Toscana Calcio

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su Toscana Calcio

Italia: Conde contro Grillo per lotta di potere in politica cinque stelle

Quando il comico e politico Pepe Grilllo si reca da Genova a Roma e soggiorna ai Fori Imperiali nello stesso albergo del suo comico e politico in un’unione privata stranamente squilibrata, i suoi parlamentari e ministri di Cincinnati Stelle sono sempre presi da un misto di emozioni speciali: eccitazione e ansia. Grillo, che compirà presto 73 anni, è imprevedibile: aspetto senza tagli, scoppi d’ira, capperi. Eppure è anche una fonte di ispirazione semireligiosa per molti. Dopotutto, mentre galleggia, la gente lo chiama “El Elvato”. Può sembrare strano a un partito che è orgoglioso di trarre la sua essenza dalla democrazia di base. Certo che è corretto: molto strano.

Adesso Grillo è tornato a Roma, questa volta da solo. Qualcuno là fuori sta cercando di abbassare il proprio status. L’ultimo presidente del Consiglio italiano, Giuseppe Conte, è stato il nuovo “cappuccino” del partito per due anni e mezzo e fino a febbraio. Durante il suo mandato come capo del governo, non era nemmeno un membro registrato dello Zinc Stell, sebbene lo avessero elevato alla carica.

Ora vuole rinnovare completamente il partito, ancorarlo al centro politico e dargli strutture e spazio reale. Per fare questo, riscrive la legge, ripristina l’equilibrio del potere e democratizza le alte sfere. 32 pagine sono state raccolte. Una volta trovato un accordo, vuole inviare il documento ai membri in un sondaggio online e pone anche una domanda di fiducia – per se stesso.

Ma a Grillo non piace la carta, soprattutto l’area che ne gestisce i poteri. Finora, il cosiddetto garante della festa, ha sempre avuto l’ultima parola in tutto. Ha cacciato un candidato sindaco a Genova, che ha vinto le primarie perché non si adattava. Decide con molta arroganza chi governerà Zink Stelle. A volte con l’estremista di destra Leah, e poi con i socialdemocratici un tempo odiati, più recentemente con Mario Draghi, molti nel suo partito pensavano che fosse una personalità malvagia.

READ  Vacanze estive 2021: Grecia, Italia e Portogallo? Queste destinazioni di viaggio sono praticamente non corona

Tre alleanze in tre anni. Questo è significativo anche perché Zink Stelle non ha mai voluto fare squadra con i rappresentanti del vecchio stabilimento. Adesso governano con l’ex capo della Banca centrale europea, su ordine di Grillo. Adesso Grillo non poteva nemmeno postare un post sul blog prima di mostrarlo alla dirigenza del partito. Naturalmente, gode di tale controllo come un insulto alla maestà.

“Sono un garante, non un completo idiota”, dice Grillo

Così riunì intorno a sé le commissioni parlamentari, prima la Camera dei deputati e poi il Senato, per difendere la sua posizione. Il partito ha un totale di 237 parlamentari, il più numeroso dalle elezioni parlamentari del 2018. Conte no, non è nemmeno in parlamento. Come i partecipanti hanno poi detto alla stampa, “Garantisco, non un completo idiota”, ha detto inizialmente Grillo e ha ricevuto il primo applauso. Anche: “Ho bisogno di Conde, non ho bisogno di Conte”. Poi: “Giuseppe deve ancora imparare che cos’è il movimento”. Conte è un uomo razionale, lui, Grillo, è un visionario. Tutto è niente senza una visione. Poi l’elogio per Conte, “straordinario” e “innocente”. Era come sempre: uno spettacolo con una battuta finale in tutte le direzioni.

La lotta per il potere è appena iniziata e ci sono molte altre tattiche. Se Grillo non si fosse arreso, Cinque avrebbe gareggiato con Stell e Condé aveva già minacciato di trovare un suo partito. È molto popolare tra la gente e come parte del partito. Dieci per cento: quanto sarebbe grande la quota dei voti di Contess se avesse osato farlo da solo? Ci sono studi che sopravvalutano le sue possibilità, mentre la popolarità di Zink Stell senza Conte è crollata drasticamente negli ultimi anni.

READ  Gli Stati Uniti vincono prima della partita tedesca: il Kazakistan sconfigge l'Italia

Grillo ha portato il nuovo simbolo del partito alla sua comparsa davanti ai parlamentari. Sotto le stelle gialle è ora “2050”, un anno come un orizzonte promettente. Il logo è di proprietà e gestione personale di Pepe Grillo – almeno secondo la normativa vigente.