Toscana Calcio

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su Toscana Calcio

Bielorussia: l’Unione europea ne ha abbastanza di Lukashenko

Paesi esteri Sanzioni dell’UE

Per punire Lukashenko, Heiko Maas accetta anche perdite da società tedesche

L'Unione europea ora è soddisfatta di Lukashenko

L’Unione europea ora è soddisfatta di Lukashenko

Fonte: dpa, Getty Images; Montaggio: mondo infografico

I ministri degli esteri europei impongono severe sanzioni economiche alla Bielorussia. Dall’atterraggio di emergenza di un aereo Ryanair a Minsk, Bruxelles è diventata più aggressiva che mai. Ora Putin deve rispondere a una domanda centrale sul futuro del regime.

nRaramente Heiko Maas appare così deciso e aggressivo come lunedì mattina alla riunione dei ministri degli esteri dell’Unione europea a Kirchberg, in Lussemburgo. È andato subito nei microfoni di diversi giornalisti. Il ministro degli Esteri tedesco annuncia nuove sanzioni contro il regime oppressivo di Alexander Lukashenko in Bielorussia. L’Unione europea ha impiegato molto tempo per farlo. Ma ora le misure punitive sono dure come raramente lo erano prima, solo il regime dei mullah in Iran viene punito in modo simile. “In questo modo, vogliamo contribuire al fatto che questo sistema si è prosciugato finanziariamente”, afferma Maas.

Potrebbero seguire sanzioni ancora più severe, il politico SPD ha dichiarato: “Questa non è la fine dell’asta della bandiera”. Sembra anche che il capo della diplomazia dell’UE, Josep Borrell, sia accusato in modo simile a Mas: “Le sanzioni sono un modo per esercitare pressione su di esso affinché eserciti l’ordine in Bielorussia. Queste sanzioni influenzeranno gravemente l’economia bielorussa. E cosa ti aspetti quando punire qualcuno? Cambia comportamento”.

Leggi anche

Heiko Josef Maas - politico tedesco SPD - Ministro federale degli affari esteri - qui nel suo ufficio

L’Unione europea è ora soddisfatta di Lukashenko. L’attuale elenco di sanzioni contro 88 bielorussi è stato ufficialmente integrato lunedì da altre 78 persone e otto istituzioni ed è entrato in vigore immediatamente. Ma questa volta, gli europei non si fermano più a congelare i conti e vietare l’ingresso a individui e organizzazioni coinvolti nella repressione dell’opposizione bielorussa e nel dirottamento di un aereo Ryanair con a bordo il blogger dell’opposizione Roman Protasevich. Invece, vogliono aumentare drasticamente la pressione sul regime di Lukashenko con sanzioni economiche di vasta portata.

Sette settori sono stati colpiti

Sono stati colpiti sette diversi settori, tra cui l’industria del potassio e dei fertilizzanti, i servizi finanziari, l’industria del petrolio e del gas e l’industria del tabacco. Secondo i diplomatici, ci sono anche restrizioni sui cosiddetti beni a duplice uso, che possono essere utilizzati anche per scopi militari o di polizia. La progettazione di dettaglio delle sanzioni economiche è ancora in fase di elaborazione. Queste misure mirano a persuadere Lukashenko a tenere nuove elezioni, rilasciare tutti i prigionieri politici e tollerare proteste pacifiche e libertà di espressione nel Paese.

Dopo l’entrata in vigore delle sanzioni economiche, Lukashenko sarà probabilmente più dipendente di prima da 1 miliardo di euro di prestiti da Mosca. L’unica domanda è: per quanto tempo il presidente russo Vladimir Putin può permettersi di creare un altro costoso avamposto oltre all’Ucraina orientale e alla Crimea a lungo termine? Per fare un confronto: la produzione economica della Russia è inferiore a quella dell’Italia e Mosca è anche fortemente dipendente dai prezzi dell’energia e dai tassi di cambio.

Leggi anche

Vladimir Putin (a sinistra) e Viktor Orban (arbitro)

L’Unione europea è il secondo partner commerciale della Bielorussia dopo la Russia. Il volume degli scambi lo scorso anno è stato di dieci miliardi di euro, con gli europei che hanno esportato merci per un valore di 6,2 miliardi di euro e importato merci per un valore di 3,8 miliardi di euro dalla Bielorussia. È improbabile che l’economia bielorussa sia gravemente colpita dalle restrizioni all’esportazione di sale di potassio o dalle sanzioni sui titoli di stato, ma a causa di un divieto di esportazione di vasta portata sui prodotti raffinati: circa dieci milioni di tonnellate di carburante esportate dalla Bielorussia nel 2019, sette milioni di tonnellate sono andate all’Unione Europea e alla Gran Bretagna.

Gli esperti stimano che le sanzioni economiche europee contro la Bielorussia potrebbero costare al Paese – a seconda di come è strutturato – tra il cinque e il dieci per cento del PIL. La Germania è particolarmente importante: la Bielorussia ha esportato merci per un valore di circa 730 milioni di euro in Germania, il quarto partner commerciale, lo scorso anno.

350 aziende tedesche in Bielorussia

In Bielorussia sono invece attive circa 350 aziende tedesche. Pertanto, le sanzioni influenzeranno indirettamente anche l’economia tedesca. “Certamente saremo colpiti anche nel settore energetico, dove ci sono le comunicazioni”, ha detto Maas. Tuttavia, le banche e le società energetiche austriache sono più colpite rispetto alle società tedesche.

Con le sanzioni economiche, l’Unione Europea vuole indebolire gravemente il finanziamento del regime di Lukashenko. Ecco perché gli europei, come gli americani prima, prendono di mira aziende statali come Belaruskali o Pleniftikim e le loro redditizie aree di lavoro. L’UE riconosce che le sanzioni possono colpire anche la popolazione del paese, ad esempio attraverso licenziamenti di massa temporanei. Ma questo argomento sembra ora avere meno voce in capitolo nelle deliberazioni di Bruxelles.

Leggi anche

Il giornalista bielorusso Roman Protasevic, arrestato il mese scorso dopo che il suo volo era stato costretto ad atterrare a Minsk, parla durante un'intervista alla televisione di stato bielorussa, in questo fermo immagine tratto da un video non datato.  Canale / volantino ONT TV tramite REUTERS TV Attention Editors - Questa immagine è stata fornita da una terza parte.  Non ci sono recensioni.  non archivio.  Credito obbligatorio.  L'immagine ha una filigrana nella fonte.

Solo pochi mesi fa, uno dei più importanti attivisti dell’opposizione, Pavel Latushka, ha dichiarato: “Quello che le persone per strada stanno dicendo qui è: siamo pronti a prendere sanzioni economiche per sei o dodici mesi se la situazione migliora dopo. Quello che abbiamo ora è molto peggio per la gente delle sanzioni economiche”.

READ  Iran: Raisi vince le elezioni presidenziali iraniane con il 62 percento