Toscana Calcio

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su Toscana Calcio

Calcio – fuori contro l’Italia: battuta la generazione d’oro del Belgio – sport

Monaco di Baviera (Dpa) – La notte dopo il frustrante Campionato Europeo contro l’Italia, la generazione d’oro del Belgio si è sparsa attorno a Kevin De Bruyne.

Dopo aver saltato le semifinali di Monaco, i “Red Devils” sono saliti per l’ultima volta sull’aereo per Charleroi per la loro base a Tubize e poi sono scomparsi nelle loro limousine.

La presunta generazione d’oro attorno a De Bruyne e Romelu Lukaku ancora una volta ha prematuramente fallito il loro obiettivo per il titolo contro gli italiani affermati (1:2). Il numero uno del mondo con i suoi figli talentuosi non è riuscito a raggiungere più del terzo posto ai Mondiali 2018. “Il calcio a volte può essere crudele”, ha detto l’allenatore della nazionale Roberto Martinez, che al momento non ha voluto commentare il suo futuro di dolore.

‘Grande delusione’

“La delusione è enorme”, ha ammesso il regista De Bruyne, che ha avuto grandi momenti contro gli italiani tatticamente brillanti, ma non quelli molto grandi. “Per me personalmente quattro o cinque settimane sono state pazze”, ha detto l’allenatore del Manchester City. “Prima l’infortunio in finale di Champions League, poi contro il Portogallo. Devo davvero ringraziare il nostro staff medico, hanno fatto di tutto per farmi giocare. Perché in realtà è un miracolo”.

De Bruyne ha assistito a un vero viaggio all’inferno. Nella finale persa della Prima Divisione a fine maggio, il 30enne ha riportato la frattura di naso e cavità oculare dopo essersi scontrato con il giocatore tedesco del Chelsea Antonio Rudiger.

“De Bruyne ha mostrato una dedizione incredibile”

Contro il portoghese domenica, si è rotto i legamenti della caviglia sinistra, come ha ammesso di fila dopo la sua seconda uscita nei quarti di finale dell’EM. “Kevin De Bruyne ha mostrato un’incredibile quantità di dedizione”, ha detto Martinez. Ho dato tutto. Questa è la mentalità di questa squadra.

READ  Italy Tour 104: Bernal si mostra doppio - Martin vince il Giro 17 Tappa - Sport

Tuttavia, forse non c’è un’anima d’oro in questo gruppo, i cui membri vincono titolo dopo titolo nel calcio di club. I belgi hanno perso solo due delle ultime 28 presenze in nazionale, ma ogni volta contava.

Il quotidiano inglese Guardian ha scritto: “Addio, generazione d’oro del Belgio, che potrebbe essere stata condannata una volta che il nome è stato loro imposto”. “Questa potrebbe essere stata l’ultima possibilità per una generazione d’oro dal Belgio di atterrare al vertice”, ha detto NOS nei Paesi Bassi.

Eden Hazard, con un infortunio alla coscia, ha mancato il Belgio in attacco come un altro talento eccezionale. La stella del Real Madrid ha dovuto guardarlo masticarsi le unghie con un berretto nero in testa e indossare una tuta in tribuna.

La fine della “generazione d’oro”

La vernice è sulla generazione d’oro? Lo stesso Martinez, che ha ancora un contratto fino al Mondiale 2022, ha lasciato aperto il suo futuro. “In questo momento per me è difficile parlare di qualcosa di diverso dalla sconfitta e dalla nostra esclusione dall’Europeo”, ha detto lo spagnolo, molto apprezzato in Premier League. Ma per alcuni veterani, la fine non deve essere “la fine”.

“È chiaro che i ragazzi stanno arrivando”, ha detto De Bruyne, che ha 30 anni ed è stagionato. In bilico contro l’Italia, Jeremy Ducos (19) dello Stade Rennes è la prossima generazione in attacco, e Dries Mertens (34) è solo un attore non protagonista. I belgi dovranno ringiovanire, soprattutto in difesa, con i nazionali record Jan Vertonghen (34), Thomas Vermaelen (35) e Toby Alderfeld (32).

E il resto? Può attaccare di nuovo, almeno al Mondiale in Qatar tra meno di un anno e mezzo. Nel documentario o centrocampista Youri Tielemans (24) “Nuovi grandi giocatori in arrivo”, “De Telegraaf” è stato valutato nei Paesi Bassi. E il “Daily Mail” ha parlato al Belgio con l’obiettivo di invecchiare, ma superstar come Cristiano Ronaldo (36) o Lionel Messi (34) sono ancora coraggiosi: “C’è speranza per il futuro”.

READ  Tim e Zverev sono nella metà inferiore e Nadal è sul campo da tennis nelle semifinali di Djokovic

© dpa-infocom, dpa: 210703-99-245301 / 2