Toscana Calcio

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su Toscana Calcio

Bosnia ed Erzegovina: controversia sul divieto di negazione del genocidio

Stato: 27/07/2021 20:05

Poco prima di lasciare il suo incarico, l’inviato delle Nazioni Unite in Bosnia ed Erzegovina ha approvato una legge che rende reato la negazione del genocidio di Srebrenica. Questo ora sta causando un’accesa discussione.

Scritto da Serjan Govedarica, ARD-Studio Wien

Il Parlamento della Republika Srpska a Banja Luka, capitale della parte serba della Bosnia: spalla a spalla, i capi dei partiti rappresentati in Parlamento mostrano unità in conferenza stampa. “I rappresentanti dei partiti politici della Republika Srpska respingono le decisioni imposte dall’Alto Rappresentante e le considerano inaccettabili e non valide”, afferma il presidente del Parlamento Nedeljko Koprilovic. “Riteniamo che non vi sia alcuna possibilità per i rappresentanti serbi di lavorare nelle istituzioni congiunte della Bosnia-Erzegovina – nella Presidenza, nel Parlamento e nel Consiglio dei ministri”, ha aggiunto.

Sarjan Govidarika
ARD studio Vienna

Questo paese politicamente complesso è praticamente oscurato perché le istituzioni dipendono dal consenso di tutti i rappresentanti. Con questa mossa, i politici serbo-bosniaci vogliono costringere Valentin Inzko a ribaltare la sua decisione. In qualità di alto rappresentante della comunità internazionale della Bosnia-Erzegovina, l’austriaco ha ampi poteri e può, ad esempio, licenziare funzionari eletti e emanare leggi.

Venerdì scorso, poco prima della fine del suo mandato di dodici anni, Inzko ha approvato un emendamento al codice penale nazionale. Si tratta del genocidio di Srebrenica, una delle questioni più delicate in Bosnia ed Erzegovina. Il punto principale della modifica della legge: la negazione dei crimini di guerra, dei crimini contro l’umanità e del genocidio sarà vietata in futuro.

READ  Crisi della corona: i tedeschi sono tornati dal Portogallo a causa della variabile delta متغير

“Non c’è nulla da negare”

“Meglio tardi che mai”, dice il famoso avvocato e pubblicista Josip Muslimovic di Mostar.

Era decisamente troppo tardi. Perché i nostri colli politici sono del tutto irresponsabili e portano in una mano un fascio di fieno e nell’altra una torcia. Sembrano non sapere che basta una scintilla e che – Dio non voglia – quello che è successo 25 anni fa può ripetersi anche qui. Abbiamo avuto abbastanza tempo per la maturità politica e per dire che le decisioni dei tribunali internazionali, comprese quelle del più piccolo tribunale nazionale, devono essere rispettate.

Muslimovic afferma che 34 giudici internazionali in dodici processi hanno classificato le uccisioni di massa di Srebrenica del 1995 come genocidio. Non c’è niente da negare. Inzko argomenta in modo simile in una dichiarazione scritta riguardante il suo editto. I cittadini della Bosnia ed Erzegovina avrebbero aspettato molti anni che i loro rappresentanti eletti legiferassero su questa materia molto seria. Tuttavia, tutti i tentativi in ​​tal senso sono stati bloccati.

I politici principalmente nazionalisti come Milorad Dodik sono intenzionali. Il leader del SNSD, il più grande partito in Bosnia e Serbo, è un membro della Presidenza di tre persone e un capo di Stato regolare. La negazione del genocidio di Srebrenica è una prova politica per lui e per altri politici della Republika Srpska. Dodik ha commentato venerdì scorso che la negazione del genocidio sarebbe punibile in futuro: “Non c’è stato nessun genocidio a Srebrenica. Il fatto che questa storia di genocidio debba ora essere trattata in questo modo mostra che questo genocidio è in dubbio e che ora si tenta di imporlo al popolo serbo”.

READ  New York: gli investigatori Usa sventano l'attacco all'ambasciatore del Myanmar alle Nazioni Unite

Valentin Inzko ha suscitato scalpore poco prima di lasciare l’ufficio dell’Alto rappresentante per la Bosnia ed Erzegovina.

Costruzione: AP

Un nuovo attore deve affrontare un’eredità difficile

L’emendamento alla legge entrerà in vigore il 28 luglio. È già stato pubblicato sul sito web dell’Alto rappresentante e nella Gazzetta ufficiale. Per le violazioni sono previste pene detentive da sei mesi a cinque anni. Ma anche questo sarà implementato in modo coerente? Questo punto preoccupa la mente dell’avvocato Muslimovich: “Mi chiedo, abbiamo un sistema legale e questo sistema legale ha il sostegno politico per consegnare alla giustizia gli autori di questo crimine?”

Anche Christian Schmidt dovrà occuparsi di queste domande dall’inizio di agosto. Il politico della CSU sostituisce l’austriaco Inzko come supremo rappresentante della Bosnia ed Erzegovina. Schmidt è considerato la scelta di Berlino e Washington. La Russia ha fallito negli ultimi metri al Consiglio di sicurezza dell’Onu con una mozione contro la sua nomina.

Il debutto di Schmidt non sarà facile, perché nazionalisti serbi come Dodik già negano la sua legittimità: “Non vogliamo vivere in un Paese dove chiunque può fare una legge sul proprio sito e farla funzionare. Il prossimo esponente di vertice non ha legittimità e non possiamo assolutamente più accettare una decisione da parte di nessuno, nemmeno da lui, che falsamente si presenta come il supremo rappresentante”.