Toscana Calcio

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su Toscana Calcio

Calcio – L’Italia non vuole “tutto e niente” – Austria Storica – Sport

LONDRA (Dpa) – I cacciatori di record italiani gestiscono il loro primo test a eliminazione diretta come obiettivo di tappa, sognando la prossima storica vittoria dell’Austria. Risposta rapida a una delle domande preferite in vista delle prime sedici finali per la nazionale austriaca agli Europei di calcio.

“Siamo l’Italia, siamo sul campo della vittoria”, ha detto Giovanni de Lorenzo a proposito della pretesa degli italiani alla Super Series nel 16° turno di sabato (9:00 / ZDF e MagentaTV) a Wembley, Londra. Lo stadio vuole allungare 30 partite e 1055 minuti senza subire gol.

Per molti australiani esperti in Bundesliga, la loro prima partita ad eliminazione diretta non dovrebbe finire qui. “Abbiamo fatto la storia, sono successe molte cose nelle ultime settimane, ma siamo ancora pronti per l’una o l’altra storia”, ha detto Christoph Bamkardner di Hoffenheim. R.P. Marcel Sabitzer del Lipsia ha promesso molta opposizione in ogni occasione: “Possiamo battere l’Italia con le nostre armi. Certo siamo arretrati, ma non daremo nulla”.

Spero che torni a Londra

Dopo le “notti magiche” (Nottie Magee) a Roma dal 1990 fino alla canzone dei Mondiali, Squadra Assura si affaccia ora al tempio del calcio di Wembley. Ma questa non dovrebbe essere la fine del loro stimolante viaggio EM. “Giochiamo in uno stadio fantastico”, ha detto il tecnico Roberto Mancini. “Speriamo di poter tornare a Londra ancora una volta”. La semifinale e la finale dell’11 luglio a Wembley erano un traguardo tanto atteso. “All’inizio nessuno ci credeva, eravamo molto orgogliosi”, ha detto Lorenzo Insine del nuovo personaggio preferito dopo il primo round di apertura del Campionato Europeo perfetto dal 2000.

READ  Turismo di massa in Italia - Celebrità internazionali criticano i viaggi a Venezia

Con sette gol, l’Italia ha il miglior attacco del Campionato Europeo finora dopo l’Olanda (8), con Assuri l’unica squadra a subire un gol oltre all’Inghilterra. Il fatto che i favoriti abbiano subito il loro ultimo gol 254 giorni fa nell’ottobre 2020 non ha stressato l’allenatore austriaco Franco Foda: “Possiamo segnare contro una squadra del genere”, ha detto. “A un certo punto arriva un punto in cui perdi.”

Verdi: “Tutto o niente”

Secondo Assuri, questo dovrebbe avvenire dopo le partite. Tuttavia, le tensioni aumentano con Marco Verratti & Co prima del primo incontro ad eliminazione diretta. “Più vai, più stress. Ora è tutto o niente, alla fine di questa partita puoi inseguire il tuo sogno o tornare a casa”, ha detto il direttore del centrocampo del Paris Saint-Germain a Londra. Nella prima XI. Il capitano Giorgio Cielini sarà illeso e l’equipaggio non è preoccupato per la foto.

Gli italiani si aspettano un piccolo beneficio dalla loro elevata freschezza. Dopotutto, gli Azzurri hanno avuto una giornata di pausa, e Mancini si è girato alla fine della squadra contro il Galles e ha dato una chance ai subentrati. “Dobbiamo affrontare la partita con la stessa aggressività, la stessa voglia, lo stesso coraggio, e poi potremo fare una partita migliore”, ha detto Verdi.

Corona rallenta i fan fans

Entrambe le squadre sono preoccupate per le condizioni del gioco a Londra durante i periodi di epidemia di corona. Le squadre si recano nell’area di variazione del virus a Londra il più tardi possibile e tornano subito dopo il fischio finale. Poiché i biglietti vengono venduti solo agli austriaci o agli italiani che vivono in Gran Bretagna, anche il supporto dei propri fan è basso. Foda ha descritto come “folle” che i tifosi non possano guardare la partita in diretta: “Non abbiamo raggiunto il 16° turno tutti i giorni”.

READ  Italia: Conde contro Grillo per lotta di potere in politica cinque stelle

Il resto spera nella prossima storica occasione per i primi quarti di finale dell’EM, che si svolgeranno il 2 luglio a Monaco di Baviera. “Stiamo vivendo il nostro sogno, abbiamo già realizzato qualcosa di grande, ma vogliamo ottenere qualcosa di ancora più grande”, ha detto Pamkardner. La squadra vuole anche chiudere con un’ultima vittoria la lunga serie negativa contro l’Italia del dicembre 1960. Florian Grillitch, dell’Hoffenheim, ha dichiarato con sicurezza: “Abbiamo realizzato qualcosa di storico, ma perché non dovrebbe continuare?”

Righe possibili:

Italiani: 21 Donorumma – 2D Lorenzo, 19 Bonucci, 15 Acerpi, 4 Spinasola – 18 Parella, 8 Jorkinho, 6 Verratti – 11 Ferrari, 17 Immobile, 10 Insine

Australia: 13 Bachmann – 21 navi, 3 Dragovic, 4 Hindregger, 8 Alaba – 23X. Schlecker, 10 Grillidich – 24 Limer, 9 Sottotitoli, 19 Palmkartner – 7 Arnadovic

Arbitro: Anthony Taylor (Inghilterra)

© dpa-infocom, dpa: 210625-99-141114 / 2