno poco più di 50 anni. A parte il telo da bagno italiano sullo stendibiancheria, tutto è bavarese: la tovaglia è blu e bianca, ha una bandierina degli stessi colori dello Stato Libero, e c’è anche una tenda più grande all’esterno. .

Ma nonostante tutto il loro patriottismo bavarese, i nativi di Monaco non erano attratti dal lago Chiemsee o dalle Alpi. L’impiegato e il meccanico d’auto vanno in vacanza a Marina di Venezia da circa 20 anni, due volte l’anno – in diversi luoghi abituali: per i primi 10 anni hanno dormito in tenda. Quando i linebacker hanno smesso di giocare, hanno comprato una roulotte.

Marina di Venezia: Michaela e Norbert di Monaco di Baviera si sentono più liberi al campo che in albergo

Michaela e Norbert di Monaco di Baviera si sentono più liberi nel campo che in hotel

Fonte: Sascha Rettig

“Più tardi vogliamo rimanere più a lungo di due o tre settimane”, dice Michaela. “Qui siamo liberi”, aggiunge Norbert. “Possiamo fare colazione quando vogliamo. Non ci sono restrizioni come in hotel.”

La piazza era più italiana e tradizionale. Nel corso degli anni, molto è stato modernizzato e abbellito, anche in collaborazione con il famoso architetto e designer italiano Matteo Thun. “Avevamo delle riserve sulla riprogettazione, ma siamo rimasti piacevolmente sorpresi”, afferma Michaela.

Nulla è cambiato nelle dimensioni della scatola durante la conversione. “Marina di Venezia” non è adatta a chi è stanco di fare sport se non vuole rimanere nel proprio terreno come luogo di villeggiatura, con una superficie pari a più di undici campi da calcio. Dopotutto: ci sono 16 fermate navetta distribuite sul sito. È più facile e veloce andare in bicicletta.

Sulla strada centrale, gli ospiti possono passeggiare all'ombra dei pini tra ristoranti, negozi e la piattaforma di intrattenimento

Sulla strada centrale, gli ospiti possono passeggiare all’ombra dei pini tra ristoranti, negozi e la piattaforma di intrattenimento

Fonte: Alberto Bernasconi / laif

Anche Michaela e Norbert vanno in giro molto quando non sono in piscina, in spiaggia o sulla loro roulotte. Amano fermarsi all’altra estremità del parco dei cani, un’area riservata solo ai cani e ai loro proprietari, quasi come uno zoo di cani con una varietà di razze e il proprio veterinario.

Non ci sono quasi ragioni per cui Norbert lasci l’arena e quindi questo piccolo mondo a se stesso. Non è nemmeno attratto dalla pistola, che non è altro che a un tiro di schioppo. “Ci siamo andati cinque volte”, ricorda. “Ho finito con quello”, aggiunge con una risata.

3547 Luogo: Vacanza al mare con la famiglia

Britta, Dirk e il loro figlio Linus di Wachtendonk nel Nord Reno-Westfalia, con meno di 8.000 residenti più piccoli del campo al completo, hanno voluto dare una seconda possibilità a Marina di Venezia. Sono partiti presto la prima volta l’anno scorso dopo pochi giorni. Le dimensioni dell’area non erano la ragione. Era a causa delle molte zanzare.

Quest’anno sono ancora più attrezzati, tra l’altro con una zanzariera, e la mettono sul tavolo da campeggio come una cupola di formaggio. Hanno anche aggiornato i loro camper: invece di un Bulli con tettuccio, quest’anno sono venuti con il loro nuovo camper in titanio e si sono concessi un cosiddetto Super Pitch con 120 metri quadrati di siepi intorno.

Marina di Venezia: Britta e Dirk apprezzano la pace e la tranquillità del campeggio, anche quando è pieno

Britta e Dirk apprezzano la pace e la tranquillità del campeggio, anche quando è pieno

Fonte: Sascha Rettig

A Britta e Dirk piace il sistema. la sazietà non lo cambia. “È facile evitarsi a vicenda qui”, dice. Anche molti altri tedeschi non li infastidiscono. Dicono “se agiscono, non ci interessa” e trovano molto utile che molti dipendenti parlino la loro lingua. “Non devi necessariamente essere in grado di ordinare il cibo in tedesco, ma se ci sono problemi, puoi risolverli più velocemente in tedesco”.

C’è un altro motivo per cui la famiglia trascorre di nuovo le vacanze qui. In molti dei piccoli accampamenti in cui si trovava, il rumore e il trambusto l’avrebbero disturbata. “In Toscana, i vicini ascoltavano musica ad alto volume fino alle 23”, dice. E anche se ti aspetteresti che fosse diverso e molto frenetico, qui a Marina di Venezia non è stato così. Dalle 22:00 riposo notturno.

E non solo: qui, con dispiacere di alcuni campeggiatori, c’è ancora una tregua di mezzogiorno. Tra le 13:00 e le 15:00 si sente solo il cinguettio degli insetti, la brezza tra gli alberi e il russare lontano di un vicino. Anche la piscina del divertimento è chiusa per riposarsi, proprio quando hai sete di rinfrescarti nella calura estiva italiana.

Leggi anche

Sull'Adriatico: campeggio Omišalj in Croazia

Ma c’è sempre la spiaggia. Ha sabbia soffice come il Lido di Venezia, è molto spaziosa e ha molto spazio, anche se l’intera Marina di Venezia è prenotata. “L’acqua è bella e piatta e si approfondisce solo lentamente, il che è positivo per Linus.” Suo figlio ha abbastanza varietà; Questo è stato anche il motivo del loro ritorno nel campeggio più grande d’Europa.

L’anno prossimo, però, dovresti andare da qualche altra parte. “Non è la stessa vacanza 20 volte”, dice Dirk. “Vogliamo provare cose diverse.” Pertanto, non importa quanto siano soddisfatti, probabilmente non diventeranno ospiti abituali.

Il Camping Marina di Venezia si trova vicino a Venezia, Italia

Fonte: Mondo Infografico

Suggerimenti e informazioni:

Dirigendosi lì: L’Hotel Marina di Venezia Camping Village si trova sulla penisola di Cavallino-Treporti, a breve distanza in vaporetto da Venezia. Ci sono collegamenti ferroviari diretti da Monaco a Venezia, ad esempio con EC durante il giorno o con un Nightjet in un vagone letto. L’aeroporto Marco Polo dista circa 50 km in taxi o transfer.

tempo di viaggio: Il campeggio è aperto dal 9 aprile al 10 ottobre 2022.

Pernottamento: Le piazzole variano da 85 a 120 mq con allacciamento idrico, elettrico e fognario. Alcuni possono essere prenotati in anticipo, altri possono essere selezionati all’arrivo. Le tariffe dei posti auto per categoria e stagione partono da € 13,60 più spese per persona, cani, auto aggiuntive, ecc.; Puoi trovare il listino prezzi sul posto. Wi-Fi è gratuito.

Il posto è quasi al completo fino a settembre. Dopo di che, ci sono ancora posti vacanti fino alla fine della stagione. Oltre ai parchi giochi, c’è anche la possibilità di soggiornare in alloggi di lusso come ostelli e case mobili (marinadivenezia.it/it).

Informazione: Consiglio Nazionale del Turismo ENIT: it.de.

La partecipazione al viaggio è stata supportata da Marina di Venezia. I nostri standard per la trasparenza e l’indipendenza giornalistica sono disponibili all’indirizzo axelspringer.com/de/Werte/downloads.

Viaggio sicuro – Suggerimenti per una vacanza estiva senza stress

Le vacanze estive si stanno avvicinando: sono persino iniziate in sei stati federali. Nel caos degli aeroporti e dei treni sovraffollati, molti tedeschi si affidano alle loro auto. Ma c’è anche molto da considerare.

READ  Questo è ciò che gli italiani scrivono di Berna