Toscana Calcio

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su Toscana Calcio

Buon ordine: la partecipazione di BASF è ancora rossa: BASF pianifica dividendi più alti dopo miliardi di profitti – Wintershall DEA IPO si impegna | newsletter

La più grande azienda chimica del mondo, BASF, è sottoposta a un carico crescente a causa dell’aumento dei prezzi dell’energia. Dopo un balzo delle vendite e dei profitti nel 2021, il gruppo prevede un calo nel 2022. “Abbiamo iniziato l’anno molto bene e a gennaio abbiamo avuto buoni numeri in più rispetto allo stesso mese dell’anno scorso”, ha dichiarato venerdì il presidente dell’azienda Martin Brudermüller quando era pieno -sono stati presentati i dati dell’anno. Dopo una ripresa molto forte lo scorso anno, l’economia globale dovrebbe crescere abbastanza moderatamente nel 2022.

Tuttavia, il gruppo DAX ha avvertito che i dubbi su un ulteriore sviluppo rimangono elevati. L’ulteriore traiettoria dell’epidemia di Corona potrebbe influenzare la domanda più del previsto e le difficoltà di approvvigionamento nelle catene del valore globali continueranno per un periodo più lungo. L’aumento dei prezzi dell’energia e l’aumento dell’inflazione potrebbero erodere il potere d’acquisto dei consumatori più del previsto.

“Implementeremo ulteriori significativi aumenti dei prezzi nei prossimi mesi al fine di trasferire costi significativamente aumentati e migliorare ancora una volta i nostri margini a valle”, ha affermato Brudermüller. A causa dell’ulteriore aumento dei prezzi del gas naturale, i costi aggiuntivi per i siti europei sono stati di circa 1,5 miliardi di euro nell’intero anno, di cui 800 milioni di euro solo nell’ultimo trimestre.

Per il 2022, la società prevede che le vendite scendano da 74 a 77 miliardi di euro e l’utile operativo da 6,6 a 7,2 miliardi di euro. BASF prevede un calo significativo dei profitti nelle sue divisioni di prodotti chimici di base e materie plastiche (materiali). Il gruppo prevede anche un leggero calo nei segmenti orientati al cliente delle soluzioni industriali e delle tecnologie di superficie. D’altra parte, BASF vuole guadagnare molto di più con i suoi prodotti per l’agricoltura, la nutrizione e la cura della persona.

Chetan Odishi di JP Morgan scrive in una prima reazione ai numeri del gruppo chimico che lo sviluppo del business più debole del previsto per il gruppo chimico smorza l’umore. In una stagione dei rapporti caratterizzata da sorprese per lo più positive, è improbabile che gli investitori la prendano bene. Tuttavia, un buon inizio dell’anno in corso indica un certo potenziale rialzista nelle previsioni.

Nel 2021, le vendite sono aumentate anno su anno a 78,6 miliardi di euro. A ciò ha contribuito in modo significativo l’aumento dei prezzi di vendita e dei volumi. Rettificato per gli effetti speciali, l’utile prima degli interessi e delle tasse (EBIT) è più che raddoppiato a 7,8 miliardi di euro. Anche qui l’azienda ha beneficiato delle misure di austerità. Il risultato netto è stato un utile attribuibile agli azionisti di 5,5 miliardi di euro. Nel primo anno di Corona, BASF ha registrato una buona perdita di 1 miliardo di euro a causa di cancellazioni multimiliardarie. Il consiglio di amministrazione di BASF vuole aumentare il dividendo di 10 centesimi a 3,40 euro per azione. Gli esperti si aspettavano in media lo stesso importo.

READ  Le aziende in Sassonia Anhalt beneficiano di milioni di finanziamenti nel 2021

BASF prevede più IPO per Wintershall DEA

BASF intende continuare a quotare la sua quota maggiore in Wintershall DEA. “Abbiamo preso una decisione strategica e riteniamo che un’offerta di azioni sia la strada giusta da percorrere”, ha dichiarato venerdì il Chief Financial Officer Hans-Ulrich Engel in una conferenza stampa online. Naturalmente, deve adattarsi al rispettivo contesto di mercato. Secondo un rapporto di stampa, la società di investimento LetterOne del miliardario russo Mikhail Fridman, che possiede la restante partecipazione nella società, vorrebbe addirittura bloccare del tutto il trasferimento.

Uno dei motivi è il sentimento del mercato nei confronti degli asset in Russia, dove la società produce gas e petrolio. Il Financial Times ha recentemente scritto che ciò “probabilmente porterebbe a una valutazione che non riflette il potenziale dell’azienda”.

“Data l’elevata importanza strategica dell’IPO di BASF e dei nostri stakeholder, utilizzeremo tutti i mezzi a nostra disposizione per proteggere i nostri diritti e interessi”, ha affermato Engel. Ciò includeva il ricorso legale e il diritto di perseguire un’offerta pubblica iniziale unilaterale nel 2023. Ma spera che BASF raggiunga un accordo con i comproprietari sulla questione.

Inizialmente, BASF aveva pianificato la sua offerta pubblica iniziale per la seconda metà del 2020, ma da allora l’ha posticipata più volte. Wintershall DEA è anche coinvolta nel finanziamento del controverso gasdotto Nord Stream 2 e ha concesso alla società di progetto un prestito di 730 milioni di euro. Data la guerra in Ucraina, il futuro del gasdotto tra Russia e Germania è incerto.

Dopo che il governo federale ha sospeso il processo di approvazione per la gestione del gasdotto russo-tedesco, gli Stati Uniti hanno imposto sanzioni all’operatore e ai suoi top manager. Secondo la compagnia russa del gas Gazprom, il gasdotto è stato completato a settembre e mira a trasportare gas dalla Russia alla Germania.

READ  Il patrimonio delle imprese statali è diminuito di circa 400 miliardi | bot di notizie

Engel ha affermato che cosa significheranno le sanzioni statunitensi per il futuro del gasdotto diventerà chiaro nelle prossime settimane e nei prossimi mesi. Nessuna attività operativa di Wintershall DEA è attualmente interessata dalle sanzioni. “Inoltre, non vediamo la Wintershall DEA sanzionata”. L’unico collegamento alla sanzione è il prestito. Tale importo dovrebbe essere rimborsato.

Wintershall DEA è nata nel 2019 dalla fusione di Wintershall Holding GmbH e DEA AG. Il gruppo petrolifero e del gas con sede a Kassel e Amburgo impiega circa 2.500 persone in tutto il mondo. BASF possiede il 70% di Wintershall DEA. Il resto è di proprietà di LetterOne, una holding in cui l’oligarca russo Mikhail Fridman ha accumulato le sue azioni della DEA.

Presidente BASF: non è ancora possibile stimare l’impatto delle sanzioni sulla Russia

Secondo il capo della BASF, Martin Brudermüller, le sanzioni imposte alla Russia all’indomani della guerra in Ucraina non possono ancora essere valutate. In merito alle sanzioni internazionali legate all’attacco russo, il capo dell’azienda chimica ha detto che sarebbe “scortese valutarne gli effetti”. “Il primo giorno dopo l’invasione dell’Ucraina, non è del tutto chiaro cosa contengano realmente le sanzioni”, ha detto Brudermüller venerdì alla presentazione del bilancio a Ludwigshafen.

“Siamo sbalorditi da questo attacco e siamo profondamente preoccupati per ulteriori sviluppi”, ha detto il regista. Non molto tempo fa, nessuno pensava che fosse possibile. “Ieri si è vista la fine della pace in Europa. È un giorno amaro per tutti noi”.

In BASF, le attività in Russia rappresentavano circa l’1% e in Ucraina lo 0,2% delle vendite. Questi mercati non avranno un “impatto significativo”. Tuttavia, i prezzi dell’energia rimarranno sicuramente più elevati nel medio termine.

Ecco come reagisce il titolo BASF

Venerdì, costi più elevati e disposizioni sui bonus hanno rovinato l’umore tra gli azionisti BASF. Nell’ultimo trimestre l’azienda chimica è risultata ben al di sotto delle aspettative in termini di risultato operativo. Dopo che il prezzo delle azioni era già sceso di circa il 6% il giorno precedente a seguito dell’attacco russo all’Ucraina, al mattino è sceso temporaneamente a quasi 58 euro e più recentemente del 2,33% a 59,64 euro.

READ  Le associazioni dei datori di lavoro chiedono agevolazioni fiscali sulle società corporate

Con un utile operativo (EBIT) di 1,2 miliardi di euro, BASF è del 9% al di sotto delle aspettative del mercato, ha scritto l’analista Chris Conehan della banca di investimento Jefferies nella sua prima reazione. Il gruppo si è comportato male nel reparto materiali, con l’EBIT che manca della stima di consenso di oltre un terzo. L’esperto ha individuato “costi fissi elevati e accantonamenti di bonus” come ragioni di ciò. Il margine EBIT è diminuito di otto punti percentuali.

“Ci aspettiamo una pressione sul prezzo delle azioni dopo i risultati”, aveva previsto Konnehan prima dell’apertura del mercato azionario. I segmenti Surface Technologies e Nutrition & Care sono stati più deboli rispetto al segmento Materials. Il primo è in ritardo rispetto alle aspettative del mercato in termini di risultato operativo di circa tre quarti e il secondo di circa due terzi. I costi più elevati per le materie prime e l’energia fissa potrebbero aver eroso la redditività in questo caso.

Chetan Odishi di JPMorgan ha anche affermato che le aspettative chiaramente non sono state superate. Ciò è in gran parte dovuto a un cambiamento nell’allocazione dei pagamenti dei bonus. Non sono più inclusi nella sezione “Altro”, ma sono ora assegnati ai singoli settori. “Questo non è stato completamente preso in considerazione nelle nostre stime e nelle stime di consenso”, ha scritto l’analista. Ma anche in un’attività puramente operativa, i risultati sono “veramente più deboli del previsto”.

Il prezzo di BASF minaccia ora di scendere ben al di sotto dei 57 € alla fine di novembre. Questo sarà il livello più basso da novembre 2020. All’inizio dell’anno 2021/2022, il prezzo ha recuperato fortemente a 69 euro. Ma il conflitto tra Russia e Ucraina, che alla fine si è intensificato, ha completamente distrutto questa ripresa negli ultimi giorni.

/ mne / mis

LUDWIGSHAFEN (dpa-AFX)

Prodotti per gru selezionati su BASFCon i knockout, gli investitori speculativi possono partecipare in modo sproporzionato ai movimenti dei prezzi. Scegli la gru che desideri e ti mostreremo i prodotti giusti su BASF

La leva dovrebbe essere compresa tra 2 e 20

Non ci sono dati

Altre notizie su BASF

Fonti immagine: BASF SE