Toscana Calcio

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su Toscana Calcio

Buone notizie per le donne in gravidanza con HPV vaginale: www.frauenaerzte-im-netz.de

Buone notizie per le donne in gravidanza con HPV vaginale: www.frauenaerzte-im-netz.de

06/08/2023

Le donne incinte infette da papillomavirus umano (HPV) spesso si chiedono se possono trasmettere l’infezione ai loro bambini prima o durante il parto. Uno studio canadese fornisce nuovi spunti in merito: in alcuni casi, i neonati sono risultati positivi all’HPV e il virus non era più rilevabile dal sesto mese di vita.

La dottoressa Hélène Trottier dell’Università di Montreal e il suo team hanno esaminato quanto è alto il rischio di trasmissione dell’HPV da una donna incinta al suo bambino e se il virus fosse ancora rilevabile nel bambino nei primi sei mesi di vita.

Più di 1.000 donne in gravidanza e i loro neonati sono stati testati per l’HPV

Tra il 2010 e il 2016, il team di ricerca ha reclutato donne incinte di età superiore ai 18 anni nell’ambito dello studio del patrimonio. Le partecipanti hanno effettuato esse stesse un tampone vaginale nel primo trimestre di gravidanza (fino alla 14a settimana). Se questo risultato è positivo per il materiale genetico del virus in laboratorio, il cosiddetto test del DNA dell’HPV viene ripetuto nel terzo trimestre.

Al termine del parto, da tutte le donne sono stati prelevati e testati ulteriori campioni (tampone vaginale, placenta, sacco amniotico). Il personale medico ha anche prelevato tamponi dalla congiuntiva, dalla bocca, dalla gola e dai genitali dei bambini di madri infette da HPV – alla nascita e all’età di 3 e 6 mesi.

Il risultato del test HPV appare in ogni quarta donna incinta e in ogni neonato

Complessivamente, il team di ricerca ha valutato campioni di 1.050 partecipanti e dei loro figli. In 422 donne in gravidanza (40,3%), lo striscio vaginale è risultato positivo per HPV. Delle donne infette da HPV, 280 (66,4%) avevano almeno un genotipo ad alto rischio. Più tipi di HPV sono stati rilevati in 190 (45,0%). I virus HPV sono stati rilevati anche nel 10,7% della placenta. I campioni prelevati dall’interno del sacco amniotico sono risultati positivi per l’HPV nel 3,9%.

READ  Le misure corona hanno anche ucciso un tipo di influenza

All’età di 3 mesi, circa il 7,2% dei neonati aveva biopsie del DNA dell’HPV. La congiuntiva è stata la più frequentemente colpita, seguita dalla bocca, dai genitali e dalla gola. A 6 mesi di età, l’HPV non era più rilevabile in nessuno dei bambini risultati positivi al virus.

Più test HPV previsti per i bambini

In questo studio, il materiale genetico dei virus HPV è stato rilevato in quattro donne incinte su dieci in un tampone vaginale. La trasmissione a un neonato prima o durante il parto era significativamente meno comune. Tuttavia, il test non è in grado di distinguere tra effettiva infezione, colonizzazione o contaminazione alla nascita. Tutti i test del DNA dell’HPV a 6 mesi di età erano negativi.

Il dottor Trottier ha ora in programma di riesaminare i bambini per l’HPV entro i prossimi cinque anni. In questo modo, i ricercatori vogliono garantire che i virus HPV siano completamente sradicati e non dormienti nei corpi dei bambini.

Nonostante i buoni risultati finora ottenuti, il Dr. Trotter l’importanza della vaccinazione contro l’HPV nei giovani uomini prima che diventino sessualmente attivi. D’altra parte, la vaccinazione tempestiva protegge dalle malattie correlate all’HPV come i tumori cervicali, anogenitali e orali. D’altra parte, l’infezione da HPV può aumentare notevolmente il rischio di parto prematuro.

Fonte: Pranamika Khayargoli et al, Trasmissione e persistenza dell’HPV nelle donne in gravidanza e nei loro neonati, JAMA Pediatrics (2023). DOI: 10.1001/jamapediatria.2023.1283