Toscana Calcio

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su Toscana Calcio

Vertenza Ucraina: aziende tedesche chiudono negozi e fabbriche

Vertenza Ucraina: aziende tedesche chiudono negozi e fabbriche

Economia Dopo l’invasione russa

“La guerra conoscerà solo i perdenti” – Le aziende tedesche smettono di lavorare in Ucraina

“Le sanzioni hanno colpito il popolo russo e ridurranno gravemente l’economia nazionale”.

I ministri dell’Economia e delle Finanze discutono delle sanzioni contro la Russia a Parigi. “Ti consiglieremo come proteggere la nostra gente e la nostra economia”, afferma Christian Lindner (FDP). “Tutte le opzioni sono sul tavolo”, ha detto il ministro delle finanze federale.

Qui è dove troverai i contenuti di Podigee

Per interagire o visualizzare i contenuti di Podigee e di altri social network, abbiamo bisogno del tuo consenso.

Dopo l’invasione russa dell’Ucraina, le aziende di medie dimensioni tedesche e le aziende di diversi settori hanno chiuso la produzione o chiuso completamente le fabbriche. Il personale è stato rimandato a casa.

DottLe aziende tedesche stanno attualmente interrompendo i loro affari in Ucraina in gran numero, in vista dell’invasione delle truppe russe. Numerosi rapporti mostrano che le aziende di medie e grandi dimensioni sono preoccupate per la sicurezza della propria forza lavoro, chiudendo così gradualmente fabbriche e negozi.

Secondo la Camera dell’industria e del commercio tedesco-ucraina, partecipano circa 2.000 aziende con capitale tedesco. Insieme danno lavoro a circa 50.000 persone. La maggior parte di queste società si trova nella parte occidentale del paese, ma alcune si trovano anche nel Donbass a est, dove si trovano le regioni separatiste di Donetsk e Luhansk.

>>> Tutti gli sviluppi in Ucraina nel nastro della trasmissione in diretta <<

Ciò include anche l’impianto di materiali da costruzione di Knauf. L’azienda di famiglia di Iphofen, nella Bassa Franconia, produce pannelli di gesso in una parte del Donbass precedentemente sotto il controllo ucraino, a soli 20 chilometri dalle regioni separatiste. Ecco perché Knauf è stata una delle prime aziende a chiudere il proprio stabilimento “fino a nuovo avviso” ea rimandare a casa tutti i 589 dipendenti.

Qui è dove troverai contenuti di terze parti

Per interagire o visualizzare contenuti di terze parti, abbiamo bisogno del tuo consenso.

Ci sono anche porte chiuse alla metropolitana grossista. Il gruppo di Düsseldorf gestisce 26 negozi in Ucraina e impiega 3.400 persone. Da giovedì, 16 mercati non sono più aperti, compreso il sito di Mariupol al confine con la Russia. “Abbiamo evacuato il personale e le famiglie da lì in aree sicure del Paese”, ha detto un portavoce. Per il gruppo S-Dax, la regione riveste particolare interesse per il suo bilancio. Dopotutto, le vendite totali di recente in Ucraina sono state di circa 800 milioni di euro. È molto di più in Russia con 2,4 miliardi di euro. E la società nazionale ha recentemente realizzato un terzo di profitto in più rispetto al mercato interno tedesco, con vendite nette nemmeno della metà.

Leggi anche

Carro antiaereo Gepard 1A2.  Monster, 19.06.2007, © (c) di T. Imo / picture alliance / photothek

Anche l’industria automobilistica ne risente. Un certo numero di fornitori si è stabilito in Ucraina. Bosch, ad esempio, a Krakowitz, nell’ovest del Paese. La Leoni di Norimberga, leader nella produzione di fili, cavi e sistemi di cablaggio, gestisce anche due stabilimenti con un totale di 7.000 dipendenti nelle sedi di Stryji e Kolomyja nel sud-ovest del paese. Ora i due stabilimenti sono temporaneamente chiusi e c’è “malcontento e incredulità” per gli eventi degli ultimi giorni, ha riferito un portavoce.

Ci sono diverse altre aziende di vari settori industriali che ora hanno attivato piani di emergenza e formato squadre di lavoro. Ad esempio, Henkel, con sede a Persil, ha chiuso tutti e quattro gli stabilimenti di produzione con un totale di 600 dipendenti. Contestualmente sono stati chiusi anche gli uffici e gli uffici di rappresentanza, compresi quelli di SAP e BASF, entrambi situati nella capitale, Kiev, dove i carri armati russi erano già avanzati.

Leggi anche

Sta diventando sempre più chiaro che Vladimir Putin prende di mira in primo luogo la capitale

Resta chiuso anche il terminal container del porto di Odessa, nel Mar Nero, nell’Ucraina sudoccidentale, gestito dal porto di Amburgo e dal gruppo logistico HHLA dal 2001. Angela Tetzer, CEO di HHLA, ha affermato che 480 dipendenti sono stati rimandati a casa con uno stipendio mensile anticipato. Solo otto guardie stanno ancora lavorando per la sicurezza, ad esempio in caso di un possibile incendio.

Non è ancora possibile stimare gli ostacoli e i vincoli che ciò creerebbe per tutto il traffico merci internazionale, e ciò significa anche il traffico transcontinentale di treni container tra Europa e Cina, che si estende in gran parte attraverso il territorio russo e ucraino, afferma Tetzer. La logistica chiama il collegamento “Iron Silk Road”. Il porto di Odessa è importante anche per rifornire la popolazione di beni di consumo e funge da porto di esportazione principalmente per i prodotti agricoli.

Leggi anche

L’incertezza e le relative preoccupazioni riguardano anche l’Associazione delle Camere dell’industria e del commercio tedesche (DIHK). “Le conseguenze economiche di questa invasione non erano ancora previste, ma sono certamente gravi”, afferma il presidente del DIHK Peter Adrian. “Ci sono grandi dubbi ora che riguardano anche i dipendenti delle aziende tedesche e la Camera del commercio estero russa”.

Il Comitato per le relazioni economiche dell’Europa orientale ha rilasciato una dichiarazione simile. “Anche questa guerra vedrà solo dei perdenti”, afferma il presidente della commissione Oliver Hermes, il cui lavoro principale è l’amministratore delegato del produttore di pompe WILO con sede a Dortmund. La sua associazione ha cercato di costruire legami economici con l’Europa dell’Est da 70 anni. “Ci siamo sempre visti come costruttori di ponti che contribuiscono alla comprensione politica e sociale e alla riconciliazione con la regione”, afferma Hermès. I partner commerciali spesso diventano amici. “I successi di questo lavoro sono oggi in grande discussione”.

Leggi anche

Conflitto in Ucraina - Il discorso televisivo di Putin

Oltre alle società tedesche, società di numerosi altri paesi hanno ridotto la loro partecipazione in Ucraina. Ad esempio, l’azienda alimentare svizzera Nestlé ha temporaneamente chiuso i suoi tre stabilimenti e tutti i magazzini e ha interrotto la consegna di dolci, piatti pronti e bevande normalmente prodotti lì.

Lo stesso vale per il produttore di birra Anadolu Efes dalla Turchia, che gestisce una joint venture con il leader mondiale del mercato Anheuser Busch-Inbev con 3.000 dipendenti in Ucraina. La società ha affermato che al momento non viene prodotto o venduto. Il rivale danese Carlsberg ha finora chiuso due dei tre birrifici del paese.

Puoi ascoltare il podcast WELT qui

Usiamo il lettore di Podigee per il podcast WELT. Affinché tu possa vedere il lettore di podcast e interagire o visualizzare i contenuti di Podigee e altri social network, abbiamo bisogno del tuo consenso.

“Everything in Stock” è l’istantanea giornaliera della borsa valori del team editoriale di WELT Business. Ogni mattina dalle 7 del mattino con i nostri giornalisti finanziari. Per esperti di borsa e principianti. Iscriviti al podcast su spotifyE il Podcast di AppleE il musica amazzonica E il Deezer. o direttamente tramite RSS Feed.

READ  Ora Edica fa un passo straordinario