Toscana Calcio

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su Toscana Calcio

Brii Biosciences e VBI Vaccines presentano dati positivi dallo studio di Fase 1b/2a completato su BRII-179 (VBI-2601) in pazienti con epatite cronica B alla International Liver Conference (ILC) 2021

I dati indicano che BRII-179 (VBI-2601) ha indotto risposte sia delle cellule B (anticorpi) sia delle cellule T in pazienti affetti da epatite B cronica (HBV) ed è stato ben tollerato senza osservazioni di sicurezza.

I risultati supportano un’ulteriore valutazione clinica di BRII-179 (VBI-2601) come immunomodulatore in combinazione con altre modalità di trattamento come potenziale terapia funzionale per l’infezione cronica da HBV.

L’abstract è stato selezionato per l’inclusione nella presentazione “Best of ILC” all’EASL 2021

Scienze biologiche della preda (“Pre-Bio”) e VBI Azienda di vaccini (NASDAQ: VBIV) (“VBI”) oggi i risultati finali di uno studio di fase 1b/2a su BRII-179 (VBI-2601), un nuovo candidato per l’immunoterapia a base di proteine ​​in pazienti con infezione nota da virus dell’epatite B cronica (HBV) . I dati dello studio, che ha esaminato la sicurezza, l’attività antivirale e l’immunogenicità di BRII-179 (VBI-2601) da solo o in combinazione con interferone alfa (IFN-α) come adiuvante, hanno mostrato che l’immunoterapia sperimentale non era in pazienti con epatite cirrotica cronica.B sulla terapia con analogo B (NUC) indotta dalle risposte delle cellule B (anticorpi) e delle cellule T è stata ben tollerata senza alcuna osservazione di sicurezza. Lo studio è stato condotto da Brii Bio in collaborazione con VBI.

Questo comunicato stampa contiene contenuti multimediali. Guarda la versione completa qui: https://www.businesswire.com/news/home/20210623005966/de/

I dati, presentati in un poster elettronico di fine post alla European Association for Liver Screening (ILC) 2021 International Liver Conference (EASL), sono stati selezionati per essere inclusi nella presentazione “Best of ILC”, evidenziando i contributi più importanti di questo programma scientifico dell’anno.

Dott. Man-Fung Yuen, MD, MD, PhD, Professore presso l’Università di Hong Kong e Professore di Medicina presso Li Shu Fan Medical Corporation, Capo di Gastroenterologia ed Epatologia presso il Queen Mary Hospital, Hong Kong, ricercatore principale e presentatore dello studio presso INC ha commentato : Efficace per l’infezione da HBV, fino a 290 milioni di persone in tutto il mondo infette da epatite B svilupperanno complicazioni gravi e pericolose per la vita di questa malattia, come: B. Epatite B e carcinoma epatocellulare Dati incoraggianti che dimostrano il suo meccanismo d’azione nell’uomo confermano il la possibilità che BRII possa essere -179 (VBI-2601) è una componente fondamentale nello sviluppo di una terapia funzionale per l’infezione cronica da epatite B che può aiutare i pazienti e gli operatori sanitari a comprenderne le implicazioni per l’adattamento a una malattia devastante e per rallentare significativamente la progressione della malattia.

READ  Tasso di infezione da corona: puoi ancora andare nei Paesi Bassi?

Dott. “Siamo incoraggiati dai risultati di questo studio. Forniscono l’acquisizione e la convalida degli obiettivi, nonché un ulteriore supporto per l’ulteriore sviluppo clinico di BRII-179 (VBI-2601)”, ha affermato Li Yan, PhD, chief medical officer di Brii Bio. per includere questo candidato terapeutico.Un importante potenziale immunogeno nel nostro studio di Fase II in corso in combinazione con BRII-835 (VIR-2218), un piccolo acido ribonucleico interferente che prende di mira il virus dell’epatite B (HBV), insieme ai nostri partner autorizzati VBI Vaccines e Vir Biotecnologia, per fornire una terapia funzionale ai pazienti affetti da HBV cronico in tutto il mondo, inclusa la Cina, dove oltre 76 milioni di persone vivono con questa malattia devastante”.

Dott. Francisco Diaz-Mitoma, MD, PhD, chief medical officer di VBI, ha dichiarato: “BRII-179 (VBI-2601) contiene una nuova formulazione che contiene tutti e tre gli antigeni di superficie del virus dell’epatite B ed è progettata per colpire sia il B- Immunità delle cellule e dei linfociti T Il recupero degli anticorpi specifici dell’epatite B e delle risposte dei linfociti T osservato in questo studio in adulti con infezione cronica da virus dell’epatite B, una popolazione gravemente immunocompromessa, è incoraggiante e attendiamo con impazienza i risultati della fase II. uno studio di sintesi con BRII-835 (VIR-2218) mentre lavoriamo per sviluppare una soluzione a questa malattia altamente contagiosa”.

Inoltre, Vir Biotechnology, Inc. presenterà , che è partner di Brii nello sviluppo di BRII-835 (VIR-2218), fornisce nuovi dati clinici da due studi in corso che dimostrano la sicurezza, l’efficacia e la tollerabilità di BRII-835 (VIR-2218). Monoterapia per l’epatite B cronica e risultati preliminari di uno studio di combinazione di fase II con interferone alfa. Nell’aprile 2021 è stato avviato uno studio composito di fase II su BRII-835 (VIR-2218) e BRII-179 (VBI-2601) con l’obiettivo di sviluppare una terapia funzionale per l’epatite cronica B. Altri due studi di fase II con BRII- sono anche previsto per iniziare.835 (VIR-2218) in combinazione con altri principi attivi nel 2021.

READ  Vitamina D nella ricerca sul cancro: 30.000 decessi in meno

Informazioni sullo studio di fase 1b/2a BRII-179 (VBI-2601)

Lo studio di fase 1b/2a era uno studio randomizzato, aperto e controllato per valutare la sicurezza, la tollerabilità, l’attività antivirale e immunomodulante di BRII-179 (VBI-2601) in pazienti con epatite cronica C non cirrotica sotto analogo nucleos